htdinosauritp://www.okarte.it
Chiusura 09/07/2017
La mostra vede il Museo delle Culture di Milano farsi promotore di un progetto culturale unico e assolutamente innovativo, che coinvolge anche il Museo di Storia Naturale di Milano, in una delle più importanti esposizioni scientifiche sull'evoluzione dei dinosauri, dalle origini fino alla loro estinzione.
Via Tortona, 56 Milano mappa
Inaugurazione 22/03/2017
Il MUDEC-Museo delle Culture di Milano continua a sorprendere i visitatori con il racconto della Storia più antica. Dopo il successo di “Homo Sapiens”, il museo milanese ospiterà nelle sue sale a partire dal 22 marzo uno dei dinosauri erbivori più grandi della storia della Terra, l’Argentinosaurus huinculensis, oltre al più grande dinosauro carnivoro del Sudamerica, il Giganotosaurus carolinii, controparte argentina del famoso Tyrannosaurus rex, e i cinque dinosauri più antichi noti finora. Si chiama “Dinosauri. Giganti dall’Argentina”, la nuova mostra che dal 22 marzo al 9 luglio vedrà il MUDEC farsi promotore di un progetto culturale unico e assolutamente innovativo, che coinvolgerà anche il Museo di Storia Naturale di Milano, in una delle più importanti esposizioni scientifiche sull'evoluzione dei dinosauri, dalle origini fino alla loro estinzione. Accanto all’aspetto scientifico, didattico e – perché no? - ludico della mostra, il progetto contempla anche la mostra “Rex and the city. I sauri e noi”, a cura dei conservatori del MUDEC e allestita nello spazio Focus, che darà ai visitatori la possibilità di riflettere sulla figura del dinosauro anche nell’immaginario culturale collettivo, nel corso dei secoli; un aspetto antropologico cui il MUDEC - per la natura stessa del museo – tiene particolarmente a raccontare al proprio pubblico.

“Dinosauri. Giganti dall’Argentina”, promossa dal Comune di Milano | Cultura e da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE che ne è anche il produttore, è realizzata in collaborazione con il Museo Civico di Storia Naturale di Milano e con la consulenza scientifica di Cristiano Dal Sasso, paleontologo del museo naturalistico milanese più grande e importante d'Italia e uno dei più prestigiosi in Europa. L’esposizione vanta la collaborazione con il sistema dei musei pubblici di paleontologia argentini e il Conicet (CNR Argentino), sotto la supervisione di Edgardo J. Romero, del Museo Argentino de Ciencias Naturales Bernardino Rivadavia. La mostra inoltre ha ottenuto il riconoscimento della Marca Paìs del Governo dell’Argentina e i patrocini del Consolato Generale e Centro di Promozione della Repubblica Argentina a Milano.

LA MOSTRA “Dinosauri. Giganti dall'Argentina” ripercorre l’intera storia dell’evoluzione dei dinosauri, partendo dal Triassico, passando poi nel Giurassico per concludersi con il Cretaceo, periodo che ha visto il massimo livello di biodiversità nel mondo dei dinosauri. In questo periodo sono vissuti i giganti di cui sono esposte le ricostruzioni degli scheletri in dimensioni reali: l’erbivoro forse più grande del mondo, l’Argentinosaurus huinculensis, che secondo alcuni paleontologi poteva raggiungere i 38 metri di lunghezza, e il più grande dinosauro carnivoro del Sudamerica, il Giganotosaurus carolinii, 13 metri di lunghezza per 10 tonnellate, che eguagliava in dimensioni il più famoso Tyrannosaurus rex. Al Cretaceo risalgono anche le molte uova provenienti dallo straordinario sito di Auca Mahuevo nella provincia di Neuquén in Patagonia, dove è stato rinvenuto anche il primo embrione di titanosauro, un dinosauro erbivoro gigante. Questo straordinario fossile è esposto in mostra assieme alla rappresentazione virtuale del suo sviluppo nell’uovo. 150 milioni di anni di storia naturale raccontati attraverso reperti e copie accuratissime provenienti dal parco naturale di Ischigualasto in Argentina, uno dei territori più ricchi ed importanti per lo studio dei dinosauri. In nessun altro Paese si può infatti trovare una tale ricchezza di esemplari appartenenti ai tre periodi dell’Era Mesozoica. Si tratta di testimonianze insostituibili dell’origine e dello sviluppo di questi rettili nell’emisfero australe, appartenenti alle collezioni scientifiche di alcune delle più prestigiose istituzioni museali argentine, insieme a riproduzioni ottenute con tecniche sofisticate a partire dai resti fossili, pezzi unici scientificamente rilevanti ricostruiti dai paleontologi, che hanno partecipato attivamente alla realizzazione della mostra.

L’itinerario della mostra avrà anche un percorso illustrato pensato appositamente per i bambini, a cui sarà dedicato un ricco calendario di iniziative didattiche e ludiche per i più piccoli e per le famiglie, a cura di Education Mudec.

Al MUDEC, infine, i visitatori potranno esplorare il mondo dei dinosauri attraverso un originale percorso dal taglio antropologico che indagherà il nostro atteggiamento nei confronti dei sauri mostruosi attraverso la storia. Si tratta dell’esposizione a cura dei conservatori del MUDEC Carolina Orsini con Anna Antonini e Federica Villa “Rex and the city. I sauri e noi”, visitabile nello Spazio Focus del museo in concomitanza con la mostra “Dinosauri. Giganti dall’Argentina”, dal 22 marzo al 9 luglio. L’esposizione è un vero e proprio omaggio alla figura del “sauro” nella storia. Dalle prime scoperte ai dibattiti scientifici sull’origine della vita sulla Terra, fino alle diverse rappresentazioni dell’immaginario novecentesco.
Info: www.ticket24ore.it | Tel. +39 0254917

I Video di OK ARTE, le note d'arte del critico Raimondo Raimondi

Raimondo Raimondi: Il premio OK ARTE Raimondo Raimondi: Il premio OK ARTE
Video - Deborah Valenti: Ritratto di una Lei - nota del critico Raimondi Raimond... Video - Deborah Valenti: Ritratto di una Lei - nota del critico Raimondi Raimond...
Cosa è l'arte - n.2 - note d'arte del critico Raimondi Raimondi Cosa è l'arte - n.2 - note d'arte del critico Raimondi Raimondi
Video -Salvatore Accolla - nota del critico Raimondi Raimondi Video -Salvatore Accolla - nota del critico Raimondi Raimondi
Genova: Oliviero Toscani diventa ladro di felicità Genova: Oliviero Toscani diventa ladro di felicità
Quando l’uomo scoprì di avere un’anima Quando l’uomo scoprì di avere un’anima
Consagra, vivere da falco sulle cime di un orgoglio da povero Consagra, vivere da falco sulle cime di un orgoglio da povero
Gaudenzio Ferrari in una mostra diffusa nei luoghi della sua attività Gaudenzio Ferrari in una mostra diffusa nei luoghi della sua attività
Scopriamo gli archetipi classici di Picasso Scopriamo gli archetipi classici di Picasso
La strana avventura di Rimbaud, alias Rambo, a Milano La strana avventura di Rimbaud, alias Rambo, a Milano
San Carlo al Lazzaretto: tra recenti restauri e antiche memorie San Carlo al Lazzaretto: tra recenti restauri e antiche memorie
A Milano una fitta agenda di appuntamenti per il Fuorisalone A Milano una fitta agenda di appuntamenti per il Fuorisalone
Gillo Dorfles e l’esperienza americana Gillo Dorfles e l’esperienza americana
Camillo Boccaccino a Brera e gli amori sacri e profani Camillo Boccaccino a Brera e gli amori sacri e profani
La primavera alla Rocca Sforzesca e alla ex Filanda di Soncino: eventi culturali... La primavera alla Rocca Sforzesca e alla ex Filanda di Soncino: eventi culturali...
Le “Femmes Fatales” di Boldini risplendono alla Galleria d'Arte Moderna Le “Femmes Fatales” di Boldini risplendono alla Galleria d'Arte Moderna

Articoli archiviati