GTranslate

 

, "Nei cieli del Correggio"

Un frammento inedito di un'opera perduta di Antonio Allegri in esposizione, dal 17 ottobre 2020 al 17 gennaio 2021, "Nei cieli del Correggio". Sede della mostra è, infatti, il Museo Il Correggio (Correggio, Reggio Emilia), dedicato al grande pittore rinascimentale.

Curato da Maria Cristina Chiusa e Gabriele Fabbrici, il progetto è costruito intorno all'esposizione di un frammento dell'"Incoronazione della Vergine", opera del Correggio del 1522, affrescata nella chiesa di San Giovanni Evangelista a Parma, nel catino absidale andato distrutto nel 1587. Il frammento, appartenente a una collezione privata, è stato sottoposto a un'attenta analisi, condotta in primo luogo dalla storica dell'arte Maria Cristina Chiusa, che ne ha permesso una precisa attribuzione al Correggio, partendo dalle cifre filologico-stilistiche inconfondibili, accompagnate da una solida documentazione a confronto. Tutti gli elementi costitutivi della ricerca, dunque, riconducono la paternità del frammento, che si presenta staccato e incollato su rame, all'Allegri, anzitutto per ragioni filologiche e stilistiche, riscontrabili negli unici altri quattro frammenti ad oggi noti, tutti provenienti dal medesimo affresco e conservati alla Galleria Nazionale di Parma, alla National Gallery di Londra e al Museum of Fine Arts di Boston.
«Il legame che unisce Correggio ad Antonio Allegri è antico e profondo ed è la storia del rapporto di un artista con la sua città natale, che ne ricorda il genio e il talento che tanto ha contribuito all'arte pittorica del Rinascimento, ma è anche una storia travagliata con una città che ha vissuto un susseguirsi di dolorose privazioni, a causa delle perdite subite tra Seicento e Settecento delle due opere dipinte per la città di Correggio», commenta il sindaco di Correggio, Ilenia Malavasi. «In questi anni, grazie all'impulso dato dal nostro centro di documentazione e dall'attività della Fondazione Il Correggio, si sono susseguiti numerosi appuntamenti dedicati al Correggio, a partire dalla mostra "Il Correggio a Correggio" - che permise di scoprire l'autenticità dell'elemento centrale del "Trittico dell'Umanità di Cristo", esposto ai Musei Vaticani - per finire alle recenti iniziative legate all'esposizione reggiana sulla Dama. È quindi con particolare piacere, emozione e orgoglio, che oggi presentiamo una nuova e fondamentale scoperta allegriana: un inedito frammento di affresco, proveniente dalla distrutta "Incoronazione della Vergine" realizzata per l'abside della chiesa di San Giovanni Evangelista di Parma. Frammento lungamente studiato da Maria Cristina Chiusa e che oggi, per la prima volta, è oggetto di un evento espositivo che ne restituisce la fruizione pubblica e consente di aprire nuovi percorsi di ricerca volti ad approfondire ulteriormente la conoscenza dell'Allegri. Oltre al valore storico e tecnico di tale scoperta, la mostra rappresenta anche, per la città, un momento di riappropriazione di uno spazio pubblico importante e suggestivo com'è il Museo ed è molto significativo che questo avvenga nel nome e tramite l'opera del suo figlio più celebre, Antonio Allegri, detto Il Correggio».

Il percorso espositivo prevede una parte storico-didattica introduttiva che, grazie all'ausilio di QR Code, consente al visitatore di accedere a contenuti inediti, anche in formato audio. Si accede, quindi, alla sala in cui è conservata la preziosa "Testa di cherubino". A seguire, la ricostruzione virtuale del catino absidale della chiesa di San Giovanni Evangelista a Parma con riposizionamento del frammento, realizzata per l'occasione da Jacopo Veroni (Blackforge).

La mostra sarà inaugurata sabato 17 ottobre 2020 alle ore 16.00. Sarà possibile prendere parte al vernissage, sino ad esaurimento dei 45 posti disponibili, previa prenotazione entro il 16 ottobre 2020. Accesso alla mostra gratuito, con turni su prenotazione obbligatoria di 20 persone ogni ora. Catalogo con prefazione di Ilenia Malavasi e testi di Gabriele Fabbrici e Maria Cristina Chiusa disponibile in sede. Per informazioni e prenotazioni: tel. 0522 691806, [email protected]correggio.re.it, www.museoilcorreggio.org

L'esposizione sarà accompagnata da un ricco programma di eventi collaterali. Tre gli appuntamenti al Museo Il Correggio, sempre alle ore 16.30: domenica 15 novembre, "Francine e la visione di San Giovanni", presentazione del fumetto di Francesca Francine Rustichelli; domenica 13 dicembre, "Correggio a San Giovanni: il ciclo affrescato, il frammento", conferenza a cura di Maria Cristina Chiusa; domenica 10 gennaio 2021, "Correggio frescante: la materia e il restauro", conferenza a cura di Marcello Castrichini. Al Correggio Art Home sarà allestita "Correggio e La Petite Capitale", evento espositivo a cura di Anna Bartoli, con inaugurazione sabato 24 ottobre 2020 alle ore 15.00 (orari: martedì, venerdì, sabato e domenica 9.30-12.30 e 15.00-18.00; ingresso libero e gratuito, massimo 10 persone). Al Museo Il Correggio si svolgeranno i laboratori artistici per bambini suddivisi per fascia d'età: "La Casina nel cielo" (8 e 14 novembre 2020), "Il Cherubino" (21 e 22 novembre 2020), "Ritratto di Bambino" (19 e 20 dicembre 2020), "I colori di Antonio: astrazione in azzurro, rosa, giallo e blu" (9 e 16 gennaio 2021). Domenica 25 ottobre, 22 novembre, 20 dicembre e 17 gennaio 2021 si terranno, inoltre, quattro visite guidate ai luoghi allegriani di Correggio e alla mostra con partenza alle ore 9.30 dal Correggio Art Home (partecipazione gratuita con prenotazione obbligatoria, massimo 20 persone). Sabato 7 novembre è infine in calendario una gita a Parma con visita alla città e ascesa sul ponteggio per ammirare da vicino gli affreschi in San Giovanni Evangelista.
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph