di Francesca Bellola

ok arte“La dimensione formale è centrale nel mio lavoro, ma quella è per me solo il punto di partenza. L'obiettivo è cogliere la luce nella sua purezza e classicità. Cerco una luce ideale”. Con queste parole Ljubodrag Andric spiega il significato del suo lavoro raccolto in un prezioso volume a colori in inglese con inserto dei testi in italiano, edito da Skira. Il volume “Ljubodrag Andric –Works 2008 – 2016” è stato presentato lo scorso 25 maggio alla libreria della Galleria Carla Sozzani di Milano alla presenza dell'autore, del curatore Demetrio Paparoni, del poeta e scrittore Aldo Nove e del curatore dei progetti editoriali di Thames & Hudson William Ewing. Si tratta della prima monografia dedicata all'artista serbo, nonché della sua prima esposizione in Le opere di grandi dimensioni sono ospitate in diversi sedi: in primo luogo, anche se per pochi giorni, nella stessa libreria dove si è tenuto l'incontro e alla Bocconi Art Gallery fino al 12 dicembre 2016.

Il progetto espositivo proseguirà anche alla Fondazione Querini Stampalia di Venezia, dal 25 luglio al 2 ottobre e alla Triennale di Milano dal 2 agosto al 25 settembre. Le opere dell'artista serbo rappresentano paesaggi e facciate di edifici medievali e moderni e sono tutte rigorosamente caratterizzate dall'assenza dell'uomo. I soggetti raffigurano delle visioni pittoriche riprese frontalmente tanto da percepire la porosità dell'affresco ispirandosi al primo Rinascimento di Fra' Angelico ed in particolare di Piero della Francesca. L'immagine è ripresa con una costruzione quasi geometrica che si avvicina alle opere di Giorgio Morandi e Luigi Ghirri. Contrariamente a loro, spiega Paparoni, Andric non rifiuta il figurativismo che in lui si manifesta nella riproduzione della trama materica accentuata da una leggera ma efficace alterazione dell'incidenza della luce.

I muri, quindi le barriere sia architettoniche che mentali, non esprimono drammaticità ma diffondono serenità e armonia come dimostrano i colori tenui e le tinte pastello delle opere. L'importante è sottrarre il luogo prescelto fermando il tempo sino a raggiungere un equilibrio naturale e minimalista. Secondo Andric la fotografia non si conclude con lo scatto anzi si evolve gradualmente lavorandola al computer. C'è bisogno di molto tempo, a volte occorrono anche due mesi, prima di ottenere un risultato soddisfacente. Un'immagine è finita quando vive di luce propria indipendentemente dal soggetto iniziale. Aldo Nove descrive così l'autore: “Ciò che detiene i confini (e li sbaraglia) delle foto di Ljubodrag Andric sono i muri e la polisemanticità che li porta (ci porta) altrove. Un altrove sempre presente. Muri che sono segno di un viaggio e quanto del viaggio ci precludiamo…”


I Video di OK ARTE, le note d'arte del critico Raimondo Raimondi

Raimondo Raimondi: Il premio OK ARTE Raimondo Raimondi: Il premio OK ARTE
Video - Deborah Valenti: Ritratto di una Lei - nota del critico Raimondi Raimond... Video - Deborah Valenti: Ritratto di una Lei - nota del critico Raimondi Raimond...
Cosa è l'arte - n.2 - note d'arte del critico Raimondi Raimondi Cosa è l'arte - n.2 - note d'arte del critico Raimondi Raimondi
Video -Salvatore Accolla - nota del critico Raimondi Raimondi Video -Salvatore Accolla - nota del critico Raimondi Raimondi
Quando l’uomo scoprì di avere un’anima Quando l’uomo scoprì di avere un’anima
Consagra, vivere da falco sulle cime di un orgoglio da povero Consagra, vivere da falco sulle cime di un orgoglio da povero
Gaudenzio Ferrari in una mostra diffusa nei luoghi della sua attività Gaudenzio Ferrari in una mostra diffusa nei luoghi della sua attività
Scopriamo gli archetipi classici di Picasso Scopriamo gli archetipi classici di Picasso
La strana avventura di Rimbaud, alias Rambo, a Milano La strana avventura di Rimbaud, alias Rambo, a Milano
San Carlo al Lazzaretto: tra recenti restauri e antiche memorie San Carlo al Lazzaretto: tra recenti restauri e antiche memorie
A Milano una fitta agenda di appuntamenti per il Fuorisalone A Milano una fitta agenda di appuntamenti per il Fuorisalone
Gillo Dorfles e l’esperienza americana Gillo Dorfles e l’esperienza americana
Camillo Boccaccino a Brera e gli amori sacri e profani Camillo Boccaccino a Brera e gli amori sacri e profani
La primavera alla Rocca Sforzesca e alla ex Filanda di Soncino: eventi culturali... La primavera alla Rocca Sforzesca e alla ex Filanda di Soncino: eventi culturali...
Le “Femmes Fatales” di Boldini risplendono alla Galleria d'Arte Moderna Le “Femmes Fatales” di Boldini risplendono alla Galleria d'Arte Moderna
Il ritorno a Milano di due capolavori della Scapigliatura Il ritorno a Milano di due capolavori della Scapigliatura

Articoli archiviati