GTranslate

 

ANNA NETREBKO E YUSIF EYVAZOV con Daniela Barcellona e Ambrogio Maestri PER LA SERATA EVENTO THE STARS OF OPERA Arena di Verona, 23 luglio 2020 ore 21.15

Uno straordinario e atteso ritorno della coppia d’oro più affermata del belcanto mondiale per il secondo anno consecutivo in Arena: Anna Netrebko e Yusif Eyvazov, dopo lo straordinario successo del 2019 che li ha visti protagonisti nel Trovatore verdiano con la regia del grande Franco Zeffirelli, tornano all’Arena di Verona per la serata evento The Stars of Opera, a fianco di Daniela Barcellona e Ambrogio Maestri, per un appuntamento davvero imperdibile, diretto dal Maestro Marco Armiliato.

Arena di Verona: Yusif Eyvazov e Anna Netrebko, Il Trovatore 2019 ©Foto Ennevi/Fondazione Arena di Verona

 Solo i più importanti teatri del mondo hanno il privilegio di creare un rapporto di continuità e stabile collaborazione con le più grandi stelle del panorama internazionale e, grazie ad un accurato ed incessante lavoro volto ad innalzare sempre più la qualità artistica, l’Arena di Verona torna finalmente ad entrare nell’olimpo di queste celebrità.

 Il ritorno di Anna Netrebko e Yusif Eyvazov è un segnale importante di questo percorso virtuoso e la scelta di passare da una produzione operistica alla formula della serata di gala dimostra la volontà dei due Artisti di essere presenti a Verona sviluppando con Fondazione Arena tutta l’ampia gamma cromatica delle proprie potenzialità, con una libertà e agilità di variazione dei repertori per stupire il pubblico e la critica. Coppia d’arte e di vita, Anna Netrebko e Yusif Eyvazov sperimentano, già da tempo e sui migliori palcoscenici del mondo, le dinamiche del gala che consentono loro libertà e studio continuo, familiare, sempre alla ricerca di nuove vie d’espressione: quello in Arena sarà dunque uno spettacolo unico, frutto di un’analisi attenta delle grandi potenzialità della cornice areniana, che di certo arricchirà profondamente questo percorso intimo di libertà espressiva e approfondimento di registri diversi. Il programma della serata è in fase di definizione proprio per assicurare al pubblico uno spettacolo unico lontano dai modelli attualmente proposti nella loro tournée mondiale, ma che sarà il frutto di un lavoro meditato attentamente per valorizzare al meglio il connubio tra la magia del palcoscenico all’aperto più famoso al mondo e le potenzialità vocali dei grandi Artisti.

 Il gala sarà diretto dal Maestro Marco Armiliato, continuamente chiamato nei teatri più prestigiosi, dal MET all’Opéra de Paris, alla Wiener Staatsoper, famoso per aver diretto sin dai loro esordi grandi voci come Luciano Pavarotti, Placido Domingo e più recentemente Jonas Kaufmann, Angela Gheorghiu e la stessa Anna Netrebko.

 Per questa serata evento Anna Netrebko e Yusif Eyvazov saranno affiancati da altri due nomi importanti del panorama internazionale: Daniela Barcellona, mezzosoprano che, dal suo debutto nel Tancredi al Rossini Opera Festival nel 1999, si è affermata come interprete di riferimento dei ruoli “en travesti”, che l’hanno vista protagonista dei più prestigiosi teatri al mondo, dal MET al Teatro alla Scala, dalla Royal Opera House al Festival di Salisburgo. Ambrogio Maestri, grande baritono che ha debuttato con Riccardo Muti al Teatro alla Scala e da allora è ospite dei più importanti teatri mondiali, famoso e apprezzato per i ruoli verdiani e la cui felice collaborazione con l’Arena di Verona è ormai quasi decennale.

 Anna Netrebko e Yusif Eyvazov dal prestigioso Smetana Hall di Praga dichiarano: “Yusif ha una lunga storia con Verona e dopo il bellissimo Trovatore della scorsa stagione ci sentiamo a casa entrambi in Arena, portare di nuovo il nostro sodalizio artistico su quel palco sarà bellissimo e non vediamo l’ora. Abbiamo tanti mesi per pensare insieme alle soluzioni creative più interessanti per un luogo così magico e sarà di certo uno spettacolo speciale”

 Il Sovrintendente e Direttore Artistico Cecilia Gasdia, facendosi portavoce del team areniano e dei suoi complessi artistici che lo scorso anno hanno lavorato proficuamente e con rinnovata motivazione a fianco delle due star, si dice «incredibilmente felice di questo consolidato rapporto umano e professionale, risultato dell’eccellente professionalità dimostrata in Arena da ogni singolo lavoratore impegnato nella produzione del Trovatore, perché da ex cantante posso assicurare che si ritorna volentieri dove si è lavorato bene, con la collaborazione e il sorriso di tutti. Questo ritorno importantissimo è dunque il segnale che abbiamo lavorato bene, che l’intera città di Verona ha restituito una bella immagine di sé ai divi abituati alle grandi capitali del mondo. Dunque davvero un successo di tutti».

 Quest’atteso ritorno è solo uno dei numerosi elementi di eccellenza della stagione estiva 2020 che inaugurerà il 13 giugno con una nuova produzione di Cavalleria rusticana e Pagliacci, a cui faranno seguito: Aida, Turandot, Nabucco e La Traviata, con le altre serate di gala Jonas Kaufmann Gala Event, Domingo Opera Night, Roberto Bolle and Friends e la IX Sinfonia di Beethoven diretta da Ezio Bosso.

 I biglietti del 98° Festival lirico all’Arena di Verona sono già in vendita a prezzo speciale – per alcuni settori – per chi acquista entro il 24 dicembre 2019. Si ricorda l’introduzione dei nuovissimi e prestigiosi posti di platea poltronissime platinum e i settori 4° e 5° che garantiscono una vista eccezionale del palcoscenico.

Non resta quindi che visitare il sito www.arena.it e seguire i canali social (Facebook, Twitter, Instagram e YouTube) per riservare il proprio posto e vivere la magica esperienza dell’opera in Arena anche per l’estate 2020.

 Informazioni Biglietteria

Via Dietro Anfiteatro 6/B, 37121 Verona

tel. (+39) 045 59.65.17 - fax (+39) 045 801.3287

[email protected]

www.arena.it

Call center (+39) 045 800.51.51

Punti di prevendita Geticket

 

 

ARENA DI VERONA

98° Opera Festival 2020

dal 13 giugno al 5 settembre

 

 

Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph