http://www.okarte.it
Inaugurazione Video e concept di Nicola Evangelisti (www.nicolaevangelisti.it)
Sound design del compositore Nicola Evangelisti (www.nicolaevangelisti.com)

Presentazione di Michele Dolz

Con la partecipazione del Coro Sacri Concentus Cantores di Reggio Emilia diretto da Primo Iotti

Domenica 9 ottobre 2016

Santuario della Beata Vergine di San Luca, Bologna
Prima esibizione ore 18.30 - seconda esibizione ore 19.00

Info: francesca@facecreativelink.com




Face Creative Link presenta, in veste rinnovata e ampliata, l'opera “Genus Lucis", terzo progetto di un ciclo di opere che reinterpretano l’antica iconografia cristiana della luce divina intesa come simbolo del sacro. Il progetto vede una rinnovata collaborazione tra l’artista visivo Nicola Evangelisti e il compositore, musicista suo omonimo.

Come le due opere precedenti "Speculum Solis" sulla facciata della chiesa di San Procolo (Bologna Water Design 2014) e “Lux Inaccessibilis”, all’interno del chiostro della Basilica di San Domenico (Arte Fiera 2012), è un progetto multimediale, sintesi di differenti media, in cui immagini e suoni operando in stretta sinergia, si motivano reciprocamente amplificandosi gli uni con gli altri.

Genus Lucis è un riferimento alla metafisica della luce e un omaggio alle teorie cosmologiche di Roberto Grossatesta, teologo e scienziato cattolico del 1200, che si fondano sull'idea di un universo costituito e compenetrato dalla luce che manifestandosi diviene simbolo del divino.

Grossatesta afferma che ogni forma esistente è un qualche genere di luce (aliquod genus lucis) e manifestando sé stessa rende palese l’esistenza dell’ordine naturale delle cose, così nella metafisica della luce la materia luminosa è immagine ed epifania terrena di un più alto genere di luce, divino e spirituale. Semplicissima e priva di parti, indifferenziata e fonte di ogni differenziazione, diviene tramite per la concezione della dialettica trinitaria. Nella sua capacità di autogenerazione ed autopropagazione è manifestazione del divino: “lumen de lumine, deus de deo”.

La vetrata diviene simbolo del “tramite”, correlativo oggettivo del “passaggio” (dal greco paschein) attraverso il quale poter accedere alla luce quale epifania del sacro. ">
Video e concept di Nicola Evangelisti (www.nicolaevangelisti.it)
Sound design del compositore Nicola Evangelisti (www.nicolaevangelisti.com)

Presentazione di Michele Dolz

Con la partecipazione del Coro Sacri Concentus Cantores di Reggio Emilia diretto da Primo Iotti

Domenica 9 ottobre 2016

Santuario della Beata Vergine di San Luca, Bologna
Prima esibizione ore 18.30 - seconda esibizione ore 19.00

Info: francesca@facecreativelink.com




Face Creative Link presenta, in veste rinnovata e ampliata, l'opera “Genus Lucis", terzo progetto di un ciclo di opere che reinterpretano l’antica iconografia cristiana della luce divina intesa come simbolo del sacro. Il progetto vede una rinnovata collaborazione tra l’artista visivo Nicola Evangelisti e il compositore, musicista suo omonimo.

Come le due opere precedenti "Speculum Solis" sulla facciata della chiesa di San Procolo (Bologna Water Design 2014) e “Lux Inaccessibilis”, all’interno del chiostro della Basilica di San Domenico (Arte Fiera 2012), è un progetto multimediale, sintesi di differenti media, in cui immagini e suoni operando in stretta sinergia, si motivano reciprocamente amplificandosi gli uni con gli altri.

Genus Lucis è un riferimento alla metafisica della luce e un omaggio alle teorie cosmologiche di Roberto Grossatesta, teologo e scienziato cattolico del 1200, che si fondano sull'idea di un universo costituito e compenetrato dalla luce che manifestandosi diviene simbolo del divino.

Grossatesta afferma che ogni forma esistente è un qualche genere di luce (aliquod genus lucis) e manifestando sé stessa rende palese l’esistenza dell’ordine naturale delle cose, così nella metafisica della luce la materia luminosa è immagine ed epifania terrena di un più alto genere di luce, divino e spirituale. Semplicissima e priva di parti, indifferenziata e fonte di ogni differenziazione, diviene tramite per la concezione della dialettica trinitaria. Nella sua capacità di autogenerazione ed autopropagazione è manifestazione del divino: “lumen de lumine, deus de deo”.

La vetrata diviene simbolo del “tramite”, correlativo oggettivo del “passaggio” (dal greco paschein) attraverso il quale poter accedere alla luce quale epifania del sacro.
  - Chiusura 09/10/2016
Via San Luca mappaGenus Lucis II
09/10/2016
mappa 
Video e concept di Nicola Evangelisti (www.nicolaevangelisti.it)
Sound design del compositore Nicola Evangelisti (www.nicolaevangelisti.com)

Presentazione di Michele Dolz

Con la partecipazione del Coro Sacri Concentus Cantores di Reggio Emilia diretto da Primo Iotti

Domenica 9 ottobre 2016

Santuario della Beata Vergine di San Luca, Bologna
Prima esibizione ore 18.30 - seconda esibizione ore 19.00

Info: francesca@facecreativelink.com




Face Creative Link presenta, in veste rinnovata e ampliata, l'opera “Genus Lucis", terzo progetto di un ciclo di opere che reinterpretano l’antica iconografia cristiana della luce divina intesa come simbolo del sacro. Il progetto vede una rinnovata collaborazione tra l’artista visivo Nicola Evangelisti e il compositore, musicista suo omonimo.

Come le due opere precedenti "Speculum Solis" sulla facciata della chiesa di San Procolo (Bologna Water Design 2014) e “Lux Inaccessibilis”, all’interno del chiostro della Basilica di San Domenico (Arte Fiera 2012), è un progetto multimediale, sintesi di differenti media, in cui immagini e suoni operando in stretta sinergia, si motivano reciprocamente amplificandosi gli uni con gli altri.

Genus Lucis è un riferimento alla metafisica della luce e un omaggio alle teorie cosmologiche di Roberto Grossatesta, teologo e scienziato cattolico del 1200, che si fondano sull'idea di un universo costituito e compenetrato dalla luce che manifestandosi diviene simbolo del divino.

Grossatesta afferma che ogni forma esistente è un qualche genere di luce (aliquod genus lucis) e manifestando sé stessa rende palese l’esistenza dell’ordine naturale delle cose, così nella metafisica della luce la materia luminosa è immagine ed epifania terrena di un più alto genere di luce, divino e spirituale. Semplicissima e priva di parti, indifferenziata e fonte di ogni differenziazione, diviene tramite per la concezione della dialettica trinitaria. Nella sua capacità di autogenerazione ed autopropagazione è manifestazione del divino: “lumen de lumine, deus de deo”.

La vetrata diviene simbolo del “tramite”, correlativo oggettivo del “passaggio” (dal greco paschein) attraverso il quale poter accedere alla luce quale epifania del sacro. 09/10/2016 Via San Luca
Genus Lucis II
Video e concept di Nicola Evangelisti (www.nicolaevangelisti.it)
Sound design del compositore Nicola Evangelisti (www.nicolaevangelisti.com)

Presentazione di Michele Dolz

Con la partecipazione del Coro Sacri Concentus Cantores di Reggio Emilia diretto da Primo Iotti

Domenica 9 ottobre 2016

Santuario della Beata Vergine di San Luca, Bologna
Prima esibizione ore 18.30 - seconda esibizione ore 19.00

Info: francesca@facecreativelink.com


Face Creative Link presenta, in veste rinnovata e ampliata, l'opera “Genus Lucis", terzo progetto di un ciclo di opere che reinterpretano l’antica iconografia cristiana della luce divina intesa come simbolo del sacro. Il progetto vede una rinnovata collaborazione tra l’artista visivo Nicola Evangelisti e il compositore, musicista suo omonimo.

Come le due opere precedenti "Speculum Solis" sulla facciata della chiesa di San Procolo (Bologna Water Design 2014) e “Lux Inaccessibilis”, all’interno del chiostro della Basilica di San Domenico (Arte Fiera 2012), è un progetto multimediale, sintesi di differenti media, in cui immagini e suoni operando in stretta sinergia, si motivano reciprocamente amplificandosi gli uni con gli altri.

Genus Lucis è un riferimento alla metafisica della luce e un omaggio alle teorie cosmologiche di Roberto Grossatesta, teologo e scienziato cattolico del 1200, che si fondano sull'idea di un universo costituito e compenetrato dalla luce che manifestandosi diviene simbolo del divino.

Grossatesta afferma che ogni forma esistente è un qualche genere di luce (aliquod genus lucis) e manifestando sé stessa rende palese l’esistenza dell’ordine naturale delle cose, così nella metafisica della luce la materia luminosa è immagine ed epifania terrena di un più alto genere di luce, divino e spirituale. Semplicissima e priva di parti, indifferenziata e fonte di ogni differenziazione, diviene tramite per la concezione della dialettica trinitaria. Nella sua capacità di autogenerazione ed autopropagazione è manifestazione del divino: “lumen de lumine, deus de deo”.

La vetrata diviene simbolo del “tramite”, correlativo oggettivo del “passaggio” (dal greco paschein) attraverso il quale poter accedere alla luce quale epifania del sacro. 

I Video di OK ARTE, le note d'arte del critico Raimondo Raimondi

Raimondo Raimondi: Il premio OK ARTE Raimondo Raimondi: Il premio OK ARTE
Video - Deborah Valenti: Ritratto di una Lei - nota del critico Raimondi Raimond... Video - Deborah Valenti: Ritratto di una Lei - nota del critico Raimondi Raimond...
Cosa è l'arte - n.2 - note d'arte del critico Raimondi Raimondi Cosa è l'arte - n.2 - note d'arte del critico Raimondi Raimondi
Video -Salvatore Accolla - nota del critico Raimondi Raimondi Video -Salvatore Accolla - nota del critico Raimondi Raimondi
Genova: Oliviero Toscani diventa ladro di felicità Genova: Oliviero Toscani diventa ladro di felicità
Quando l’uomo scoprì di avere un’anima Quando l’uomo scoprì di avere un’anima
Consagra, vivere da falco sulle cime di un orgoglio da povero Consagra, vivere da falco sulle cime di un orgoglio da povero
Gaudenzio Ferrari in una mostra diffusa nei luoghi della sua attività Gaudenzio Ferrari in una mostra diffusa nei luoghi della sua attività
Scopriamo gli archetipi classici di Picasso Scopriamo gli archetipi classici di Picasso
La strana avventura di Rimbaud, alias Rambo, a Milano La strana avventura di Rimbaud, alias Rambo, a Milano
San Carlo al Lazzaretto: tra recenti restauri e antiche memorie San Carlo al Lazzaretto: tra recenti restauri e antiche memorie
A Milano una fitta agenda di appuntamenti per il Fuorisalone A Milano una fitta agenda di appuntamenti per il Fuorisalone
Gillo Dorfles e l’esperienza americana Gillo Dorfles e l’esperienza americana
Camillo Boccaccino a Brera e gli amori sacri e profani Camillo Boccaccino a Brera e gli amori sacri e profani
La primavera alla Rocca Sforzesca e alla ex Filanda di Soncino: eventi culturali... La primavera alla Rocca Sforzesca e alla ex Filanda di Soncino: eventi culturali...
Le “Femmes Fatales” di Boldini risplendono alla Galleria d'Arte Moderna Le “Femmes Fatales” di Boldini risplendono alla Galleria d'Arte Moderna

Articoli archiviati