GTranslate

 

A Vigevano “rivive” Leonardo: gli influssi del genio nella pittura Lombardo-Piemontese

Vigevano
Chiusura 06/01/2020
di Stefano Pariani
Nel cinquecentenario della morte di Leonardo tra le varie iniziative si inserisce anche una piccola mostra nello splendido scenario rinascimentale di Vigevano. Luogo prediletto da Ludovico il Moro, che amava soggiornarvi, Vigevano vide all'opera i suoi artisti di punta, Bramante e Leonardo, e Piazza Ducale è ancora una delle più belle e meglio conservate piazze rinascimentali italiane.
Piazza Ducale, 25 Vigevano mappa
Inaugurazione 04/10/2019
 Non si poteva quindi trovare miglior luogo per ospitare incontri e manifestazioni sul genio da Vinci, tra cui s'inserisce “Nel segno di Leonardo”, la mostra inaugurata il 4 ottobre scorso che riflette sugli influssi del maestro sui pittori del territorio lombardo-piemontese a lui contemporanei o di poco posteriori.

Fulcro dell'esposizione è la tavola della chiesa di Santa Giustina ad Affori, che raffigura “La Vergine delle rocce”, tradizionalmente attribuita a Bernardino Luini, amico e collaboratore di Leonardo, o alla sua cerchia. Si tratta di una copia (non fedelissima) del celebre capolavoro vinciano, che testimonia l'enorme fascinazione che quel dipinto esercitò già sui contemporanei, desiderosi di emulare il modello, senza tuttavia riuscire ad eguagliare quella sfuggente e indefinita grazia dei volti e la rarefazione del paesaggio. Nella stessa sala, accanto a questo dipinto, si trovano altre copie, tra cui una piccola proveniente dai Musei Civici di Pavia, ed una grande pala del Gianpietrino raffigurante la “Natività”, prestito della Pinacoteca Albertina di Torino. Una preziosa testimonianza, quest'ultima, di come sia stato assimilato il linguaggio leonardesco e di come il dolcissimo angelo dell'originale “Vergine delle rocce” sia stato preso a modello per altri soggetti.

Ulteriore elemento di indagine è la “Madonna dei fusi” proveniente da Palazzo Costa a Piacenza. Se dell'originale leonardesco non si hanno tracce, esistono diverse copie e varianti e la mostra offre un'occasione per riflettere su questa particolare iconografia. Il carmelitano Pietro da Novellara fece una descrizione dettagliata dell'opera in una lettera indirizzata a Isabella d'Este, di cui era “agente” d'arte, dopo averla vista in fase di elaborazione nello studio di Leonardo. Potrebbe anche darsi che Leonardo non abbia mai portato a termine l'opera, rimasta solo a livello di disegno, e che in seguito si siano diffuse copie di allievi e seguaci. Accanto alla “Madonna dei fusi” un'altra inedita tavoletta presenta una variante di questo modello, col viso della Madonna ruotato verso sinistra. Nella stessa sala sono esposte una “Madonna con Santi” di Cesare Magni, pittore leonardesco aperto agli influssi del Bergognone, forse eseguita proprio a Vigevano negli anni in cui lavorava per il duomo cittadino ed una pala con la “Natività” del piemontese Gandolfino da Roreto, una sorta di elegante presepe, recente recupero del pittore astigiano in una collezione privata.

Nel complesso tredici opere, prestiti di prestigiosi enti e di collezioni private, che occupano le ultime due sale della Pinacoteca Civica, dove è possibile ammirare l'interessante collezione di artisti locali dal Cinquecento al Novecento. Un'occasione in più per una visita a Vigevano e per osservare da vicino il potente influsso del modello leonardesco, che ha affascinato artisti non solo lombardi, ma anche dei territori limitrofi.

“Nel Segno di Leonardo. Modelli e sviluppi tra Lombardia e Piemonte”
4 ottobre – 6 gennaio 2020
Pinacoteca Civica
Vigevano
www.comune.vigevano.pv.it


 
A Vigevano “rivive” Leonardo: gli influssi del genio nella pittura Lombardo-Piemontese Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Ugo Nespolo, «fuori dal coro”» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Iscriviti al Concorso Cattedrali

Certamen internazionale letterario ed artistico sulle Grandi Cattedrali d'Occidente

CertamenData l'emergenza storica che stiamo vivendo la rivista Ok Arte su idea del direttore artistico Melinda Miceli organizza un concorso internazionale letterario ed artistico allo scopo
di conservare la memoria e rinverdire il fasto e l'antico splendore di queste Opere Divine, veri e propri libri di pietra.
Rivisitazioni letterarie dell'arte sacra, gotica, romanica, barocca delle grandi cattedrali delle città saranno vagliate da una selezionatissima giuria di esperti in grado di selezionare anche componimenti esoterici e ricercati.
La partecipazione è gratuita e si può scegliere di partecipare in concorso o fuori concorso


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Carezza Violenta

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph

Chiese e dimore antiche

Villa Bernasconi a Cernobbio: vivere il Liberty

di Ugo Perugini
Non ci sono molti esempi di edifici Liberty [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto