GTranslate

 

Gauguin ed il fascino del paradiso esotico

di Francesca Bellola

gauguinIl genio incompreso in mostra al Museo delle Culture. Dopo un periodo travagliato ed un susseguirsi di polemiche, ritardi e burocrazie, il MUDEC (Museo delle Culture) di Milano si è finalmente appropriato della sua identità: “un polo multidisciplinare costituito da sedi espositive, un importante centro di ricerca aperto a tutte le comunità internazionali e la grande ambizione di diventare non solo un museo ma “la città del mondo”. Con queste parole l'Assessore alla Cultura del Corno ha inaugurato ufficialmente, lo scorso 27 ottobre, il progetto mirato all'interculturalità per valorizzare le differenze che contraddistinguono i vari popoli. Lo spazio di 17mila mq., ricavato dalla ex acciaieria Ansaldo in zona Tortona, è gestito dal Comune per la direzione scientifica e da Sole 24 Ore Cultura per le rassegne. Il programma prevede l'apertura contemporanea di ben quattro mostre.

galleria fotografica

Per i primi dieci mesi si potrà visitare gratuitamente “A Beautiful Confluence. Anni and Josef Albers e l'America Latina” e la collezione permanente, vera chicca del museo, delle Civiche Raccolte Etnografiche. La conservatrice Carolina Orsini, esporrà a rotazione oltre 7mila reperti provenienti da tutti i continenti che risalgono al periodo che va dal 1200 a.C al '900. In calendario troviamo “Barbie. The Icon” e l'attesa mostra: “Gauguin racconti dal paradiso”. Soffermiamoci su quest'ultima che ben si sposa con la filosofia dello spazio museale. La rassegna, curata da Line Clausen Pedersen e Flemming Friborg e aperta fino al 21 febbraio 2016, presenta circa 70 opere. Per la prima volta in Italia, è possibile ammirare “Autoritratto con Cristo in giallo” prestito del Musèe d'Orsay di Parigi. L'esposizione è integrata da manufatti come le sculture in legno, le ceramiche e le incisioni che fanno emergere l'interesse dell'artista per l'arte cambogiana e peruviana fino alla ricerca di una visione quasi ancestrale della Polinesia. Paul Gaugin, l'anticonformista, evidentemente ha l'avventura nel sangue perché abbandona un'esistenza agiata nel mondo occidentale, per evadere verso quello incontaminato ed esotico dei mari del Sud dove produrrà opere cariche di antichi significati che rimandano al “primitivismo”. Gauguin, dal carattere sofferente e ossessivo, manifestava un profondo bisogno di libertà ed era non a caso amico di Van Gogh, il quale si era amputato un orecchio in seguito ad un litigio con l'artista parigino.

Il suo lavoro come agente di cambio gli offriva l'opportunità di effettuare vantaggiose speculazioni per assicurarsi una vita benestante. Alla fine del 1883 sembra che a Gauguin non mancasse nulla, infatti, vive in una bella casa a Parigi con la ricca moglie danese Mette Sophie Gad e con cinque figli. Nel frattempo coltiva l'hobby della pittura e comincia a partecipare alle mostre degli impressionisti. Il crollo dei mercati finanziari sono il pretesto per dedicarsi totalmente alla pittura. Gauguin si trasferisce con la famiglia a Copenaghen ma, poichè la sua dedizione all'arte è totale, ritorna nella capitale francese dove vive di stenti. Si imbarca con il pittore e amico Charles Laval per la Martinica ma, al rientro, le sue condizioni di salute peggiorano. Gauguin riparte per Tahiti. Il primo quadro che fu inviato in Francia “Donna col fiore” è in mostra e proviene dalla Ny Carlsberg Glyptotek di Copenhagen che ha prestato 35 opere. I suoi continui spostamenti dalla Francia ai Tropici non migliorano la sua salute anzi, senza le vendite dei quadri, i debiti si accumulano e la sua condizione si aggrava per la sifilide. Quando muore nel 1903 Gauguin è un pittore dimenticato finché una mostra, tenutasi a Parigi 3 anni dopo, consacrerà il suo genio fino ad allora incompreso.

Pin It

Le interviste del Direttore

Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph