GTranslate

 

Anastilosi riuscita per il Chiostro trecentesco del Nuovo Museo Salce. Ha ripreso forma dopo Il bombardamento americano del 1944

Il 7 aprile del ’44, le fortezze volanti americane, in soli 7 minuti di azione, rasero al suolo ampia parte di Treviso, provocando circa 1.600 vittime. Ad essere pesantemente colpito fu anche il complesso di Santa Margherita, che dal prossimo 5 dicembre, sarà la nuova sede del Museo Nazionale della Collezione Salce. L’ex chiesa subì danni molto seri ma peggio andò al grande chiostro del monastero. Tre dei sui lati vennero polverizzati, ridotto a macerie il quarto, quello attiguo alla chiesa.
“Quel poco che era rimasto di questo lato del chiostro trecentesco è ora risorto dalle macerie”, annuncia il Direttore del Polo Museale Veneto, dottor Daniele Ferrara. “I lavori finanziati da Mibact e Regione Veneto per la realizzazione del Nuovo Museo Nazionale Collezione Salce hanno consentito anche di recuperare le testimonianze originarie del chiostro e di farlo, almeno in parte, rinascere”.


“Abbiamo individuato e recuperato le poche colonne originali superstiti e i brani architettonici ancora integri o leggibili, racconta Chiara Matteazzi, responsabile dell’intervento per il Nuovo Salce. Di altre colonne non restavano che frammenti marmorei di nessun significato, se non come reliquie dell’evento bellico”.
“Con un paziente lavoro di anastilosi è stato possibile ridare forma all’antico chiostro, recuperando ove possibile, ogni materiale originale e integrando i resti con nuovi manufatti realizzati nelle forme di quelli scomparsi. Naturalmente le nuove colonne, copie di quelle andate perdute, sono state marchiate con la data della realizzazione per distinguerle da quelle originali. Anche per il tetto del chiostro abbiamo recupero le poche tegole superstiti reintegrandole con altre già “vissute” provenienti da vecchi edifici trevigiani. Nel corso dell’intervento sono riemerse anche tracce di affreschi di cui non si aveva memoria e pochi brani dell’intonaco originale. Il tutto è stato consolidato e restaurato. Di particolare interesse, un ampio lacerto di affresco con raffigurati la Madonna in trono con Bambino tra Santa Margherita e Santa Caterina e un Serafino da collocare agli ultimissimi anni del Duecento”.
Degli altri lati del grande chiostro non è rimasta traccia, spazzati via prima dal bombardamento e poi dall’occupazione degli spazi del monastero da parte di altri edifici. E’ rimasto l’ampio sterrato che corrispondeva al giardino che impreziosiva il chiostro in epoca monastica. Per esso si è deciso un recupero a spazio per manifestazioni, creando una pavimentazione in trachite e sassi di fiume.
“Abbiamo voluto creare – evidenzia l’architetto Matteazzi - in questa nuova pavimentazione un “cannocchiale” che oggi conduce sino ad un muro, oltre il quale continua ad esistere un il secondo ampio chiostro dell’antico monastero. Questo secondo chiostro, praticamente integro, è oggi parte dell’Archivio di Stato”.

Museo Nazionale Collezione Salce: https://www.google.com/url?q=http://www.collezionesalce.beniculturali.it&source=gmail&ust=1606577052262000&usg=AFQjCNF1_a7pWaqswqpd4tG6g7QM6zjDBg">www.collezionesalce.beniculturali.it tel. 0422 591936 -[email protected]beniculturali.it

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph