GTranslate

 

Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky. Una grande mostra a Verona

Chiusura 05/04/2020
di Margherita Pavoni
I capolavori esposti nella mostra dal titolo "Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky. Capolavori  dalla fondazione  Maeght”che si tiene a Verona danno sfoggio di sé al Palazzo della Gran Guardia fino al 20 Aprile. L'esposizione, curata da Marco Goldin è organizzata dal comune di Verona, Linea d'ombra con il contributo della Fondazione Maeghte e l'apporto fondamentale del Gruppo Baccini.">di Margherita Pavoni
I capolavori esposti nella mostra dal titolo "Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky. Capolavori  dalla fondazione  Maeght”che si tiene a Verona danno sfoggio di sé al Palazzo della Gran Guardia fino al 20 Aprile. L'esposizione, curata da Marco Goldin è organizzata dal comune di Verona, Linea d'ombra con il contributo della Fondazione Maeghte e l'apporto fondamentale del Gruppo Baccini.
piazza Bra, 1 Verona mappa
Inaugurazione 16/11/2019
I capolavori esposti nella mostra dal titolo "Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky. Capolavori  dalla fondazione  Maeght”che si tiene a Verona danno sfoggio di sé al Palazzo della Gran Guardia fino al 20 Aprile. 
L'esposizione, curata da Marco Goldin è organizzata dal comune di Verona, Linea d'ombra con il contributo della Fondazione Maeghte e l'apporto fondamentale del Gruppo Baccini.

Al centro dell'evento si sviluppano le fasi di un personaggio unico come Giacometti,
unico nei suoi disegni più infantili fra i quali spicca quasi sempre la testa dell'amato fratello Diego. Unico, perché volle essere ritratto così com'era in fase di malattia e ancora non dormiva e non beveva nemmeno una tazza di caffè: "il lavoro prima di tutto perché contatto primo con la vita e la storia", sono le parole dell'artista.
Unico, quando si spinse a dire che in ambito scultoreo eravamo molto più autentici e molto più vicini a certi feticci che provenivano dall'Africa e dall'Asia, rispetto ad un Donatello.
Unico, perché ebbe la sfrontatezza di cambiare completamente stile, prendendosi un modello e chiudendosi per giorni in studio perchè voleva copiare per ricominciare.

Infine, a complementare il tutto,  possiamo dire che il mistero più  grande per Giacometti è l'insensatezza e l'inevitabilità della morte. Qui il volto si stacca quasi dal corpo per assumere una sorta di evidenza universale.
Non può essere, quindi, l'aspetto fotografico a riprodurre perché nel volto occorre riconoscere l'idea della profondità. Inoltre, c'è il caleidoscopico '900 di quel periodo che ha, peraltro, un forte gusto di comunione dato dalle amicizie strette un po' in ogni direzione.

Il progetto di Marco Goldin si spinge da Chagall a Kandinsky includendo Matisse, Braque ed un'altra ventina d'opere celebri, (più di una settantina appartengono a Giacometti).
Presupponendo Parigi come centro, abbiamo: Chagall che pur venendo coinvolto dalle avanguardie, rimase sempre ai margini di questi movimenti compresi ebraismo e fauvismo, comunicando reale felicità e ottimismo grazie alla scelta dei colori brillanti.
Kandinskij che ci cattura e sbalordisce con una quantità di forme e sfumature a dir poco impressionanti. Matisse che toccò le regole dell'astrattismo avvicinandovisi soprattutto  con la tecnica del collage su carta.
E Braque che è l'eroe degli intrecci dove forme e colori si confondono fra loro apparentemente non completandosi mai del tutto. 

Tutto ciò  è  reso possibile anche grazie all'intervento della prima galleria,  poi
Fondazione, fondata da Ahimé e Mauguerite Maheg. Non è più l'intervento
monografico, ma come citato da vari articoli,  manifestazione corale degli intrecci 
anche relazionali. In questo senso è giusto dire che la mostra evidenzia anche occasioni d'approfondimento sul '900.

È, in conclusione, importantissimo,  secondo me, sottolineare - come dice Elisa Vaccini, presidente del gruppo - che non è a caso che hanno scelto di prendersi un impegno di grande rilevanza. In un mondo in cui si coglie e si consuma frettolosamente, questi progetti richiedono  tempo per essere compresi. Da vedere.
 
Il tempo di Giacometti da Chagall a Kandinsky. Una grande mostra a VeronaPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

COM_CONTENT_READ_MORE_TITLE
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


COM_CONTENT_READ_MORE_TITLE
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


COM_CONTENT_READ_MORE_TITLE
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


COM_CONTENT_READ_MORE_TITLE
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


COM_CONTENT_READ_MORE_TITLE
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


COM_CONTENT_READ_MORE_TITLE
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


COM_CONTENT_READ_MORE_TITLE
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


COM_CONTENT_READ_MORE_TITLE
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


COM_CONTENT_READ_MORE_TITLE
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

COM_CONTENT_READ_MORE_TITLE

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph