GTranslate

 

Alla Patty’s Art Gallery il razionale Luigi Cei, pittore che però sulla tela lascia spazio al cuore e all’emotività quale bussola

Luigi Cei, artista esposto presso la galleria d’Arte Contemporanea di Patrizia Stefani [ https://www.pattys.it/it/ ], è nato a Mede in provincia di Pavia. Autodidatta, da bambino non amava l’arte in quanto nessuno lo incanalò e lo accompagnò a capire ed apprezzare le varie forme artistiche. Le ha però scoperte da solo ritrovandosi, poco più che ragazzo e senza alcun motivo in particolare, con alcuni pennello in mano a dipingere nature morte. Dipingeva ciò che vedeva fuori dalla finestra ed era per lui semplicemente riprodurre delle forme, che potevano pure assumere colori e connotazioni differenti dall’osservato.


Ecco quindi che inizialmente, nel suo percorso artistico, è prevalsa la parte figurativa. Utilizzava non soltanto i detti pennelli, ma più
spesso le spatole e le mani. Copiava dal vero e si cimentava con cestini di frutta e vasi di fiori. Per quanto tuttavia provasse a ritrarre i
tali esattamente per come erano, certi particolari ne uscivano sempre diversi dall’osservato.
Poi il pittore pavese è passato a rappresentare le città viste in orizzontale e verticale, scomposte e ricomposte, con porte d’ingresso
aperte, finestre spalancate e chiuse, tetti a punta e l’uno sull’altro – tutto ciò, ha spiegato lo stesso Luigi Cei, come metafora
dell’anima. Anima, ha continuato, quale “essenza” – l’essenza che, si, riconduce al quotidiano; essenza intesa come esperienza degli
umani rapporti con gli altri attraverso l’immediatezza di accessi concessi, o sbarrati, a seconda della volontà di comunicare, e pur
di fronte a tetti aguzzi che rappresentano l’esasperazione delle difficoltà ad introdursi nel mondo altrui.
È in questo periodo che ha usato ogni tipo di materiale. Carta, pelle, stoffa, lustrini, passamanerie, pailette che ha tagliato, cucito ed
imbastito. E, dopo un po’, non di meno si è stancato di ciò (venutogli a noia) e ha sentito l’urgente necessità di qualcosa di più
sintetico. Ed è ricercando un mezzo d’espressione più immediato, benché dettagliato, che Luigi Cei è approdato all’attuale ricerca nel
campo dell’astrattismo materico. Un astratto, il suo, che lui spiega essere il riassunto delle case, delle strade, dei pensieri sintetizzati
e a sfociare in monocromi con forme e colori che si fondono, e combaciano a vicenda. Un evidente invito alla semplificazione è
pertanto questo di Luigi Cei, semplificazione che gli dà il piacere di togliere gli orpelli, le decorazioni e di andare dritto all’anima
senza troppi fronzoli dacché ritiene che la comunicazione debba essere priva di barriere, immediata e sincera, per cui gli steccati
devono appunto essere abbattuti a favore di una linearità diretta ed istantanea.
L’artista di Mede gioca con i gialli, con i verdi chiari e scuri, con gli sfumati e li mischia con sabbia, con terra e con qualsiasi altra
cosa gli permetta di dare rilievo e consistenza. Colore che, per Luigi Cei, è vita. Le tonalità giallo-arancio, quelle che appartengono
alla terra, agli alberi, alla natura le sue preferite. Le tinte calde le sue predilette benché a volte giochi perfino con i neri e i bianchi,
quasi per una sfida con se stesso, per provare che alla fine la barriera dei colori non esiste.
Desidera comunicare con segni ed ideogrammi come a condurre un discorso con qualcuno e vorrebbe quasi prendere per mano
l’osservatore e illustrare così un percorso attraverso le personali emozioni, il personale vissuto, affinché ne rimanga memoria e
un’eredità. Vorrebbe ovvero essere ricordato come colui che ha qualcosa da trasmettere e da insegnare, che sia in grado di dare
qualche consiglio ma altresì di riceverli affinché tutto abbia le sembianze di un ciclo con un inizio e una fine che si ricongiungono,
ad affermare un discorso di continuità proprio tra il donare e il ricevere, l’essere reale e il sognare, includendo le sensazioni e le
emozioni di tutti coloro che vorranno percorre un tratto di strada con lui.
Da ricordare come Luigi Cei abbia esposto in mostre Personali e Collettive, in Italia e all’estero. Solo per citarne alcune:
l’esposizione nel 2003 a Vigevano e a Lignano Sabbiadoro ma anche, nello stesso anno e nel 2004, a Forte dei Marmi. Risale al 2005
la Collettiva presso la biblioteca comunale di Milano, al 2006 la Personale alla Camera di Commercio di Chieti e al 2007 quella nella
sala consigliare del Comune di Cava Manara.
Tra le sue esposizioni più recenti vi è l’emblematica “Antiche Forme e Nuovi Segnali”, a Cremona nel novembre 2015, ovvero una
serie di opere in cui è evidente l’attento equilibrio compositivo di ogni elemento del ciclo. La Critica è stata concorde nell’asserire
che <<Le forme geometriche si dispongono con inesorabile esattezza ed armonia, dialogano e si rinforzano tra loro… Rettangoli,
ellissi, triangoli, lùnule in una composta e ritmata coreografia di rette e curve simmetriche che, come in un caleidoscopio, trovano
sempre nuovi movimenti e sospensioni>>. Ma nelle opere grafiche di Luigi Cei sono presenti, regolarmente, pur misteriosi simboli e
frecce indicative di opposte verticalità – simili a grafemi, geroglifici, rappresentazione segnica che sembra rimandare agli albori della
parola scritta e della società umana. Forme geometriche che sono un riassunto semplificato e diretto di un pensiero lungo e tortuoso
che, per l’appunto grazie ad esse, può essere brevemente sintetizzato e condiviso.
Indicazioni e luoghi, quelli di Luigi Cei, verso cui dirigersi e posti presso cui sostare. Il pittore ha spiegato difatti di credere che
l’essere umano abbia bisogno dell’indicazione di una direzione verso la quale andare, di un posto nel quale fermarsi e lì riflettere sul
proprio passato al fine di intraprendere poscia la strada verso il proprio futuro. È per lui importante la possibilità di trovare un senso,
di avere una direzione da seguire che deriva dalla propria esperienza e dal proprio trascorso così da poter, in tale maniera, chiarire
infine dove e come procedere in avvenire.
Il nitore e il rigore esemplare di Luigi Cei è stato inoltre occasione per rievocare, da parte di alcuni critici e storici d’arte, il
movimento artistico MADI con il quale il creativo lombardo condivide la riproposizione di immagini all’interno di una dinamica che
si affida alla razionalità dell’impianto. Quelle di Cei, al pari di quelle degli appartenenti al MAterialismo DIalettico, sono superfici
costituite da variazioni minime dove la forma viene ripetuta in modo da ribadire la propria presenza con differenze minimali di tono,
di spessore, di densità rispetto alla base del quadro. Il rapporto ottico con le immagini è quindi un rapporto interrogante e non
affermativo (rari sono i toni accesi!), quale è tipico dell’arte astratto-geometrica.

Giulia Quaranta Provenzano

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph