GTranslate

 

Mostre personali di LUCA BOATTA, MICHELE LIPARESI e ROBERTO RE

 Galleria d’Arte Contemporanea Wikiarte in Via San Felice 18 – Bologna
sabato 30 marzo 2019
ore 18.00  mostre personali di LUCA BOATTA MICHELE LIPARESI ROBERTO RE
durante la serata presenzierà la Dott.ssa Denitza Nedkova

Gli esseri umani sono una specie altamente dipendente dal senso della vista e quando l’energia elettromagnetica della luce penetra la retina ed agisce sui fotorecettori si avviano processi che attraversano come un raggio tutta la massa cerebrale. E la prima cosa che “vede” le caratteristiche salienti – ovvero i low-level features- dell’immagine, le sue linee, il suo colore, la sua luce. Quest’ultime sono, in effetti, gli elementi portanti nella poetica di Luca Boatta che – attraverso il tratto pittorico – effettua un’analisi proto-scientifica della nostra vista. A citare il neuro-esteta Semir Zeki, l’arte risulta lo strumento più semplice per svelare il funzionamento della mente. Perciò Boatta riesce, inconsciamente, a proporre alla nostra vista la sua stessa immagine attraverso la mappa strutturale del suo funzionamento o, per dirla meglio con Kandinskij, “il colore è un mezzo per esercitare un influsso diretto sull'Anima. Il colore è il tasto. L'occhio è il martelletto. L'Anima è un pianoforte con molte corde. L'artista è la mano che con questo o quel tasto porta l'anima a vibrare.” (Lo spirituale nell'arte, 1909)

L’instabilità della forma e la sua dipendenza dagli agenti circostanziali interessa l’azione creativa di Michele Liparesi. Azione che nasce dalla natura intrinseca del materiale – malleabile ma freddo – si sviluppa nell'imprinting con l’autore e si esprime nel contatto con il fruitore. Il contatto è il contenuto. Nella sintassi spaziale che la nostra presenza psicofisiologica instaura con le risonanze degli oggetti e la geometria del context, il significato di ogni fenomeno emerge proprio dall'interazione con esso. Similmente le creature leggere, reticolari e instabili della fauna costruita da Liparesi reagiscono a ogni variazione della dimensione che abitano e dialogano con le sue presenze - noi compresi – proiettando il proprio essere e modellando, a sua volta, il habitat. Questa interazione complessa tra forze multiple e compresenti – formante il sociale come il soggettivo - determina quella svolta ontologica post-strutturalista che apre la strada a un nuovo materialismo – post-umano ma organico – che nel realismo agentivo tra inanimato e organico trova la sua ragion d’essere.

La dipendenza intrinseca del mondo materiale dall'immateriale meccanismo cognitivo degli esseri viventi permette non solo l‘infinita declinazione della resa formale – ovvero il sistema degli oggetti diverso per ogni cultura, gruppo e individuo - ma anche quella dell’elaborazione mentale. In questa prospettiva le caratteristiche figurative che noi attribuiamo con tanta certezza alle cose che ci circondano sono, invece, formulazioni culturalmente locali con limitata valenza fenomenica. La lingua geometrica e spigolosa dell’espressione artistica di Roberto Re ne è la dimostrazione. Frammentare un oggetto, ovvero privarlo della configurazione d’aspetto attribuitagli da una determinata realtà, non significa privarlo della sua struttura, bensì riproporla attraverso un’apparenza diversa. Ed è quest’ultima che genera, di conseguenza, una nuova espressione formale e così a seguire in un ritmo frattale dal quale scaturisce, prima di tutto, la bellezza della natura espressa nella sezione aurea dell’imperfezione organica.

Denitza Nedkova


Iscriviti al Concorso Cattedrali

Certamen internazionale letterario ed artistico sulle Grandi Cattedrali d'Occidente

CertamenData l'emergenza storica che stiamo vivendo la rivista Ok Arte su idea del direttore artistico Melinda Miceli organizza un concorso internazionale letterario ed artistico allo scopo
di conservare la memoria e rinverdire il fasto e l'antico splendore di queste Opere Divine, veri e propri libri di pietra.
Rivisitazioni letterarie dell'arte sacra, gotica, romanica, barocca delle grandi cattedrali delle città saranno vagliate da una selezionatissima giuria di esperti in grado di selezionare anche componimenti esoterici e ricercati.
La partecipazione è gratuita e si può scegliere di partecipare in concorso o fuori concorso


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Carezza Violenta

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

galleria fotografica

Ci sono luoghi, a volte nemmeno [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto