GTranslate

 

Dipinti 600 mq di parete: la grande "tela" dell'artista Etnik si chiama Green revolution

 L’urban Artist Etnik è tra gli 8 artisti nostrani coinvolti nella prima galleria di urban art a cielo aperto mai realizzata a livello mondiale in un parco logistico, il Prologis Park Lodi.

Per questo progetto Etnik ha realizzato Green Revolution, un’opera di circa 600 mq che verte totalmente sul tema Naturale e sull’importanza del cambiamento in atto nel mondo: punto fondamentale della svolta Green deve essere la salvagurdia della natura e le sue possibilità energetiche, economiche e sociali.

 

Il tema del Green è trattato già da tempo nelle opere di Etnik: soggetti come natura e città in contrapposizione, il dualismo tra forme geometriche che rappresentano la Città (e quindi l’operato dell’uomo) e la Natura. Quest’ultima in Green Revolution sarà rappresentata non solo dall’opera di Etnik, ma anche da un giardino verticale che nel mese di luglio verrà applicato all’interno di alcuni dei volumi dipinti, rendendo la natura protagonista indiscussa di questa gigante tela.

 «Un progetto che si basa sulle parole chiave future change e nature mixando la pittura al verde - dichiara l’urban artist ETNIK - La possibilità di interagire con i giardini verticali è stato uno stimolo ulteriore a poter progettare un lavoro davvero entusiasmante. Per chi osserverà il mio lavoro, vorrei far nascere uno spunto di riflessione, che trasporti il fruitore tra geometrie e natura». 

Il Focus dell’artista sull’architettura urbana, come analisi dell’ambiente che ci circonda maggiormente, permette di porre in chiave astratta ma anche illustrativa, alcune critiche e contraddizioni sulla Città, tanto studiata da Etnik: queste riflessioni infatti accompagnano l’artista da oltre 25 anni.

 Quest’opera si sviluppa su 3 piani di lettura:

 -Il primo è descrittivo e prevede elementi naturali riconoscibili subito, creando quindi un primo impatto, quasi familiare, di ciò che si vede, suscitando un’empatia immediata tra l’opera e i diversi fruitori che frequenteranno lo spazio di Prologis. Lo scopo dell’artista, in tutte le sue opere, è quello di creare un rapporto tra il pubblico e l’opera.

 -Un secondo livello di lettura di questo lavoro, sta nella composizione semi astratta di volumi architettonici, nella cromatica pittorica ben studiata e disposta in modo da dare input e sensazioni diverse, progettate per risaltare le forme più importanti.

La composizione prevede un dualismo tra forme naturali e solidi geometrici sottolineando il tema della Città come playground dell’arte urbana ma anche luogo dove l’uomo principalmente si muove; lo spazio che la natura trova in esso ricorda anche alcune architettura utopiche come quella di Emilio Ambasz, architetto con cui Etnik ha collaborato.

 -Un terzo piano di lettura, più profondo e complicato al primo sguardo, è il rimando vero e proprio alle origini del writing, cioè l’elaborazione stilistica del lettering interno alla composizione (si può leggere Etnik) che  completa il lavoro inserendo anche la fedeltà di Etnik verso le sue origini.

  ETNIK

É un artista che attualmente vive e lavora a Torino. È attivo da oltre 25 anni nel mondo del writing e nell’arte urbana.
Ha dipinto ampie murate nel mondo, provando sempre a supera- re se stesso, esplorando paesaggi urbani, osservando le città e ri- cercando luoghi abbandonati. 

I suoi lavori spesso hanno più punti di vista o sono “upside down” (sottosopra), così da rappresentare l’equilibrio precario dell’essere umano e del suo tempo.
Negli anni ha partecipato in svariati eventi pubblici e privati come: la Biennale di Venezia off, la Biennale di San Paolo GFA in Brasile, esposizioni a Parigi, Chicago, Dusseldorf etc.

  Il Prologis Park Lodi ospita oggi le opere di otto urban artist italiani di fama internazionale che hanno usato le facciate degli edifici e i serbatoi dell'acqua come tele per realizzare opere inedite e ispirate da una serie di parole chiave. Grazie alla collaborazione di CEVA Logistics, la società che opera dal parco e partner dell’iniziativa promossa da Prologis, a partire da settembre il Parco verrà aperto al pubblico e agli amanti della urban art per visite guidate gratuite su prenotazione. 

Pin It

Viaggio nell'Arte

Notizie OK ARTE

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph