GTranslate

 

Arezzo: ALIGI SASSU Epopea del vero a cura di Fabio Migliorati

ALIGI SASSU Epopea del vero a cura di Fabio Migliorati Arezzo, Palazzo della Provincia 22 dicembre 2018 - 27 gennaio 2019 inaugurazione: sabato 22 dicembre, ore 17.00 L'Associazione Culturale Arezzo Ars Nova presenta ALIGI SASSU - Epopea del vero, a cura di Fabio Migliorati, presso Palazzo della Provincia di Arezzo, dal 22 dicembre 2018 al 27 gennaio 2019, inaugurazione sabato 22, ore 17.00.

La mostra, in cooperazione con la Fondazione Helenita e Aligi Sassu e con Galleria B&B di Mantova, è patrocinata dalla Regione Toscana, dalla Provincia e dal Comune di Arezzo, organizzata con la partecipazione di Nicola Furini, allestita con la collaborazione di Giuseppe Modeo. Dall'atrio d'onore del Palazzo della Provincia della città di Giorgio Vasari e Piero della Francesca, ALIGI SASSU - Epopea del vero restituisce un percorso brevemente antologico dell'opera di Sassu a un secolo da quando l'artista, all'età di sette anni, visitava la sua prima mostra presso Cova, Milano. Aligi Sassu è stato uno degli autori più precoci del Novecento - a sedici anni fu invitato da Marinetti a esporre alla Biennale di Venezia - e, in seguito, uno dei più poetici: sempre in bilico nel considerare l'esperienza del passato tra primitivismo e valori classici. Sassu sapeva coagulare fermezza e dinamicità, per la ricetta di un modernismo dal sapore attenuato, trattenuto intorno alla fuggevolezza di linee e materia, ma con l'ineludibile conforto del colore. Sassu sfuma la realtà col peso dell'inconsistenza, per ottenere un vero celebrato, rituale, quasi ritmico nel suo considerarsi confine, risultato di flussi a volte perfino audacemente incontrollati.

La dignità formale del vero è quindi rispettata, ma di continuo sfidata, limata, anche presunta; l'artista pare infatti andare oltre questo limite, sebbene rimanga coerente con la realtà dell'esistente: a metà fra l'utopia del futuro e la malia del passato. Cultura e socialità sposano mito e leggenda, fino a concretarsi nell'epopea di un presente entusiasmato dal colore, che ne respira afflato e pulsare, incontro all'esuberanza dell'essere "spirito del tempo", del puro creare qui e ora. Sembra proprio che l'autore si serva di un processo di umanizzazione delle cose, ma sempre all'insegna di quella contaminazione evocativa che magnifica emozioni e sentimenti, per conquistare, introiettare, assimilare e rilasciare un più alto stadio di presenza nel mondo, nel trovarsi al suo cospetto, nell'ammirarlo in un sospiro.

Non è però sguardo stupefatto, quello di Sassu, ma contemplazione, consapevolezza che la forza della mimesi è ormai per sempre compromessa, sarà contraddetta e forse soltanto così liberata. Ecco la suggestione del lirismo, eccola come l'immaginazione, come un sogno o un ricordo al rimirar le stelle. Perché per Sassu "Il cielo è un abisso di memorie". NFO: 333 3240813 > [email protected] > free entrance open: venerdì-sabato-domenica + festivi > 10.00 - 13.00 e 16.00 - 19.00 day: 22 23 24 25 26 28 29 30 31 1 4 5 6 11 12 13 18 19 20 25 26 27 ALIGI SASSU - Epopea del vero, a cura di Fabio Migliorati; Palazzo della Provincia di Arezzo; 22 dicembre 2018 - 27 gennaio 2019; inaugurazione: sabato 22 dicembre 2018, ore 17.00. Promoter: Arezzo Ars Nova. Aligi Sassu, Cavalli di nuvole, 1991 - olio su tela INFO AREZZO ARS NOVA 333 3240813 > [email protected] > Arezzo, Palazzo della Provincia: free entrance open: venerdì-sabato-domenica + festivi > 10.00 - 13.00 e 16.00 - 19.00

Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph