GTranslate

 

Mostre personali di MARILÉ TRUSCELLO, LISANDRO RAMACCIOTTI e ALESSANDRO ASSIRELLI

Galleria d’Arte Contemporanea Wikiarte in Via San Felice 18 - Bologna Sabato 24 novembre 2018 ore 18.00 Inaugurazione delle mostre personali di: MARILÉ TRUSCELLO LISANDRO RAMACCIOTTI ALESSANDRO ASSIRELLI L'essere umano vede il colore grazie al suo terzo occhio. Nonostante un coram tribus ci fa pensare solo e unicamente a un essere mitologico o comunque fantastico la attualità scientifica conferma: è una proteina oculare fotoricettiva – la melanopsina - a determinare la nostra percezione della luce e dunque del colore.

 

Privato di questo terzo ricettore della retina il nostro sistema ricettivo vede senza vedere. Conseguentemente il ritmo circadiano di ognuno di noi – l'orologio biologico che scandisce il ciclo vitale – dipende tanto dalla luce quanto dalla percezione cromatica. Marilè Truscello intuisce la priorità della cromia e ne dedica l'intero operato creativo.

La figuratività del suo tratto informale riflette la concezione del colore quale misura effettiva di vitalità e definisce l'espansione di esso in una maniera che tanto si avvicina al naturale. La cromia intesa come flusso organico, in effetti, definisce lo spazio pittorico che si frammenta – con ogni pezzo di tela – in numerosi brandelli di carne viva. L'occhio comprende inconsciamente, davanti a questa galleria di vita, la sua appartenenza indiscutibile a un mondo da sempre e per sempre a colori.

La sottigliezza delle sensazioni inutili,/le passioni violente per nulla,(gli amori intensi per ciò che si presume in qualcuno,/tutte queste cose –/queste e ciò che in esse manca fatalmente –/tutto quanto mi produce stanchezza,/questa stanchezza,/stanchezza. Fernando Pessoa La condizione di astenia organica come una sensazione intima e soggettiva pervade il mondo silente di Lisandro Ramacciotti. L'esotica ricchezza di pattern e la grazia femminile forme compatte è avvolta dalla mental fog che paradossalmente rende le forme pesanti e presenti sicché nebbiose e incomprensibili. E' la grande stanchezza positiva che permette alla mente di dormire a nostra insaputa e lasciare libere le sensazioni a gestire le attività cognitive.

Allora percepiamo tutto per sentimento, senza razionalizzare ma empatizzando, dedicando – con lentezza e stanchezza - alle immagini le nostre reazioni più veraci e istintive. Allora la forma gentile diventa una madre, sorella o figlia e il pattern policromo un giardino o un traffico urbano. Chiunque sia la formalizzazione mentale dell'immagine fisica, essa esprime l'autenticità dei nostri sensi stanchi di pensare e pronti a emozionarsi. Una reazione automatica generata dalla mente senza il coinvolgimento dei meccanismi di comprensione di ultimo livello - ovvero quelli della consapevolezza effettiva – che genera un effetto ideomotorio sull'organismo sta alla base degli eventi pittorici di Alessandro Assirelli. Un'idea dunque che causa movimento involontario ma finalizzato a un prodotto non ordinario e razionale, esattamente come lo è la sua fonte. Azzerata la prontezza dell'intenzione, ha luogo un evento autogenerato che spesso oggettivizza – oltre a archetipi comuni – visioni personali e traduzioni apocrife della percezione del mondo. Una volta esternate, queste forme proprie all'artista ma irriconoscibili per lo stesso, lo spingono ad agire consciamente. Allora il creativo tenta di verbalizzare un'esperienza che sfugge – come un sogno – alla concreta fissazione mnemonica, e di darle un ordine sequenziale, linguistico.

Il risultato giunge ai sensi - in maniera violenta e traumatizzante – come un episodio estemporale e irricollocabile nella durèe quotidiana. Una narrazione frammentata di un momento che ha fatto la differenza è offerta dall'artista con la richiesta – automatica e inconscia – di una ricomposizione esterna attesa dal meta-creativo: l'osservatore. Denitza Nedkova Presentazione critica a cura della dott.ssa: Denitza Nedkova Curatrice mostra: Deborah Petroni Sponsorizzata e pubblicizzata da: www.fanluce.it www.infissifp.it www.start-fano.com www.fogacci.net www.axeleventsmanagement.com www.virtualstudios.it Durata mostra: dal 24 novembre al 6 dicembre 2018 dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00 con orario continuato

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph