GTranslate

 

Main project nell'ambito di ART CITY Bologna - Art Week 2020

Teatro Comunale di Bologna - Foyer Respighi | Largo Respighi 1

Valentina Vetturi

Orchestra. Studio #3
Performance per sette direttori d’orchestra 2012 | 2016 | 2020
A cura di Lorenzo Balbi
Promossa da Istituzione Bologna Musei | MAMbo - Museo d’Arte Moderna di Bologna

In collaborazione con Fondazione Teatro Comunale di Bologna
Domenica 26 gennaio 2020 h 11.00 - 14.00


Main project nell'ambito di ART CITY Bologna - Art Week 2020


Valentina VetturiOrchestra.Studio#2_a_WALK ON THE PUBLIC SITE, performance, Ginevra, 2016
Courtesy l'artista
Photo Emmanuelle Bayart


Bologna, 25 gennaio 2020 - Il Main program di ART CITY Bologna 2020 conclude il weekend dell'arte domani, domenica 26 gennaio, con il progetto performativo di Valentina Vetturi dal titolo Orchestra. Studio #3, fruibile con accesso libero nello spazio del Foyer Respighi del Teatro Comunale di Bologna (Largo Respighi 1) dalle h 11.00 alle 14.00.

Anteprima del prossimo ciclo di appuntamenti della rassegna Domenica al Comunale in programma dal 2 febbraio, l'evento curato da Lorenzo Balbi e promosso dal MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna | Istituzione Bologna Musei in collaborazione con la Fondazione Teatro Comunale di Bologna, viene presentato ad ART CITY Bologna dopo due precedenti rappresentazioni: nel 2012 a Roma, nella sede del museo MACRO Testaccio, e nel 2016 a Ginevra, sotto il mercato coperto di Saint Jean.

Valentina Vetturi invita sette direttori d'orchestra professionisti - Alessandro Carrer, Caterina Centofante, Alicia Galli, Bernardo Lo Sterzo, Fabio Sperandio, Simone Valeri, Alissia Venier - a dirigere la stessa partitura, il brano Introduction et allegro. Pour harpe, flûte, clarinette et quatuor composto nel 1905 da Maurice Ravel per sette strumenti (arpa, flauto, clarinetto e un quartetto d'archi). I direttori si fronteggiano disposti in cerchio, mentre il pezzo viene interpretato e tradotto dai gesti, dalle espressioni facciali e dalle tensioni che ognuno di questi sette corpi, con padronanza prossemica, indirizza di norma verso la propria orchestra. Ma i musicisti non sono presenti, ogni direttore dirige la partitura interpretando il brando per un proprio ensemble invisibile, come in un elegante montaggio di possibili realtà, tutte condensate nell'arte di un individuo.
La performance è continua e ha una durata complessiva di circa tre ore, durante le quali ogni direttore d'orchestra esegue il brano di Maurice Ravel lungo undici minuti. Nel corso dell'azione, l'opera viene quindi ripetuta più e più volte, con un pausa regolare tra ogni singola fine e ogni nuovo inizio, in una sorta di loop asincrono in cui ogni direttore d'orchestra interpreta il tempo a suo modo. Se il primo respiro è comune, nel successivo corso dell'azione, in questa orchestra di direttori, convivono sette differenti dimensioni temporali.

Con questa performance, l'artista si pone in dialogo con la tradizione musicale del secondo ‘900, chiari infatti sono i riferimenti al John Cage di Two pieces (1946), parte di una serie di opere pianistiche con l'ausilio di preparazione che esplorano le risorse dello strumento mediante un gioco disarticolato di frammentazioni, pause e silenzi condotto con un rigoroso controllo delle dinamiche, di 4'33” (1952), in cui un pianista apre il coperchio del piano e lo richiude dopo la classica durata di un singolo in vinile senza aver suonato una nota, e ancora di Thirty Pieces for Five Orchestras (1981), in cui cinque orchestre affrontano lo stesso programma di brevi brani musicali, proprio come i treni che corrono spesso in direzioni diverse alla Stazione Centrale di New York. Tuttavia Vetturi, con la sua orchestra estesa nel tempo, sposta di senso quei gesti in una dimensione completamente diversa dall'afasia, incentrando la performance sul corpo dei suoi interpreti e sul rapporto tra questo corpo e l'ambiente.

Direttori d'orchestra: Alessandro Carrer, Caterina Centofante, Alicia Galli, Bernardo Lo Sterzo, Fabio Sperandio, Simone Valeri, Alissia Venier.

La fruizione del pubblico è libera nel corso della performance, l'ingresso è gratuito fino a esaurimento posti disponibili.

Valentina Vetturi (Reggio Calabria, 1979) è ricercatrice e artista visiva e performativa.
La sua pratica artistica intreccia scrittura, performance e ricordo, al di là della dimensione privata e ricercando inattese possibilità visive. Vetturi guarda alla scrittura come una pratica estesa che comprende la parola e il suono in una dimensione scultorea. Le voci e i personaggi che popolano le sue performance e installazioni sono veicoli di frammenti di realtà in apparenza molto distanti tra loro. Hacker, ghostwriters, direttori d'orchestra (in mancanza di orchestra), i ricordi sonori di malati di Alzheimer, fino alla scomparsa di Ettore Majorana, messa in scena in una partita di scacchi, essi si muovono al confine tra presenza e assenza, interpreti invisibili del mondo che ci circonda. Lunghi processi di ricerca performativa sono all'origine delle sue opere, la cui forma finale, dalla scena teatrale alla performance quotidiana su un treno pendolare, dal racconto sonoro alla scrittura come segno, esclude qualsiasi cornice linguistica data.
Il suo percorso personale e professionale  è stato plasmato da un approccio transdisciplinare e da incontri inaspettati. Ha conseguito studi classici seguiti da una laurea in Giurisprudenza, un Master in Arte e Architettura del Paesaggio e un Master of Science in Digital Currencies.
www.valentinavetturi.com

Pin It

Le interviste del Direttore

Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph