GTranslate

 

LOST / FOUND Utopie del ricordo di Claudio Cantelmi

1 - 8 dicembre 2018 Spazio MAW Via Morrone 71 – Sulmona AQ Inaugurazione sabato 1 dicembre ore 17.30 Sabato 1 dicembre 2018 alle ore 17,30 il Laboratorio d’arte MAW Men Art Work, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila, presenta la mostra personale LOST / FOUND Utopie del ricordo di Claudio Cantelmi, a cura di Italia Gualtieri con testi critici di Manuela De Leonardis e Marcella Cossu. L’esposizione propone una scelta di circa venti opere tratte dagli ultimi cicli “Intime Architetture”, “Memorie”, “PGR – Per grazia ricevuta”, tracciando un profilo della poliedrica ricerca dell’artista abruzzese, romano di adozione, che attraverso media differenti come la fotografia, l’installazione, l’assemblage, la scrittura, indaga e dialoga con i temi del tempo e della memoria.

Interverranno: Domenico Taglieri, Presidente Fondaq s.r.l. di Fondazione Carispaq, Marcella Cossu, Storico dell’Arte presso Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, Italia Gualtieri, Direzione artistica Laboratorio d’arte MAW. Il vissuto, l’oblio, la pratica/la ragione del ricordare sono i concetti sui quali opera il lavoro di Claudio Cantelmi. Attingendo a memorie personali, fotografie di cui è autore accanto ad altre tratte dall’album di famiglia, o a reminescenze “catturate” in rete, l’artista esplora la perdita e l’assenza, la sostanza impalpabile degli affetti, la fugacità del momento, con la cura di un gesto che al di là di una intimizzazione del ricordo, è azione che genera connessioni, attivando nel nostro sguardo nuove visioni. “La superficie dell’opera – scrive Manuela De Leonardis nel catalogo della mostra - è interpretata dall’artista come quinta scenica: una messinscena dell’io che è anche l’intima proiezione di sentimenti, decodificabili attraverso l’interferenza dello sguardo e del vissuto dell’osservatore.

Momenti in cui si finisce col dialogare con se stessi, lasciando che la memoria frammentaria si ricomponga libera dai condizionamenti dello spazio e del tempo.” Salvare, dunque, custodire, mostrare: richiamata da mondi vitali del passato, l’arte di Cantelmi ne ritrova e protegge le impronte ma “con la forza di un segno-dispositivo che scardina l’effimero rassicurante di una pratica rievocativa narcisisticamente compiaciuta di sé, per dire che il dimenticato non è perdita da celebrare ma materiale fisiologico da radicare nel vivo dei nostri processi, perché il ricordo non sia supplenza ma pensiero in ogni progetto di futuro.” (Italia Gualtieri). Un’arte di profondo impatto visivo ed emozionale, che restituisce appieno l’intensità di una ricerca iniziata e saggiata negli anni di una felice esperienza di prossimità a quell’area della grande vicenda artistica italiana concentrata sul discorso della storia e della memoria.

“Sono, queste in mostra – si legge nel testo di Marcella Cossu – lastre fotografiche, sia a parete che installazioni, evanescenti, dal colore-non colore perlato e cangiante, come del tempo, e che infatti ci parlano del trasmutare di segni e immagini nel tempo stesso (…), ambigue e fluttuanti visioni che risultano, ad onta delle loro brume, indistintamente sostenute da una ferrea regula, uno schema dal rigore geometrico perfetto, che scandisce il tempo e lo spazio come un prisma di cristallo. Introspezione, sogno, simbolo, ma gestiti dall’occhio e dalla mano dell’autore.” Claudio Cantelmi (Sulmona AQ, 1962), si è diplomato in Scenografia all’Accademia di Belle Arti di L’Aquila. Allievo e assistente dell’artista Fabio Mauri dal 1988, è autore del libro d’artista “On screens - Homage to Fabio Mauri 1926 - 2009” e collabora tutt’oggi con lo Studio Mauri-Associazione per l’Arte L’Esperimento del Mondo. Ha esposto con mostre personali e collettive a Roma, Venezia, Udine, Latina, Napoli, Sulmona, Londra. E’ docente di Arte e Immagine presso l’Istituto Comprensivo Alberto Manzi di Roma e ha tenuto corsi e laboratori presso l’Accademia di Belle Arti di L’Aquila, L’Accademia di Brera e L’Istituto Europeo di Design di Roma.

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

Chiusura 16/07/2020 di Stefano Pariani
Molti milanesi la ricordano ancora come la “gesetta di lusert”, la chiesetta delle lucertole, un edificio [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph