Casalmaggiore celebra il grande pittore Giuseppe Diottihttp://www.okarte.it
Chiusura 28/01/2018
La mostra, allestita nel Museo Diotti, palazzo ottocentesco che fu dimora e studio dell’artista, presenta un centinaio di opere provenienti in gran parte dai più importanti musei lombardi, come la Pinacoteca di Brera, il Museo Civico Ala Ponzone di Cremona, l’Accademia Carrara di Bergamo, i Musei Civici di Brescia, i Musei Civici di Pavia, il Museo Civico di Lodi, oltre che dalla Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia e da collezioni private.
via Formis 17 - Casalmaggiore (CR) mappa
Inaugurazione 28/10/2017
Dal 28 ottobre 2017 al 28 gennaio 2018, Casalmaggiore (CR) celebra il genius loci Giuseppe Diotti (1779-1846), protagonista della pittura tardo neoclassica, sensibile alle istanze del Purismo e interprete originale del Romanticismo storico.

La mostra, allestita nel Museo Diotti, palazzo ottocentesco che fu dimora e studio dell’artista, presenta un centinaio di opere provenienti in gran parte dai più importanti musei lombardi, come la Pinacoteca di Brera, il Museo Civico Ala Ponzone di Cremona, l’Accademia Carrara di Bergamo, i Musei Civici di Brescia, i Musei Civici di Pavia, il Museo Civico di Lodi, oltre che dalla Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia e da collezioni private.

L’iniziativa, curata da Valter Rosa, è promossa dal Comune di Casalmaggiore (CR), col patrocinio di Regione Lombardia e il contributo della Camera di Commercio di Cremona.
Personaggio di spicco dell’arte italiana dell’Ottocento, Giuseppe Diotti ha insegnato per oltre trent’anni all’Accademia Carrara di Bergamo, formando una scuola di pittura che, nei primi decenni del XIX secolo, costituì, per metodo didattico e come vivaio di talenti, una valida alternativa alla più rinomata Accademia di Brera. La sua fama si diffuse rapidamente nell’ambiente culturale dell’epoca, al punto che Defendente Sacchi, critico tra i più autorevoli, lo definì “primo pittore lombardo”, riconoscendo in lui un primato oggettivo nella ripresa dell’antica tecnica dell’affresco e nel campo della pittura sacra.

Il percorso espositivo, suddiviso per aree tematiche, conduce il visitatore attraverso alcune tappe fondamentali della carriera di Diotti: dal periodo della formazione, in cui studiò il luminismo cinque-seicentesco attraverso le copie dai maestri, al perfezionamento degli studi negli anni del Pensionato romano, guidato a distanza da Giuseppe Bossi e sotto la protezione di Antonio Canova, a quello della maturità cui appartengono rilevanti cicli decorativi o dipinti legati alla pittura sacra e di storia, sino alla produzione finale, con la grande tela, incompiuta, del Giuramento di Pontida, ora conservata nella sala consiliare del Municipio di Casalmaggiore, e la ritrovata pala Petrobelli, esposta per la prima volta in questa occasione, con altri dipinti e disegni inediti.

L’iniziativa dedicata al pittore di Casalmaggiore dà al visitatore la possibilità di ammirare tre importanti opere conservate nei depositi dei musei lombardi, come La Corte di Ludovico il Moro del 1823, proveniente dal Museo Civico di Lodi, Antigone condannata a morte da Creonte del 1845, dall’Accademia Carrara di Bergamo e Il conte Ugolino nella torre del 1832, dai Musei Civici d’Arte e Storia di Brescia.
Proprio al tema dantesco di Ugolino nella torre, è dedicata un’apposita sezione, dove si confrontano le diverse versioni del Diotti e quelle di artisti contemporanei, come Palagi, Sabatelli, Massacra, sul crinale fra Neoclassicismo e Romanticismo.

Un aspetto ancora poco noto dell’attività di Diotti, quello del collezionista d’arte, è poi l’oggetto di una ricostruzione ideale della sua raccolta di stampe, allestita in questa occasione nella più ampia sala del Palazzo Diotti che il pittore aveva destinato a ospitare la collezione di dipinti e oggetti d’arte formata nei decenni trascorsi a Bergamo, in seguito dispersa dagli eredi.
Chiude idealmente il percorso una sezione documentaria sulla fortuna dell’artista nella sua epoca, con stampe di traduzione, libri e periodici.

Per tutto il periodo di apertura della mostra, sono stati organizzati degli itinerari diotteschi in città e in Lombardia che consentono di apprezzare le opere nel contesto per cui furono realizzate.
Il percorso a Casalmaggiore conduce all’interno del Palazzo Municipale, nella chiesa di Santo Stefano, nel Palazzo Favagrossa e nel villino Diotti di Rivarolo del Re; quello lombardo, tocca le località in cui Diotti operò nel corso della sua vita, lungo l’asse Casalmaggiore-Cremona-Bergamo, con appendici nelle valli bergamasche e sul lago d’Iseo.

L’iniziativa si avvale del patrocinio di: Provincia di Bergamo, Provincia di Brescia, Provincia di Cremona, Provincia di Lodi, Comune di Bergamo, Comune di Brescia, Comune di Cremona, Comune di Lodi, Comune di Alzano Lombardo (BG), Comune di Iseo (BS), Comune di Lovere (BG), Comune di Rivarolo del Re (CR), Comune di Soresina (CR), Comune di Stezzano (BG) e della collaborazione di: Academia Cremonensis di Cremona, Accademia di Belle Arti Tadini di Lovere (BG), Associazione “Il Torrione sul Po” di Casalmaggiore (CR), Associazione Pro Loco di Casalmaggiore (CR), Biblioteca Civica “Angelo Mai” di Bergamo, Circolo Fotocine Casalasco di Casalmaggiore (CR), Comune di Cremona, Fondazione Santa Chiara di Casalmaggiore (CR), IRCCS - Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri” di Milano, Istituto Comprensivo “G.Diotti” di Casalmaggiore (CR), Istituto Comprensivo “G.Marconi” di Casalmaggiore (CR), Istituto d’Istruzione Superiore “G.Romani” di Casalmaggiore (CR), Ufficio per i Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Bergamo, Ufficio per i Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Brescia, Ufficio per i Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Cremona.
Sponsor: Azotal s.p.a., Consorzio Casalasco del Pomodoro s.a.c. con il marchio De Rica, èpiù - Padania Alimenti s.r.l.

Accompagna la mostra un catalogo pubblicato dalle Edizioni Biblioteca A.E. Mortara.

Foto: Giuseppe Diotti, Adorazione dei pastori, 1809, olio su tela, cm 174x225 (Museo Diotti, deposito dell’Accademia di Belle Arti di Brera)
Informazioni e prenotazioni: tel. 0375.200416; www.museodiotti.it; info@museodiotti.it
 
Casalmaggiore celebra il grande pittore Giuseppe DiottiPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 

I Video di OK ARTE, le note d'arte del critico Raimondo Raimondi

Raimondo Raimondi: Il premio OK ARTE Raimondo Raimondi: Il premio OK ARTE
Video - Deborah Valenti: Ritratto di una Lei - nota del critico Raimondi Raimond... Video - Deborah Valenti: Ritratto di una Lei - nota del critico Raimondi Raimond...
Cosa è l'arte - n.2 - note d'arte del critico Raimondi Raimondi Cosa è l'arte - n.2 - note d'arte del critico Raimondi Raimondi
Video -Salvatore Accolla - nota del critico Raimondi Raimondi Video -Salvatore Accolla - nota del critico Raimondi Raimondi
Genova: Oliviero Toscani diventa ladro di felicità Genova: Oliviero Toscani diventa ladro di felicità
Quando l’uomo scoprì di avere un’anima Quando l’uomo scoprì di avere un’anima
Consagra, vivere da falco sulle cime di un orgoglio da povero Consagra, vivere da falco sulle cime di un orgoglio da povero
Gaudenzio Ferrari in una mostra diffusa nei luoghi della sua attività Gaudenzio Ferrari in una mostra diffusa nei luoghi della sua attività
Scopriamo gli archetipi classici di Picasso Scopriamo gli archetipi classici di Picasso
La strana avventura di Rimbaud, alias Rambo, a Milano La strana avventura di Rimbaud, alias Rambo, a Milano
San Carlo al Lazzaretto: tra recenti restauri e antiche memorie San Carlo al Lazzaretto: tra recenti restauri e antiche memorie
A Milano una fitta agenda di appuntamenti per il Fuorisalone A Milano una fitta agenda di appuntamenti per il Fuorisalone
Gillo Dorfles e l’esperienza americana Gillo Dorfles e l’esperienza americana
Camillo Boccaccino a Brera e gli amori sacri e profani Camillo Boccaccino a Brera e gli amori sacri e profani
La primavera alla Rocca Sforzesca e alla ex Filanda di Soncino: eventi culturali... La primavera alla Rocca Sforzesca e alla ex Filanda di Soncino: eventi culturali...
Le “Femmes Fatales” di Boldini risplendono alla Galleria d'Arte Moderna Le “Femmes Fatales” di Boldini risplendono alla Galleria d'Arte Moderna

Articoli archiviati

Artisti Costruttori di Pace (fuori concorso)