Folle come il mare in tempesta - http://www.okarte.it
Chiusura 21/10/2017
L’innamoramento dell’artista cileno Olavarría per il dramma Re Lear è istantaneo, perché parla della follia del potere, della violenza tribale, della cecità emotiva. Il surrealismo della sua produzione plastica e grafica è connotato da echi mediterranei, che vanno da Picasso a Miró, da Klee a Carrà.
Via Benedetto Marcello 46, Milano mappa
Inaugurazione 21/09/2017
A proposito di Agustín, Alessandro Mendini ha giustamente sottolineato come “il suo porto d’imbarco geografico e espressivo è nel Cile, mentre il suo approdo professionale ed artistico si è fatto europeo”: il surrealismo iberico che caratterizza buona parte della sua produzione creativa – una “diagonale picassiana” che aggancia scultura, illustrazione e bricolage – appare davvero connotata da echi profondamente mediterranei. Oltre a suggestioni cromatiche provenienti dal giovane Klee e altre, più articolate formalmente, da Joan Miró (senza dimenticare il viso dell’Antigrazioso di Carlo Carrà) nelle teste di alcuni suoi personaggi si ravvisano addirittura le forme degli antichi idoli cicladici, ai quali Agustín sostituisce l’immemore marmo pario con il legno e il metallo.
Olavarría racconta di avere scoperto Shakespeare durante la sua adolescenza cilena. L’innamoramento per il dramma Re Lear è istantaneo: la follia del potere, la perversione egotista, la violenza tribale; infine la cecità emotiva ed etica. Il mondo strutturato come un grande tavolo da gioco, una scacchiera dove vari potentati e comparse duellano senza sosta. Ragionando all’inverso, è risaputo come tutti i giochi siano in qualche misura surrogati della violenza e dei conflitti, e l'intuizione di Agustín di immaginare Lear e la sua corte come dei piccoli idoli-giocattolo (spesso dotati di ruote) riporta proprio ad una lettura tragicamente ludica del dramma del Bardo.
Anche la lievità dell’acquarello bene si inserisce nel contesto a-temporale del Re Lear, dove dalle nebbie di una vicenda antichissima prendono forma numerose scene che Agustín seleziona dall’intreccio, riportandole in pittura con l’aiuto della graffiante imprecisione degli inchiostri. Amato e temuto, come spesso accade da bambini col proprio pupazzo preferito, anche questo Lear è imprevedibile e inquietante come un pagliaccio a molla: Agustín infatti lo rappresenta spesso che fa capolino da una scatola.
La storia potrebbe essere raccontata così: il vecchio Re Lear, deciso ad abdicare e delegare il potere alle sue figlie e per esse ai loro mariti e dividere fra di esse il suo regno, decide la spartizione e la solenne cerimonia che sanzionerà l’avvenimento. A questo scopo viene usato il rituale del «love-test», pubblicamente. Le prime due rispondono come devono, con atto di sottomissione completa. La terza, Cordelia, si ribella alla «forma» rituale, che le appare vuota ed inutile. Il vecchio re, di fronte allo scandalo e al grave attentato alla sua regalità, ovvero al sistema stesso su cui poggia il suo potere e lo Stato, disereda la figlia e la dà in sposa al re di Francia che se la porta via. Il tema della perdita e dell’abbandono si delinea, tenue come un sogno sul far dell’alba, nell’orizzonte della memoria biografica di Agustín, che ai suoi personaggi infonde la malinconia e la pensosità curiosa di chi è randagio per il mondo e per se stesso.

Agustín Olavarría nasce a Santiago del Cile il 26 marzo 1945. Dopo aver compiuto studi artistici all'Accademia di Belle Arti dell'Università del Cile, diventa professore di Arti Visive nella medesima Accademia. Tra il 1970 e il 1973 è il graphic designer presso l’Ufficio di Propaganda della Presidenza della Repubblica al Palacio de La Moneda.
Costretto ad abbandonare il Cile per motivi politici, si dirige prima a Buenos Aires ed infine a Genova, dove sbarca il 4 aprile 1974: in Italia prosegue la sua attività di graphic designer con Kartell, Flou e altre aziende milanesi.
Parallelamente all’attività di grafico d’azienda, Agustín ha continuato a fare arte, organizzando mostre personali e performances di pittura e disegno in Cile, Argentina, Colombia, Cuba, Francia, Germania, Olanda, Svizzera e Italia. Oltre alla pittura e al disegno ha sperimentato la litografia e la serigrafia. Particolarmente interessato alle potenzialità didattiche e comunicative proprie del linguaggio visuale e dell’animazione creativa, Agustín ha tenuto numerosi corsi, seminari e laboratori di pittura murale, disegno e scultura. I suoi libri per bambini e, soprattutto, i Pensamientos Ilustrados, sperimentano dei modelli comunicativi che attraverso l’uso minimale della parola e del disegno distillano gocce di ingenuità e saggezza.
 
Folle come il mare in tempesta - Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 

I Video di OK ARTE, le note d'arte del critico Raimondo Raimondi

Raimondo Raimondi: Il premio OK ARTE Raimondo Raimondi: Il premio OK ARTE
Video - Deborah Valenti: Ritratto di una Lei - nota del critico Raimondi Raimond... Video - Deborah Valenti: Ritratto di una Lei - nota del critico Raimondi Raimond...
Cosa è l'arte - n.2 - note d'arte del critico Raimondi Raimondi Cosa è l'arte - n.2 - note d'arte del critico Raimondi Raimondi
Video -Salvatore Accolla - nota del critico Raimondi Raimondi Video -Salvatore Accolla - nota del critico Raimondi Raimondi
Bottega Brera, il primo museum shop d’Italia Bottega Brera, il primo museum shop d’Italia
I luoghi del cuore FAI I luoghi del cuore FAI
Al Museo Poldi Pezzoli di Milano: l'Arte merita di più Al Museo Poldi Pezzoli di Milano: l'Arte merita di più
 Giulio Coltellacci e Incantesimi. I due ultimi volumi editi dagli Amici della S... Giulio Coltellacci e Incantesimi. I due ultimi volumi editi dagli Amici della S...
Le fotografie di Aiazzi e Majno al Museo del Paesaggio Le fotografie di Aiazzi e Majno al Museo del Paesaggio
Villa Bernasconi, un museo sul lago di Como Villa Bernasconi, un museo sul lago di Como
I vincitori del premio Artisti Costruttori di Pace 2017 I vincitori del premio Artisti Costruttori di Pace 2017
Salvatore Gregorietti, da Linus alla Coppa del nonno Salvatore Gregorietti, da Linus alla Coppa del nonno
Piranesi, incisore e affarista Piranesi, incisore e affarista
I video di OK ARTE I video di OK ARTE
Lorenzo Chinnici. Il Tempo Sospeso  Lorenzo Chinnici. Il Tempo Sospeso
I vincitori del premio Artisti Costruttori di Pace 2017 I vincitori del premio Artisti Costruttori di Pace 2017