GTranslate

 

Pietro Morando tra Pellizza, Carrà e Severini a Palazzo del Monferrato di Alessandria

in Via San Lorenzo, 21 Alessandria, Alessandria,

Recensito da Stefano Pariani

Sommario

La mostra ripercorre l'iter dell'artista attraverso una cinquantina di opere provenienti da collezioni pubbliche e private senza seguire un ordine cronologico, ma per accostamenti, affinità e suggestioni che derivano dai pittori a lui contemporanei, come Angelo Morbelli, Pellizza da Volpedo, Carlo Carrà, con cui Morando condivise amicizia e scambi culturali.

Descrizione

morandoAlessandria rende omaggio ad uno dei suoi pittori più celebri con una mostra allestita presso Palazzo del Monferrato e curata da Maria Luisa Caffarelli e Rino Tacchella. Pietro Morando nacque proprio qui nel 1889 e ricevette un impulso decisivo all'arte quando Angelo Morbelli, suo celebre concittadino, lo introdusse all'Accademia di Belle Arti di Brera. Suggestionato da Pellizza e sostenuto da Bistolfi, altri importanti artisti del territorio alessandrino, Morando suscitò fin da subito l'interesse di molti, elaborando uno stile che affondava le radici nel clima artistico locale, ma si apriva a nuove esperienze tutte personali. Con gli orrori del primo conflitto mondiale, vissuto in prima persona, la sua pittura si fece più essenziale, scarna, con figure dalle linee geometriche e spezzate per approdare, negli anni successivi, ad esiti che lo avvicinarono alla pittura metafisica italiana. La mostra ripercorre l'iter dell'artista attraverso una cinquantina di opere provenienti da collezioni pubbliche e private senza seguire un ordine cronologico, ma per accostamenti, affinità e suggestioni che derivano dai pittori a lui contemporanei, come Angelo Morbelli, Pellizza da Volpedo, Carlo Carrà, con cui Morando condivise amicizia e scambi culturali. Spesso l'accostamento di opere nasce da soggetti simili e mostra le diverse interpretazioni degli artisti. Troviamo così tele che ritraggono la solitudine dell'uomo L'emigrante, la famiglia Maternità, Il ritorno del figliol prodigo, la semplicità della vita di campagna Il mercato del bestiame, Il ponte sul Bormida, vedute marine, passando da uno stile ancora debitore del Divisionismo ad uno sempre più personale, sobrio ed essenziale. La poesia delle opere di Morando nasce dalla forza dei suoi soggetti, quasi sempre gente povera, contadini, facchini e viandanti, che esprimono lo smarrimento e il senso di ricerca dell'umanità. E' gente silenziosa, che non reclama nulla, che vive con pacata consapevolezza la propria quotidianità e anche la propria miseria; a queste persone Morando restituisce tutta la loro dignità. Il percorso espositivo fa nascere nel visitatore interesse, curiosità e lascia aperte strade interpretative anche in chi si accosta per la prima volta a questo pittore. Stefano Pariani Palazzo del Monferrato Via San Lorenzo, 21 Alessandria Tel. 0131/313400 [email protected] Orario d’apertura Dal 15 aprile al 30 maggio 2014 Da martedì a venerdì 16.00 – 19.00 Sabato e domenica 10.00 – 13.00; 16.00 – 19.00 Ingresso gratuito
votazione 4/ 5 (Excellent) Stefano Pariani
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettoRecentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella piazza antistante la...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più belle al mondo. Quali...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola
Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore, produttore,...

Leggi tutto...

Iscriviti al Concorso Cattedrali

Certamen internazionale letterario ed artistico sulle Grandi Cattedrali d'Occidente

CertamenData l'emergenza storica che stiamo vivendo la rivista Ok Arte su idea del direttore artistico Melinda Miceli organizza un concorso internazionale letterario ed artistico allo scopo
di conservare la memoria e rinverdire il fasto e l'antico splendore di queste Opere Divine, veri e propri libri di pietra.
Rivisitazioni letterarie dell'arte sacra, gotica, romanica, barocca delle grandi cattedrali delle città saranno vagliate da una selezionatissima giuria di esperti in grado di selezionare anche componimenti esoterici e ricercati.
La partecipazione è gratuita e si può scegliere di partecipare in concorso o fuori concorso


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Carezza Violenta

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

galleria fotografica

Ci sono luoghi, a volte nemmeno [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto