GTranslate

 

Venezia: Robert Henke presenta in anteprima mondiale il suo ultimo album

26 gennaio 2019 dalle ore 20.00 Venice Dust: Robert Henke presenta in anteprima mondiale il suo ultimo album. L'ultimo album dell’artista prodotto presso Corte Supernova a Venezia e presentato in anteprima mondiale a Palazzo Grassi in 3D Sound. Il progetto è organizzato da Corte Supernova in collaborazione con Palazzo Grassi – Punta della Dogana, prodotto da PAS-E & MACO Film. Lunedì 14 – sabato 26 gennaio 2019 Residenza di Robert Henke presso Corte Supernova Venerdì 18 gennaio 2019 Apertura dello studio al pubblico Ingresso libero fino a esaurimento posti.

Sabato 26 gennaio 2019, dalle 20.00 Line up della serata: Live-set di Renick Bell Robert Henke presenta in anteprima mondiale il nuovo album Dust DJ-set di Electric Indigo Biglietti: 18€ intero, 15€ Members e studenti degli atenei veneziani. Per info e acquisto biglietti visitare il sito www.palazzograssi.it/eventi/calendario. Robert Henke by Andreas Gockel 2013 Sabato 26 gennaio dalle ore 20.00 Palazzo Grassi e Corte Supernova presentano in anteprima mondiale Dust, il nuovo album dell’artista e compositore Robert Henke (Monaco, 1969), prodotto a Venezia. Dust nasce come l’esito finale di un percorso di ricerca e sperimentazione a cui il compositore si dedicherà nel periodo di residenza artistica presso lo spazio di produzione audiovisiva Corte Supernova a Venezia, dal 14 al 26 gennaio 2019: una full immersion di dieci giorni tra registrazioni, suoni, loop e immagini evocative offerte dalla città. Renick-Bell by Jun Yokoyama / Electric Indigo by Michael Breyer 2016 La serata avrà inizio a partire dalle 20.00 ed è scandita in tre momenti: Robert Henke presenterà il suo ultimo lavoro Dust, preceduto dal live set di Renick Bell e seguito da un DJ-set dell’artista viennese Susanne Kirchmayr, in arte Electric Indigo.

L’evento rappresenta l’epilogo dell’esperienza vissuta da Henke in laguna e sarà preceduto venerdì 18 gennaio da un incontro con l’artista nello studio di Corte Supernova. Registrazioni, suoni, loop e idee raccolte negli anni troveranno la forma di un album, Dust, grazie alle immagini evocative, eterne e oniriche che Venezia racchiude nelle sue giornate d’inverno. La performance sarà presentata in versione 3D sound grazie al supporto di BH e d&b audiotechnik. Tra i più importanti innovatori nell’ambito della produzione musicale contemporanea, Robert Henke è riuscito, fin dall’inizio della propria carriera, a mettere in dialogo la sperimentazione sonora con la programmazione informatica: nel 1999 l’artista tedesco ha infatti progettato Ableton Live, un software musicale che ha rivoluzionato tanto la produzione in studio quanto l’esecuzione dal vivo di performance elettroniche. Con il concerto di Robert Henke, Palazzo Grassi riafferma la volontà di proseguire nel dialogo costante con le più interessanti realtà attive sul territorio, come Corte Supernova, condividendo percorsi culturali di sperimentazione, a sostegno alla produzione artistica. L’evento è realizzato con il partner tecnico BH e il supporto e le tecnologie di d&b audiotechnik. Partner tecnico BH Supporto e tecnologie di d&b audiotechnik Media partner TRAX Tutti gli appuntamenti di Palazzo Grassi sono comunicati e costantemente aggiornati sul sito alla voce “calendario”: www.palazzograssi.it.

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph