GTranslate

 

CULTURA. CASTELLO SFORZESCO, DA OGGI IN MOSTRA LE OPERE VINCITRICI E FINALISTE DEL CONCORSO INTERNAZIONALE “MILANOVETRO – 35”

Il Castello Sforzesco di Milano - in collaborazione con il collezionista Sandro Pezzoli e con il supporto di Enrico Bersellini, Aristide Najean, Matteo Seguso e Associazione Sala delle Asse - ha  lanciato il 1° luglio 2019 un concorso internazionale di vetro artistico e design, che ha visto la partecipazione di giovani creativi da tutto il mondo (Australia, Canada, Corea del Sud, Francia, Germania, Italia, Lituania, Olanda, Polonia, Regno Unito, Spagna, Stati Uniti, Taiwan, Turchia).

Le 26 realizzazioni resteranno esposte fino al 19 aprile 2020 nella Sala della Balla

Alla sua seconda edizione, il concorso vuole proporre un percorso di valorizzazione dell’operare innovativo con il materiale vetro sia nell’ambito artistico che nel design contemporaneo, ed è rivolto a giovani under 35 che sperimentino l’utilizzo del vetro, senza alcuna limitazione per la tipologia di opere.

La giuria - composta dalla curatrice di arti applicate e contributor della rivista specializzata “Mestieri d’arte” Simona Cesana, dal direttore del Museum für Modernes Glas di Coburg in Germania, Sven Hauschke, dall’artista Silvia Levenson, dall’architetto Santiago Miranda e dalla conservatrice del Museo del Novecento di Milano Iolanda Ratti - ha assegnato a Morgan Gilbreath (Stati Uniti, 1990) il premio-acquisizione “Aldo Bellini”, a Paulius Rainys (Lituania, 1989) e Zoe Woods (Australia, 1989) i due premi per l’innovazione “Enrico Bersellini”, e a Kristina Merslavic (Slovenia, 1991) il premio materiale consistente in una fornitura di vetro, sostenuta dall’Associazione Sala delle Asse.

Una menzione speciale è stata conferita a Silvia Ileana Listorti (Italia, 1987).

Tutte le 36 opere finaliste resteranno esposte fino al 19 aprile 2020 nella prestigiosa Sala della Balla del Castello Sforzesco, in un percorso espositivo che dialoga con la collezione di vetro artistico contemporaneo Bellini Pezzoli, esposta da marzo 2017 nell’adiacente Sala Castellana.

Insieme alle opere finaliste della seconda edizione sarà esposta anche l’opera vincitrice della prima edizione, “The Tower” di Anna Mlaslowki, che nel 2018 è entrata a far parte delle collezioni civiche del Castello Sforzesco.

Le collezioni del vetro artistico al Castello Sforzesco

Il Castello Sforzesco possiede un’importante collezione di vetri artistici, costituita a partire dalla seconda metà del XIX secolo grazie a donazioni di collezionisti privati e completate da acquisti effettuati dall’Amministrazione.

A questo primo nucleo, eminentemente storico e rappresentativo soprattutto della produzione muranese, nei primi quarant’anni del Novecento si sono aggiunti molti esemplari di vetro italiano ed europeo acquisiti direttamente alle Biennali di Monza e alle Triennali di Milano, in modo talmente estensivo e sistematico che i musei civici del Castello sono venuti a trovarsi con un nucleo davvero cospicuo e molto rappresentativo della produzione artistica in vetro nella prima metà del Novecento. 

Il recente deposito della collezione Bellini Pezzoli (2016) ha consentito di colmare le lacune che riguardavano l’ultima parte del Novecento e l’inizio del Duemila, cosicché oggi la collezione è una delle più vaste, complete e aggiornate in Italia.

Le opere in mostra sono presenti su un catalogo digitale, consultabile sul sito web del concorso: https://artidecorative.milanocastello.it/it/content/competition-milanovetro-35
 
Biglietti (per l’ingresso ai Musei del Castello)

intero € 10

ridotto € 8 (Under 25, Over 65)

ridotto speciale prima domenica del mese € 5

Ingresso gratuito: Under 18, possessori di Abbonamento Musei Lombardia Milano, Tourist Museum Card

Ingresso libero il primo e il terzo martedì del mese dalle ore 14

Pin It

Le interviste del Direttore

Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph