GTranslate

 

Pavia, il ritorno di Antonello da Messina

AntonelloChiusura 29/03/2020
di Stefano Pariani
A pochi mesi dalla grande mostra milanese, Antonello da Messina torna protagonista presso le sale del Castello Visconteo di Pavia. L'occasione è offerta dal ritorno in città del “Ritratto d'uomo Malaspina”, appartenente alla collezione dei Musei Civici, accompagnato da un altro grande capolavoro di Antonello, il “Ritratto di ignoto” del Museo Mandralisca di Cefalù.
Piazza castello - Pavia mappa
Inaugurazione 06/12/2019
A pochi mesi dalla grande mostra milanese, Antonello da Messina torna protagonista presso le sale del Castello Visconteo di Pavia. L'occasione è offerta dal ritorno in città del “Ritratto d'uomo Malaspina”, appartenente alla collezione dei Musei Civici, accompagnato per l'occasione da un altro grande capolavoro di Antonello, il “Ritratto di ignoto” del Museo Mandralisca di Cefalù.

Il percorso espositivo si propone come un'occasione per osservare l'evoluzione del ritratto sulla base di una selezione di opere quattro e cinquecentesche dei Musei Civici pavesi, partendo da personaggi raffigurati ancora di profilo per arrivare ai due dipinti del pittore messinese, dotati ormai di maggior scioltezza compositiva e soprattutto di un'attenta resa psicologica. Tra le prime opere troviamo delle belle medaglie di Pisanello o d'ispirazione pisanelliana, che ritraggono i signori dell'epoca a metà strada tra idealizzazione e realismo, riprendendo il modello classico della medaglistica romana. A questa tipologia sembrano ispirarsi anche i tondi con ritratti virili di profilo provenienti dal Chiostro di Santa Maria alle Pertiche e dal Broletto cittadino, tra cui spicca il ritratto di Francesco Sforza (fine XV secolo).

Procedendo ci s'imbatte nella splendida “Pala Bottigella” (1480/85) di Vincenzo Foppa, dove i visi dei coniugi committenti inginocchiati sono ritratti, come da tradizione, di profilo e con espressioni solenni e molto realistiche, e in un altro capolavoro, il “Cristo portacroce e Certosini” (1494/97) del Bergognone, che dona ai monaci biancovestiti vividi e umanissimi volti, con un'attenzione particolare alle espressioni e ai “moti dell'animo”. Un altro dipinto, il “Ritratto d'uomo”, forse un podestà veneziano di un ignoto artista veneto, mostra come nel Cinquecento – l'opera risale ai primi del XVI secolo – la ritrattistica avesse trovato altre strade, meno solenni e con un'attenzione all'intensità dello sguardo ed al carattere della persona ritratta.

Il clou del percorso espositivo è rappresentato dai due piccoli ritratti di Antonello, posti l'uno di fianco all'altro e sapientemente illuminati, con i loro sguardi acuti che ci osservano da vicino. Il “Ritratto d'uomo Malaspina”, ritenuto dalla critica come antecedente il soggiorno veneziano di Antonello, potrebbe essere datato 1475-1476 e ascritto alla committenza privata borghese. Antonello ha assimilato la lezione della pittura fiamminga col busto rappresentato di tre quarti e lo sfondo scuro, aggiungendo una sottile indagine psicologica, che si ripete, ancora più pungente, nel “Ritratto d'ignoto”, su cui si sono avanzate le più svariate ipotesi. Studi recenti fisserebbero l'identità dell'uomo in Francesco Vitale da Noja, vescovo di Cefalù dal 1484 al 1492, ma tradizionalmente è conosciuto come l'”ignoto marinaio”. Sorriso beffardo, di colui che sa e ha visto tante cose, e occhi mobili pronti ad indagarci, il suo sguardo va oltre la tela, guarda noi come noi guardiamo il ritratto, ammaliati da una finezza ritrattistica e d'indagine che anticipa di circa una trentina d'anni un altrettanto celebre sorriso, quello enigmatico della “Gioconda”.

La mostra è organizzata e promossa dal Comune di Pavia in collaborazione col Comune di Cefalù e punta l'attenzione soprattutto sul fascinoso ”ignoto marinaio”, a cui sono dedicati pannelli esplicativi e un video all'ingresso. Le altre pregevoli opere esposte sono in rapporto dialogico tra di loro e con i ritratti di Antonello, mostrando gli imprescindibili rapporti di dare e avere tra gli artisti e l'influenza sull'arte settentrionale del grande pittore messinese.

OLTRE LO SGUARDO - ANTONELLO DA MESSINA A PAVIA
Volti e ritratti nella pittura italiana tra Quattro e Cinquecento
Castello Visconteo, Pavia
6 dicembre 2019 -29 marzo 2020
www.museicivici.pavia.it
Tel. 0382.399770

 
 Pavia, il ritorno di Antonello da MessinaPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph