Omaggio a Carlo Fornara Autoritratti Collezione Poscio | Casa De Rodis 8 dicembre 2018 - 6 gennaio 2019 Image 20 autoritratti del maestro divisionista a cinquant’anni dalla sua scomparsa A cura di Annie-Paule Quinsac Dall'8 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019 Casa De Rodis a Domodossola (VB) ospita Omaggio a Carlo Fornara. Autoritratti a cinquant’anni dalla sua scomparsa (1871-1968). La mostra presenta undici autoritratti a olio, dai 17 ai 90 anni, già alle Gallerie Maspes Milano dal 12 al 29 settembre 2018, e si arricchisce di alcune fra le più interessanti opere su carta dell'artista, fra i maggiori interpreti dell’arte italiana della prima metà del XX secolo. L’iniziativa prosegue le celebrazioni dedicate al maestro vigezzino che culmineranno con la mostra in programma la prossima estate sempre nello spazio espositivo di Casa De Rodis a cura di Annie-Paule Quinsac.

Il lavoro di artisti contemporanei affini e selezionati, in dialogo per tutto il 2019 con i luoghi e i temi cari a Carlo Fornara, prolungherà eccezionalmente la stagione espositiva di Collezione Poscio in collaborazione con l'Associazione Asilo Bianco per restituirci una nuova esperienza nel presente. I lavori esposti per Omaggio a Carlo Fornara. Autoritratti provengono, quasi totalmente, dalla collezione di Alessandro Poscio, amico e cultore dell’opera di Fornara, e ricoprono l’intero arco di una vita; da quelli giovanili, i più numerosi, a quelli realizzati pochi mesi prima della morte, che l’autore novantenne, con impietosa consapevolezza del degrado senile, lascia alle persone care, quasi a riaffermare la funzione primaria del ritratto quale sfida al tempo e custode degli affetti. In tal senso i dipinti permettono di seguire lo sguardo introspettivo di un uomo che aveva fatto della conoscenza di sé una filosofia di vita, tanto da consegnare quotidianamente ai diari e ai taccuini, mai interrotti, un’autoanalisi lucida, a volte dura, che oltrepassa le riflessioni sulla propria arte. Carlo Fornara (Prestinone, 1871-1968).

Note biografiche Pur senza tradizioni alle spalle ─ il padre era ramaio e la madre contadina ─, nel 1883 si iscrisse alla scuola di pittura "Rossetti Valentini" di Santa Maria Maggiore. Qui, per sei anni, studiò sotto la guida di Enrico Cavalli, carismatico maestro, che orientò le sue ricerche verso l'indagine sulla luce e sul colore e alle esercitazioni dal vero sulla scia delle nuove tendenze dell'arte francese. Terminati gli studi, nel 1891, partecipò alla prima Triennale di Brera con La bottega del calderaio e con Ricordanze. Quest’ultima opera venne collocata nella sala in cui erano esposti Maternità di Gaetano Previati e Le due madri di Giovanni Segantini. Fu questo il primo contatto di Fornara con il Divisionismo. Nel 1982 la retrospettiva di Fontanesi a Torino gli aprì nuove, profonde suggestioni. Nel 1894 partì per la Francia, fermandosi a Lione, dove frequentò la locale pinacoteca; soggiornò poi a Marsiglia, ma non poté proseguire per Parigi a causa dei tumulti scoppiati per l'uccisione del presidente Sadi Carnot.

Nel 1896 Fornara tornò a Lione e, finalmente, raggiunse Parigi. Vide al Louvre i grandi del Rinascimento e conobbe da vicino le opere di Jean-François Millet, Gustave Courbet, Théodore Rousseau e degli impressionisti. Nel 1897 il rifiuto di En plein air alla Terza Triennale di Brera si rivelò fondamentale. Il dibattito con cui la decisione fu contestata dagli antiaccademici gli valse l’interessamento di Alberto Grubicy e l’ingresso nella sua Galleria. L’anno dopo, anche grazie a Grubicy, fu chiamato da Segantini a Maloja per collaborare al progetto che avrebbe dovuto sostituire il Panorama dell’Engadina all’Esposizione Universale di Parigi del 1900. Purtroppo, improvvisamente, Segantini morì il 28 settembre 1899. L’incontro con Segantini, reso forse ancor più determinante dalla repentina scomparsa, cambiò il rapporto di Fornara con l’iconografia e il modo di fare pittura. A partire dal 1899 la figura e, dunque, anche il ritratto, divennero secondari e fu il paesaggio, inteso come natura, a prendere il sopravvento.

Il rapporto colore-luce-disegno, impostato alla Monticelli sull’equilibrio tra forme e cromatismo, è scavalcato dall’adozione della tecnica divisionista, a grandi filamenti di matrice segantiniana, che creano i contorni e catturano la luce ambientale. Alberto Grubicy gli imponeva una presenza assillante alle mostre nazionali e internazionali e lo condannava, volente o nolente, a recitare la parte di pontifex maximus del Divisionismo. Tra i due, comunque, s’instaurò un profondo sodalizio, tanto che alla morte di Grubicy nel 1920 Fornara ne fu esecutore testamentario. Ma da allora iniziò una lunga riflessione su se stesso e sull’arte contemporanea che lo condusse a un percorso controcorrente e solitario. Sostenuto da pochi ma fedeli collezionisti, decise irrevocabilmente di non partecipare più ad alcuna mostra, pur continuando a dipingere, sperimentando nuove tecniche e interpretazioni.


Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

galleria fotografica

Ci sono luoghi, a volte nemmeno [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto