GTranslate

 

Le nuove Avanguardie artistiche e cinematografiche: l’Italia e gli Stati Uniti

in parallelo alla proroga della mostra La Galleria de’ Foscherari 1962 – 2018, visibile nella Project Room del MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna  fino al 15 marzo 2020, il museo ospita la rassegna cinematografica Le nuove Avanguardie artistiche e cinematografiche: l’Italia e gli Stati Uniti, organizzata congiuntamente con Cineteca di Bologna e Galleria de’ Foscherari con la curatela di Vittorio Boarini e articolata in due sezioni: Nuova Avanguardia italiana e Neoavanguardia degli Stati Uniti.

Sabato 15 febbraio alle h 16.00 in sala conferenze sarà possibile vedere con un programma di corti di Mario Schifano in 16mm: Reflex, Vietnam, Ferreri, Souvenir, Film, Anna e Fotografo.
Si tratta di lavori realizzati durante gli anni Sessanta in cui l'artista rende fluidi i confini tra cinema e arte, con un uso della cinepresa simile a quello di una macchina fotografica che fissa istantanee di cose, persone, opere, luoghi con i quali interagisce nella sua ricerca quotidiana. Schifano sperimenta un linguaggio che si muove tra gli opposti pubblico/privato, creando dinamismo e sorprendenti qualità estetiche attraverso giochi di luci e ombre e un peculiare uso del montaggio.
Nei suoi cortometraggi l'obiettivo è l'occhio dell'artista che inquadra ciò che vede e lo trasporta su pellicola anziché su tela. I temi trattati sono sociali e politici, come in una serie di diari volutamente privi di sviluppo narrativo e sceneggiatura.
Proprio Schifano dichiara, in un'intervista a Enzo Siciliano le sue motivazioni ad avvalersi del medium cinematografico «Vedi, la pittura, nonostante tutto, non riesce a completarmi. È che gli uomini somigliano più al cinema che alla pittura: in un film camminano, mangiano, fanno l’amore, così come accade veramente; nella pittura no».

La rassegna prosegue al MAMbo con il seguente calendario:

16 - 22 febbraio 2020 (orari di apertura del museo)
proiezione in loop di Hermitage di Carmelo Bene e La verifica incerta di Gianfranco Baruchello e Alberto Grifi all'interno di Nastronave, installazione di Eva Marisaldi collocata negli spazi della collezione permanente.

Sabato 22 febbraio 2020  h 16.00
in sala conferenze MAMbo Vittorio Boarini presenta Bis e Vieni dolce morte (dell'ego) di Paolo Brunatto

23-29 febbraio 2020
proiezione in loop di Bis e Vieni dolce morte (dell'ego) di Paolo Brunatto all'interno di Nastronave, installazione di Eva Marisaldi collocata negli spazi della collezione permanente.

Sabato 29 febbraio 2020  h 16.00
in sala conferenze MAMbo Vittorio Boarini presenta Inquietudine di Mario Carbone, con Franco Angeli (1960, 12’),  Zoommm Track! di Mario Carbone (1968, 10') e  Il canto d’amore di Alfredo Prufrock di Nico D’Alessandria, voce off di Carmelo Bene (1967, 19’).

1 - 7 marzo 2020 (orari di apertura del museo)
proiezione in loop di Inquietudine di Mario Carbone, con Franco Angeli (1960, 12’),  Zoommm Track! di Mario Carbone (1968, 10') e  Il canto d’amore di Alfredo Prufrock di Nico D’Alessandria, voce off di Carmelo Bene (1967, 19’) all'interno di Nastronave, installazione di Eva Marisaldi collocata negli spazi della collezione permanente.

Sabato 7 marzo 2020  h 16.00
in sala conferenze MAMbo Vittorio Boarini presenta Kappa di Nato Frascà (1965, 47')

8 - 15 marzo 2020 (orari di apertura del museo)
proiezione in loop di Kappa di Nato Frascà (1965, 47')

Copie digitali provenienti da CSC - Cineteca Nazionale.

Il filone sull'underground americano sarà inaugurato al Cinema Lumière mercoledì 11 marzo alle h 18.00 con due tra i più famosi film di Andy Warhol: Couch (1964) e Kiss (1963).
Il programma proseguirà dal 18 marzo tutti i mercoledì alle h 18.00 negli spazi della Galleria de’ Foscherari.

Ingresso alle proiezioni: Cinema Lumière tariffe cinema; sala conferenze MAMbo gratuito; collezione permanente MAMbo tariffe collezione; Galleria de’ Foscherari gratuito.

Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph