GTranslate

 

PHOENIX. Il Padiglione de l'Esprit Nouveau tra ricostruzione e restauro

Istituzione Bologna Musei | MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna
PHOENIX. Il Padiglione de l'Esprit Nouveau tra ricostruzione e restauro

A cura di Maria Beatrice Bettazzi, Jacopo Gresleri e Paolo Lipparini
Con l'alta consulenza di Giuliano Gresleri
Padiglione de l’Esprit Nouveau | Piazza della Costituzione 11, Bologna
24 novembre 2018 - 6 gennaio 2019
Ad un anno dalla sua riapertura al pubblico dopo l'intervento di restauro finanziato da Regione Emilia-Romagna e Comune di Bologna, il Padiglione de l'Esprit Nouveau ospita la mostra PHOENIX. Il Padiglione de l'Esprit Nouveau tra ricostruzione e restauro curata da Maria Beatrice Bettazzi, Jacopo Gresleri e Paolo Lipparini con l'alta consulenza di Giuliano Gresleri.
L'esposizione, allestita su progetto dell'architetto Jacopo Gresleri, offre allo spettatore la possibilità di ripercorrere la storia della costruzione dell'edificio, una replica - fedele in ogni dettaglio - del prototipo di unità abitativa che l'architetto Le Corbusier aveva proposto a Parigi nel 1925 in occasione dell'Exposition des Arts Decoratifs et Industriels Modernes, poi demolito a conclusione dell'evento.

All'interno del Padiglione sono esposti i progetti, i disegni, le immagini e le testimonianze che documentano il processo di  realizzazione di quella che è l'unica opera del maestro svizzero-francese presente in Italia - dall'ideazione e studio alle varie fasi di lavoro -, frutto di un progetto visionario ideato da Giuliano Gresleri, Glauco Gresleri, José Oubrerie e Giorgio Trebbi da realizzarsi nel nuovo centro strategico appena costruito, che alla fine degli anni Sessanta si andava configurando come la “nuova Bologna”, all'interno del piano di ampliamento cittadino e dove coesistevano nuove realtà culturali ed economiche, quali il complesso del Fiera District di Kenzo Tange e la Galleria d'Arte Moderna di Leone Pancaldi.

I disegni, provenienti dal Fondo dell'Archivio Storico dell'Università di Bologna e da quello privato del professor Giuliano Gresleri, mettono in luce il processo di ricerca alla base della ricostruzione e della scelta di tutti i dettagli - infissi, porte, pavimenti e colori -, ai quali Le Corbusier dedicava particolare attenzione, in una visione di spazio cromatico e funzionale in costante rapporto tra interno ed esterno.
In esposizione alcuni materiali della Collezione Cassina dell'Archivio Storico di Cassina a Meda, i plastici eseguiti dagli allievi dell'Atelier di Giuliano Gresleri alla Syracuse University e l'eccezionale allestimento di volumi storici provenienti dalla Collezione Gresleri, dedicati in particolare alle tematiche dell'alloggio a basso costo, delle cromie architettoniche e della didattica dell'architettura.
Sono visibili inoltre filmati originali del 1977 in cui illustri protagonisti del mondo dell'architettura italiana dialogano sulle specificità del Padiglione, primo edificio nella storia dell'architettura ad introdurre un grande elemento vegetale all'interno della costruzione, e sull'importanza della sua ricostruzione.
Il progetto espositivo si propone quindi come un'occasione per riflettere sulle procedure di restauro di un edificio moderno, costruito con l'intento di mostrare se stesso come singola unità abitativa con il proprio contenuto di arredi e opere d'arte e dotato di una sala per l'esposizione del proprio materiale di documentazione con un diorama in cui è rappresentata la prospettiva della “Città di tre milioni di abitanti” e del “Plan Voisin per Parigi” di Le Corbusier, riportato per questa occasione al suo stato originario.

La mostra è promossa da Università di Bologna, Archivio Storico - ASUB-SA con il supporto di Servizio Qualità Urbana e Politiche Abitative - Direzione Generale Cura del Territorio e dell'Ambiente della Regione Emilia-Romagna e di IBC - Istituto per i beni artistici, culturali e naturali dell'Emilia-Romagna.

In collaborazione con Istituzione Bologna Musei | MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna e con il patrocinio di Fondation Le Corbusier, Consiglio Nazionale Architetti Pianificatori e Paesaggisti e Conservatori e Ordine degli Architetti di Bologna.

In occasione della mostra viene pubblicato un catalogo con testi di Enzo Bentivoglio, Laura Biagi, Giuliano Gresleri, Jacopo Gresleri, Le Corbusier, Paolo Lipparini, Pier Giorgio Massaretti, José Oubrerie, Arthur Rüegg, Stefano Zagnoni. Con una lettera di Charlotte Perriand e un servizio fotografico di Federico Covre.
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph