GTranslate

 

BASE alla Design Week 2020 è off/lab

un’installazione-esperimento per fermarci a se  una selezione delle migliori scuole e designer emergenti provenienti da tutto il mondo presentate anche quest’anno negli spazi dell’ex Ansaldo grazie alla consolidata partnership fra BASE e Ventura Projects.
21-26 aprile 2020 Milano, Via Bergognone 3 www.base.milano.it
La quantità di contenuti che scorriamo ogni giorno dai nostri smartphone equivale all’altezza di due Statue della Libertà.
Con questa riflessione sul sovraccarico di immagini e di informazioni da cui siamo immersi - e spesso disorientati - quotidianamente, per la Design Week 2020 BASE Milano propone al pubblico del Fuorisalone un’esperienza inaspettata. Dal 21 al 26 aprile la lounge dell’ex Ansaldo - da grande piazza aperta, a cui siamo abituati, dove socializzare, studiare, lavorare e divertirsi - si trasformerà in off/lab: uno spazio fisico e mentale di decompressione per dare ai visitatori la possibilità, proprio nel cuore del distretto Tortona, di estraniarsi temporaneamente dalla caotica frenesia che caratterizza il Fuorisalone.


Progetto di BASE da un concept di Stella Orsini, l’installazione sarà composta da una sequenza di ‘letti’ disposti nello spazio con luci e suoni pensati per riprodurre - in 20 minuti - un’esperienza di isolamento dall’eccesso di input della Design Week, che spesso riproduce una più allargata situazione socio-lavorativa. Ad accompagnarla, un kit multisensoriale - tra cui una traccia musicale inedita che reinterpreta i rumori bianchi, curata dall’artista Go-Dratta - che verrà consegnato a tutti i partecipanti per riuscire a mettere mente e corpo in modalità off.

Nell’epoca che ha esaltato il multitasking si è persa di vista la necessità di uno spazio mentale di nulla apparente, fase chiamata dai neurologi “default mode” in cui annoiarsi e lasciar vagare liberamente il cervello per permettergli di sedimentare informazioni ma anche di creare connessioni inaspettate.

Disconnettersi per riconnettersi, creare un vuoto per dare spazio al nuovo. Una provocazione? Non solo. Perchè off/lab vuole essere un’installazione-esperimento, una riflessione collettiva, ironica e al tempo stesso seria e urgente, sulla contemporaneità. BASE lancia così un invito a mettere in discussione lo stato di iperconnessione e iperattività imposto dai ritmi della quotidianità e del lavoro, in relazione alla nostra capacità di generare idee e creatività.
Con questa installazione, BASE integra la propria riflessione in atto sul mondo del lavoro contemporaneo, sulla modalità e gli spazi di interazione che caratterizzano le nostre relazioni, sui tempi necessari per dare vita a processi creativi. L’idea di off/lab nasce infatti dall’esperienza sviluppata negli ultimi anni all’interno del burò, la Project House di BASE, che riunisce diverse realtà delle industrie culturali con l’obiettivo di generare progetti e contaminazioni fra le diverse discipline, creare un laboratorio di sperimentazione per nuovi modelli di gestione del tempo e dello spazio di lavoro condiviso.

Proprio qui, nella Project House, è situata una piccola off/room, spazio permanente di decompressione, dove poter rimanere soli, in silenzio, e dove non sono ammessi dispositivi tecnologici. Partendo da questa esperienza - molto apprezzata dalla community di residenti -, BASE intende replicare l’esperimento su larga scala coinvolgendo il pubblico della Design Week per indagare una tematica che sembra diventare ogni giorno più urgente.
Burò_BASE_ph Serena Eller
BASE

Ventura Future

In perfetta sintonia con l’identità di BASE, prosegue inoltre la partnership con Ventura Projects - sinonimo di sperimentazione e idee innovative nel panorama del design – che anche quest’anno porterà negli spazi dell’ex Ansaldo l’evento Ventura Future con una selezione delle migliori scuole e designer emergenti provenienti da tutto il mondo.

 

Programma musicale / aking bahay* casa mia

Dal tramonto fino a tarda notte PØGO production vi invita ad un giro del mondo musicale a chilometro zero perché i suoni di tutto il mondo sono già tutti qui, tra le strade di una Milano multietnica e multiculturale, ed hanno come protagonisti nuovi cittadini di una realtà che per evolversi deve ibridarsi e contaminarsi.

L'iniziativa sostiene concretamente la campagna “Music Is Social Change” promossa da Music Innovation Hub - progetto residente a BASE Milano - con l’obiettivo di divulgare i 17 goal sullo sviluppo sostenibile indicati dall'Onu.

* trad. dal tagalog, lingua della comunità filippina che è la più numerosa presente a Milano
Scarica il press kit

BASE Milano

BASE Milano è un progetto di contaminazione culturale tra arti, imprese, tecnologia e innovazione sociale.

Nato nel 2016 all’interno degli edifici ex industriali dell’ex-Ansaldo, si traduce oggi in 12.000 mq di laboratori, spazi per esposizioni, spettacoli, workshop, conferenze, con una grande sala studio e una residenza d’artista.           
BASE è una Learning Machine, un grande organismo per l’apprendimento e laboratorio di formazione permanente al servizio della città, dei professionisti delle industrie creative e del quartiere. BASE è una macchina che apprende a sua volta mettendo in dialogo comunità creative diverse per assorbire, condividere e ri-trasformare reciproci contenuti e contaminazioni in ambiti differenti, dalla scrittura all’illustrazione, dalla musica all’arte, al design e altro ancora.             
Maggiori informazioni: www.base.milano.it

 

Ventura Projects

Ventura Projects cura progetti espositivi - organizzati da Organisation in Design con base a Utrecht e Milano - dedicando una particolare attenzione agli ultimi sviluppi del design contemporaneo. Oggi Ventura Project consiste in una serie di esposizioni attentamente selezionate e offre una piattaforma per iniziative temporanee, progetti speciali e/o concept creativi. Che si tratti di una grande esposizione all’interno di un design district o di una mostra integrata all’interno di un altro evento, Ventura Projects si distingue per l’attenzione al contenuto, alla creatività e sperimentazione. A partire dagli esordi con Ventura Lambrate a Milano nel 2010, la famiglia di Ventura Projects si è allargata in tutto il mondo con eventi a Milano, Berlino, Londra, Kortrijk, New York e Dubai.

Maggiori informazioni: www.venturaprojects.com e www.organisationindesign.com

 

BASE Milano

Un progetto di ARCI Milano, Avanzi, esterni, h+, Make a Cube3

Con il patrocinio del Comune di Milano

Con il supporto di Fondazione Cariplo

 

INFORMAZIONI

BASE Milano | Via Bergognone 34 | www.base.milano.it

 

Orari di apertura spazi espositivi:

Martedì 21 aprile – Sabato 25 aprile: 10:00 – 20:00

Mercoledì 22 aprile: 20:00 – 22:00 (open evening)

Domenica 26 aprile: 10:00 – 18:00

Mercoledì, giovedì, venerdì e sabato serate con musica e dj set nella lounge di BASE Milano dalle 23.00 alle 03.00

 Biglietti BASE+VENTURA FUTURE

Per creare opportunità di networking e garantire la partecipazione di un pubblico professionale e coinvolto, l’ingresso è a pagamento. I biglietti per BASE+VENTURA FUTURE Design Week 2020 saranno acquistabili online su: mailticket.it

 Il costo del biglietto d’ingresso è di 5 euro ed è valido per ingressi multipli alle esposizioni di Ventura Future e BASE, oltre che al programma musicale, durante tutta la Milano Design Week, dal 21 al 26 aprile.

 Off/lab
Accesso libero, con registrazione in loco

24 posti accessibili con 2 turni ogni ora, negli orari di apertura dell’esposizione.

 

Follow us on:

fb: https://www.facebook.com/BaseMilano.aplaceforculturalprogress/

instagram: base_milano / hashtag: #basemilano

Ufficio stampa Ventura Projects
Italia Nicoletta Murialdo | [email protected] | +39 339 5318579

International Carlijn Bosch | [email protected] | +31 30 2716311 | +31 6 48517367

Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph