GTranslate

 

DETACH “Un inno alla amata Italia” Mostra benefica di Ciro Zizzo

artisti costruttori di pace
Chiusura 31/07/2020
La mostra virtuale benefica "Detach" dell'artista Ciro Zizzo, è online fino al 30 luglio su facebook e diffusa anche su instagram,. Un’iniziativa di beneficenza alla quale tutti possono partecipare con un’offerta libera e in cambio scegliere una delle sue opere in mostra. Il contributo andrà versato direttamente sul conto corrente del comune di Villafrati (PA), paese natale dell’artista, colpito tragicamente dall’emergenza Covid­19.
Inaugurazione 08/06/2020
  31/07/2020
"Detach" la mostra virtuale benefica dell’artista Ciro Zizzo è online su facebook e diffusa anche su instagram, fino al 31 luglio 2020.
In un periodo di “sospensione” come questo, Ciro Zizzo si ferma a riflettere sulla pura essenza della vita che,
nella visione dell’artista si incarna nel concetto di “Amare per esistere”. “Evviva l’Italia!” esulta. E con tanto
entusiasmo e passione Zizzo dipinge tutte le sue opere marchiandole di verde, bianco e rosso in onore della
sua amata patria. Desideroso di portare un messaggio di felicità fa delle sue opere un dono, crea una mostra
virtuale dal titolo “Detach”, un’iniziativa di beneficenza alla quale tutti possono partecipare con un’offerta
libera e in cambio scegliere una delle sue opere in mostra. Il contributo andrà versato direttamente sul conto
corrente del comune di Villafrati (PA), paese natale dell’artista, colpito tragicamente dall’emergenza Covid­19.
“Ogni fiore in segno d’amore”. Una metafora usata da Ciro Zizzo per manifestare la sua vicinanza alla
collettività con un gesto che porta gioia, un dono all’Italia e al mondo. Da questa esigenza nasce il progetto
“Detach” orientato alla esaltazione di valori intangibili.
Costretti a rimanere tutti a casa abbiamo osservato con maggiore consapevolezza le cose che ci circondano.
Fermarsi ha dato l’opportunità a Zizzo di ripartire, dando vita al nuovo progetto “Detach”, per cui ha
utilizzato tutto ciò che compone il suo archivio: riviste internazionali di moda con editoriali contenenti sue
fotografie, stampe fotografiche analogiche che conserva da anni come cimeli e, i soggetti ri­trattati, ai quali
l’artista rende omaggio, sono volti noti di modelle e personaggi di fama mondiale. Per citarne alcuni, Naomi
Campbell, Nadège Dubospertuse, Carmen Kass, Stella Tennant, Luca Tommasini e tanti altri nomi importanti
della scena internazionale. A questi elaborati si aggiungono altri soggetti che fanno parte di mondi diversi: la
collezione di topolino, le tele con I Pupi sinonimo di bellezza universale, Le Cellule che rimarcano l’unicità di
ogni essere umano ed il suo evolversi. Questo è quello che ha a disposizione Ciro Zizzo per le sue
rielaborazioni pittoriche. Inoltre, Ciro Zizzo dedica tre opere su tela alla città di New York, a lui molto cara,
centro del mondo travolto dalla pandemia. L’esplosione cromatica rappresenta i colori del mondo che
convivono insieme in un raggiante melting pot.

Le nuove opere lanciano un messaggio di aiuto, di speranza e di rinascita. Gli elementi grafici che invadono le
superfici sono cerotti che rimarginano le ferite del passato e di oggi; poi ancora cuori e fiori che ribadiscono il
senso di unione ed amore, pennellate che inneggiano al tricolore italiano, lettere elementari “A­B­C” che
creano composizioni confuse all’apparenza, ma che in realtà nascondono un messaggio chiaro: l’importanza
della comunicazione, “elementare è fondamentale” come predilige l’artista.
In tutto l’universo pittorico di Ciro Zizzo ricorre anche la parola “Love” ed oggi più che mai “è il momento
giusto per riflettere e volgere lo sguardo verso ciò che salverà la nostra esistenza: liberarsi da quanto di
insidioso e di poca rilevanza, amare tutto quello che è attorno a noi. Amare per esistere”. Un altro modo di
riportare un po’ di luce, in mezzo a tanto buio.
Rossana Nuzzo

Ciro Zizzo artista nomade per eccellenza è fotografo, pittore e grafico.
Laureato in Scenografia e Costume all’Accademia di Belle Arti a Palermo, ha vissuto tra New York, Los
Angeles, Miami ed il Nord Europa.
Nel suo viaggio umano e professionale ha realizzato: editoriali, campagne pubblicitarie e ritratti di celebrità
internazionali per Vanity Fair, Chopard, BMW Nord America Lifestyle, L’Oréal, Absolute Yachts e altre riviste
mondiali.
La sua ricerca artistica è progredita in parallelo alla sua professione, di seguito citiamo alcune partecipazioni a
esposizioni collettive e personali: Amare... per Esistere, Cantieri culturali alla Zisa di Palermo e Palazzo
Filangeri, Villafrati (PA), 2019; Becoming...Our Surroundings, Casa atelier, Milano 2017; Forward & Back &...
Forward, Blanco, Milano 2014. E la partecipazione a Art Basel, Miami (2005); Fashion Fair, Papercity, Art
Basel, Miami (2005); GLAAD OUTAuction NYC, Bud Light, New York (2003); Masterminds of Mode, Kobe
Fashion Museum, Tokyo (1999­2000); Uniti nella lotta all’AIDS organizzata da Bulgari Fashion Service
Group, Triennale di Milano (1997); Moda & Gioielli; Act for AIDS in collaborazione con Sotheby’s (1996). Tra
le altre esperienze professionali Ciro Zizzo, è stato modello per note case di moda, Moschino, Ferrè, Ungaro,
Missoni, Bailman per citarne alcune e per le più importanti riviste internazionali; ha partecipato come giudice
e fotografo ufficiale al programma Italia’s Next Top Model sul canale Sky Vivo, 2008.
E’ autore e produttore di musica, One day è il nuovo singolo che oggi ha raggiunto un considerevole successo,
è interpretato dall’artista americano Grant Miller cantautore di fama mondiale per il genere musicale italo
dance. A breve uscirà il brano Better way, interpretato da Miller, di cui Ciro Zizzo, che ne è l’autore e il
produttore, scrive “il più delle volte non si riesce a dare, a comunicare e a trovare il modo migliore per
amare”.

Come donare:
Le opere saranno visibili sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/Detach­111767817225729/ a
partire dall’ 8 giugno. L’immagine di ogni opera sarà accompagnata da un titolo/numero, misure e tecnica.
L’offerta è libera.
Nel caso in cui un fruitore fosse interessato ad un’opera, sarà necessario seguire i quattro passaggi:
1. Assicurarsi della sua disponibilità (menzionare il titolo) inviando una mail all’indirizzo:
[email protected]
2. Se è ancora disponibile, gli verrà inviata una risposta di conferma ed entro tre giorni dalla richiesta,
si potrà procedere con la donazione direttamente sul conto corrente del Comune di Villafrati (PA) alle
seguenti coordinate bancarie:
­ intestazione: COMUNE DI VILLAFRATI EMERGENZA COVID­19
­ IBAN: IT97Z0760104600001049377730 (per i bonifici dall’estero il codice Swift è: BPPIITRRXXX )
­ causale: Causale Emergenza Corona Virus Donazione Detach Un inno alla amata Italia
3. Una volta effettuato il bonifico è opportuno inviare una mail a [email protected] con
allegato:
­ copia della ricevuta della donazione effettuata
­ Nome, cognome, contatto telefonico e indirizzo di spedizione del destinatario
4. La consegna delle opere sarà effettuata a partire dall’ 1 di settembre 2020, tramite due modalità:
ritiro durante un evento dedicato nella città di Milano (ove possibile e con data da destinarsi) o
tramite spedizione con spese a carico del destinatario.
 
DETACH “Un inno alla amata Italia” Mostra benefica di Ciro ZizzoPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

Chiusura 16/07/2020 di Stefano Pariani
Molti milanesi la ricordano ancora come la “gesetta di lusert”, la chiesetta delle lucertole, un edificio [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph