GTranslate

 

SAURO BENASSI GIAN LUCA GALAVOTTI FEDERICA FRANCONERI

La libertà retorica di accostare due concetti appartenenti a due piani sensoriali diversi porta a una narrazione inaspettata e di infinite interpretazioni. La contaminazione dei sensi nella percezione permettono di ascoltare i colori, di vedere i suoni, di sentire le forme. Le stimolazioni che capta il nostro occhio inducono così a delle esperienze, automatiche e involontarie, in un molteplice percorso sensoriale e cognitivo. Si può assistere a situazioni di tale polisensorialità affrontando le opere di Sauro Benassi che – con la vibrane cromia e la forma rumorosa – offrono un'avventura sinestetica o fonostetica per chi le affronta- a seconda se 'attenzione personale cade sui grafemi o sui fonemi dei canali comunicativi. Ci si trova in un campo degustativo, più che percettivo, che permette alle nostre capacità ricettive di assaggiare il mondo scoprendo i sapori nascosti delle cose e confondere i limiti tra le loro manifestazioni oggettive. Benassi non lavora, dunque, sulla stesura di un'immagine bensì sulla costruzione di un spettacolo completo in ogni sua parte. 


Se è vero che la geometria della vita va sistemando le sensazioni con morbidi echi di sussulto, ed è mare uguale goccia dello stesso oceano, la forma del silenzio sineddocale delle tele di Gian Luca Galavotti ne è la poetica grafica. La presenza afona delle sue creazioni affida all'ideastesia delle forme tutta la sua espressività. Si sprono numerose finestre attenzionali che zoomano lo sguardo su dettagli - ritagli di sguardi - che richiamano interi sistemi semantici nella memoria. Una narrazione costruita da frasi semplici di pochi morfemi, dove ogni lessema o parte di esso è sufficiente per attivare la sequenza cognitiva. E arte è fatta. E' in questo unico attimo- dove l'attivazione di concetti produce esperienza fenomenica - che si consuma l'unicità dell'opera – quella che la renderà un concetto mentale nuovo che, a sua volta, evocherà un esperire nuovo.  Perché l'arte accade quando l'intensità del significato prodotto da una certa creazione e l'intensità delle esperienze indotte da essa sono bilanciate.

Un verso senza identità metrica e struttura formale, obbediente alla sola volontà del suo creatore e alla manifestazione delle parole, contraddistingue la poetica libera di Federica Franconeri. Legata ai soli limiti della materia – una resina vetrosa quale densità è spesso rinforzata da cromie e gesti improvvisi - l'opera si abbandona a una narrazione "a memoria" che si allontana progressivamente dall'immagine visiva per ricostruire quella mentale. La raffigurazione diventa un simbolo cognitivo interno che rappresenta a noi stessi la realtà oggettiva e da forma a quella ideale. E' questo realismo indiretto a governare la visione umana del mondo e del quale Franconeri propone una traccia figurata dell'unica spiegazione della natura delle idee che è concessa all'essere umano. Una storia, quindi, di poche forme e molta dinamica, di empatia artistica intenta da una parte a cogliere in impressioni l'immaginario rappresentativo di ognuno di noi, mentre dall'altra a coinvolgere emotivamente il fruitore con un messaggio in cui lo stesso è portato a immedesimarsi.

Denitza Nedkova 
Presentazione critica a cura della dott.ssa: Denitza Nedkova

La Galleria d’Arte Contemporanea Wikiarte

Via San Felice 18 - Bologna
Sabato 10 novembre 2018

ore 18.00 Inaugurazione delle mostre personali

Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph