GTranslate

 

Mobili a tiratura limitata: l’arte arriva anche qui e vivifica il design

di Ugo Perugini

Design PeruginiIl design è una grande risorsa italiana. Lo sappiamo tutti. Ma va continuamente vivificato perché non si inaridisca o, peggio, diventi autoreferenziale. I modi per farlo sono molti. Ad esempio, l’innovazione dei materiali, pensiamo all’uso del solid surface, un materiale composito, formato da tri-idrato di alluminio, resine e pigmenti colorati dalle grandi prestazioni funzionali ed estetiche. Ma anche verso soluzioni di arredo più creative come quelle “contract”, cioè su misura, nel caso di location come uffici, alberghi, luoghi pubblici, realizzati tenendo conto delle esigenze globali della clientela committente.

 

E’ sulla creatività, però, che occorre non perdere di vista il vantaggio che il design italiano ha raggiunto a livello internazionale. Per questo, una società come Boffetto, sensibile e attenta a tali problemi, con una decennale esperienza nel campo del design e nella gestione dei processi industriali per la produzione di arredi, ha dato il via a una originale iniziativa che intende far dialogare artisti e architetti, fondendo idea creativa e capacità artistica, arte, design, artigianalità di alto livello tecnologico per la creazione di pezzi di valore, a tiratura limitata.

Martedì presso lo showroom di via Borgogna 5b, alla presenza dell’amministratore Delegato Gilberto Canderolo, è stata presentata una libreria, prodotta da Boffetto Form to Furniture, in 99 pezzi, disegnata dall’architetto Simone Micheli che ha integrato armonicamente nel suo lavoro un’opera pittorica del Maestro Mario Bernardinello. La libreria è costituita da un pannello in acciaio inox super mirror con mensole e struttura in solid surface nel quale è presente un pannello retroilluminato con la riproduzione dell’opera artistica, anch’esso in solid surface.

In questo lavoro, che non per nulla si chiama “Il letterario graffiti”, la ricerca sulle lettere da parte dell’architetto Micheli si fonde con la ricerca dell’artista sui graffiti, quasi a trovare un equilibrio tra l’ufficialità dell’alfabeto, seppure rivisitato, e l’anarchia dei segni provenienti dalla Street Art. Da ricordare, con l’occasione, anche la libreria realizzata con la collaborazione del designer Maurizio Favetta e dello scultore Lucio Oliveri, intitolata Magnifica, che nell’oggetto di design elegante e raffinato ingloba armonicamente la riproduzione dell’opera di Oliveri, delle mani che si toccano e si cercano.

La mostra sarà visitabile fino al 17 novembre prossimo presso lo Showroom di via Borgogna 5b a Milano.

 

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph