GTranslate

 

Salvatore Gregorietti, da Linus alla Coppa del nonno

Salvatore Gregorietti, da Linus alla Coppa del nonnohttp://www.okarte.it
 
di Ugo Perugini
E’ stato presentato alla Fondazione Feltrinelli il libro, edito da Skira, sulla attività professionale di Salvatore Gregorietti, grafico e designer italiano tra i più prolifici. Un volume corposo, ricchissimo di immagini, intitolato “Salvatore Gregorietti. Un progetto lungo cinquant’anni” (448 pagine, edizione bilingue, 1715 colori, € 49,00), realizzato a cura di Alberto Bassi e Fiorella Bulegato con il contributo di Matteo Gregorietti e completato da altri testi di 14 autori e collaboratori.
 
 
 
Mezzo secolo di progetti grafici che spaziano dalle riviste - “Linus” è del 1965, “Ottagono”, “Casa Vogue” e numerosissime altre – ai lavori editoriali per le più importanti case editrici italiane, tra le quali la Milano Libri, fino alla collaborazione con Benetton (ancora insieme a Oliviero Toscani) con diverse istituzioni e con la Fondazione Feltrinelli. Né mancano progetti di oggetti dal design particolarmente riuscito come le numerose lampade e il famoso contenitore di gelato “Coppa del Nonno” della Motta.

I designer sono sempre personaggi un po’ misteriosi. Quelli che si dedicano alla grafica, forse, ancora di più. Se ne stanno dietro le quinte. Ma il loro lavoro, una volta reso pubblico, se efficace, ha un impatto enorme. Viene colto al volo da tutti, senza distinzioni culturali, senza bisogno di interpretazioni complesse e, soprattutto, condiviso, fatto proprio, assorbito immediatamente nell’immaginario collettivo. Insomma, diventa in breve un “passpartout” eccezionalmente efficace, capace di rappresentare con un segno, una semplice allusione grafica, e senza equivoci, un’azienda, un prodotto, un libro, una rivista, ecc.

Cos’è la grafica a questi livelli? Come ha detto Matteo Gregorietti, figlio di Salvatore, durante la presentazione del libro dedicato al padre si tratta di un’operazione creativa difficile da definire, che tocca livelli di alta qualità e dignità formale, raffinata sintesi tra metodo e passione, “scienza delle soluzioni migliori” ma che si esprime anche a livelli decisamente più umili, quasi al limite della banalità. Forse non aveva torto Munari, quando, a questo proposito. affermò: “Il sogno dell’artista è quello di arrivare al museo, il sogno del designer è quello di entrare nei mercati rionali”.

Ma, naturalmente, non si può generalizzare. Ci sono designer e designer. Salvatore Gregorietti è un vero maestro della grafica e del design. E i suoi lavori hanno davvero segnato un lungo periodo di idee e proposte innovative che hanno aperto nuovi orizzonti, un nuovo modo di intendere la comunicazione aziendale, coniugando la forza persuasiva delle immagini con i contenuti sociali e commerciali (pensiamo alle discusse campagne di Benetton con le foto di Toscani). Senza dimenticare il respiro internazionale nella collaborazione con le grandi multinazionali americane.

Ma le cose sono cambiate negli ultimi anni. Ancora il figlio Matteo, segnala le due grandi rivoluzioni che hanno riguardato la comunicazione visiva. Quella degli anni Sessanta, mossa da ideali utopistici, portata allo sviluppo del pensiero critico, animata dalla voglia di sperimentare e dalla passione, e quella degli anni Duemila, con la rivoluzione tecnologica, inizialmente caratterizzata da una grande euforia, nell’illusione che tutto sia virtualmente possibile, fino all’involuzione che sta attraversando in questi ultimi tempi a causa dello scarso spessore culturale che la anima e che sembra condurla irrimediabilmente all’omologazione e alla mediocrità.
 
Salvatore Gregorietti, da Linus alla Coppa del nonnoPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph