GTranslate

 

Viaggio oltre le tenebre, Tutankhamon real experience

Chiusura 14/06/2020
di Clara Bartolini
Oltre 70 reperti provenienti dal Civico Museo Archeologico di Milano, dal Museo Archeologico Nazionale di Firenze e da collezioni private, ci accolgono, offrendoci un percorso speciale di tre sale con installazioni visive, una delle quali dedicata al Fanciullo Dorato, che racconta la scoperta della tomba del giovane faraone Tutankhamon, salito al trono a nove anni e morto a diciannove.
piazza del Duomo, 12 Milano mappa
Inaugurazione 05/03/2020
Vale davvero la pena di immergersi nella mostra: "Viaggio oltre le tenebre, Tutankhamon real experience", tra arte antica e moderna tecnologia. Organizzata da Comune di Milano cultura, Palazzo Reale, Civita Mostre e Laboratoriorosso, dal 5 marzo al 14 giugno, si propone di emozionare e ci riesce.
Oltre 70 reperti provenienti dal Civico Museo Archeologico di Milano, dal Museo Archeologico Nazionale di Firenze e da collezioni private, ci accolgono, offrendoci un percorso speciale di tre sale con installazioni visive, una delle quali dedicata al Fanciullo Dorato, che racconta la scoperta della tomba del giovane faraone Tutankhamon, salito al trono a nove anni e morto a diciannove. Tra i suoi preziosi reperti, la ricomposizione del Corredo Busca composto da una mummia, il sarcofago e un magnifico papiro lungo sette metri oltre alla splendida statua del dio Amon.

Questo viaggio oltre le tenebre, vuole illustrare la concezione dell'aldilà degli antichi egizi, e lo fa con proiezioni immersive corredate da ampie spiegazioni e sottofondo musicale, che ci travolgono con immagini bellissime e ci fanno comprendere i complessi riti che accompagnavano la morte dei faraoni. La realizzazione delle proiezioni è opera di Laboratoriorosso e del suo ideatore fotografo Sandro Vannini, curatore della mostra che, da vent'anni, si dedica alla realizzazione di progetti sull'antico Egitto. La sua base permanente al Cairo gli ha permesso di scattare un vastissimo numero di immagini, e possedere un ricchissimo archivio fotografico relativo a tutti gli oggetti del tesoro di Tutankhamon, oltre a un'infinità di immagini di luoghi, ritrovamenti e personaggi, con le quali ha realizzato queste modellazioni creative in 3D. L'alto livello del progetto è assicurato da un comitato scientifico di specialisti di grosso calibro, presieduto da Miroslav Barta  e composto da Zahi Hawass, Christian E. Loeben, Liam McNamara e Gabriele Pieke, che hanno supervisionato gli esaustivi testi, permettendo allo spettatore di comprendere la ricchezza del cerimoniale che gli Egizi dedicavano alla morte, ispirato dalla loro concezione di "vita oltre la vita".

Tecnicamente, la realizzazione si compone di 34 proiettori laser di ultima generazione, ispirati al basso consumo energetico, che si connettono in modo unitario. La prima presentazione di questa mostra, avvenuta l'anno scorso a Praga, corredata con reperti Egizi di musei locali, sempre arricchita da queste coinvolgenti proiezioni immersive, ha goduto di un importante successo. Palazzo Reale che, nel corso degli anni, ha realizzato mostre su diverse delle più importanti civiltà del pianeta, non ha voluto perdere questa occasione che completa con interessanti  innovazioni tecnologiche le sue proposte culturali.

Si consiglia (per ora) la prenotazione, per ragioni di sicurezza sanitaria gli ingressi sono distanziati e a piccoli gruppi. Da non perdere.

Foto: Il cosidetto “Hannover Amun”, Nuovo Regno fine della 18 dinastia (ca 1325 a C, particolare, Calcare indurito, h 85 x 25 x 49,3 cm - courtesy © Fritz Behrens Stiftung, on permanent loan at Museum August Kestner, Hannover


 
Viaggio oltre le tenebre, Tutankhamon real experiencePartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph