GTranslate

 

Velasquez: tre opere ambientate in cucina

di Ugo Perugini
Il giovane Velasquez ha spesso descritto nelle sue opere pittoriche ambienti popolari di vita quotidiana, come le cucine, frugali e semplici. Ed è stato capace di mostrarci il cibo per così dire dietro le quinte, durante la fase preparatoria, facendolo diventare protagonista di scene di grande effetto.

 

Di solito, l’artista di Siviglia riproduce tavole essenziali e naturalistiche, molto spartane e ben lontane dalle nature morte dei banchetti sontuosi secondo lo stile, ad esempio, di un Peter Claesz (1623/25).
Velasquez, d’altra parte, nelle sue opere allude sempre a valori allegorici e significati religiosi, talora posti sullo sfondo o appena accennati, come nella famosa opera “La friggitrice di uova” (1618). Qui, c’è un giovanetto con in mano un fiasco di vino e un melone legato con lo spago, e la vecchia che cuoce le uova in una pentola di terracotta. I loro visi sono privi di qualsiasi espressione. Per l’artista è importante mettere in evidenza i gesti, quasi sacrali, della donna che prepara le uova e ne segue la cottura.

Il riferimento religioso potrebbe condurci alle idee di Teresa d’Avila, morta una trentina d’anni prima (1582) . Ricordiamo che nel libro delle” Fondazioni” la grande santa afferma: “Se siete in cucina, pensate che tra le pentole sta Dio …”, concetto ripreso anche recentemente dalla chiesa per sottolineare che occorre “passare da una spiritualità che si fonda sulla logica dello straordinario ad una mistica del quotidiano“.
E su questo tema vale la pena ricordare anche una recente performance di Marina Abramovic alla quale abbiamo assistito e che riproponeva l’estasi della santa Teresa proprio nella cucina di un convento.

Ma torniamo all’opera “La friggitrice di uova”, che si trova al Museo di Edimburgo, Galleria Nazionale di Scozia. E’ un edificio neoclassico su tre piani. Conserva molte opere di pittori importanti come Tiziano, El Greco, Velasquez, Rembrandt, Rubens, Van Gogh, Monet, Cezanne e Gauguin. E, naturalmente, c’è anche Raffaello con la sua famosa “Vergine e il bambino”.

Altri due quadri con cucina
Visto che siamo in cucina con Velasquez, citiamo altre due sue opere che hanno questa stanza come protagonista. In queste opere però, l’artista è più esplicito nelle citazioni religiose, in quanto mette in secondo piano delle scene che ricordano episodi della vita di Gesù: la prima insieme a Maria e Marta e la seconda la famosa cena di Emmaus.
Nel quadro di Velasquez “Cristo in casa di Marta e Maria” (1618), vediamo, infatti, la scena attraverso un passavivande, mentre due donne in cucina stanno preparando una cena a base di uova (ricordiamo il significato dell’uovo come rinascita), pesce, aglio, peperoncino, ecc.

Nell’altra opera “La mulatta” (1620-22), di cui esistono due versioni, la protagonista è una sguattera mulatta che ha appena finito di cucinare e mette in ordine le stoviglie. Da una finestra, nell’altra stanza vediamo Gesù seduto a tavola con due commensali nella famosa cena di Emmaus, immagine questa che è stata scoperta a seguito di un restauro piuttosto recente.

In entrambi i quadri, i critici discutono se le scene che hanno per protagonista Gesù e che vediamo in secondo piano, siano reali oppure, a loro volta, riproduzioni o riflessi da uno specchio. Quello che è importante come messaggio è che il Cristo, in un modo o nell’altro sia sempre presente nelle nostre vite, anche in situazioni più umili e quotidiane.

Vediamo ora dove si trovano le opere che abbiamo descritto. La prima è alla National Gallery di Londra, l’altra al Metropolitan Museum di New York. Entrambe sono istituzioni di grandissimo prestigio. La prima ha la sua sede in Trafalgar Square, ed espone 2300 dipinti di varie epoche. Potete fare una visita virtuale accedendo direttamente al sito https://www.nationalgallery.org.uk/visiting/virtual-tours/virtual-tour-2011#/central-hall/).

La seconda, conosciuta anche come MET, si trova in 1000 fifth Avenue, sul lato orientale di Central Park. Ha un patrimonio immenso: contiene oltre due milioni di opere, suddivise in 19 sezioni. Il sito di riferimento è https://www.metmuseum.org/ e anche qui potrete trovare video e informazioni in abbondanza.
 
Velasquez: tre opere ambientate in cucinaPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph