GTranslate

 

Camillo Boccaccino a Brera e gli amori sacri e profani

Camillo Boccaccino a Brera e gli amori sacri e profanihttp://www.okarte.it
Chiusura 01/07/2018
di Ugo Perugini
Le opere a Brera continuano a parlare tra loro e a parlarci. Certo, bisogna saperle ascoltare. Siamo al sesto dialogo che tratta degli amori, sacri e profani, e ruota attorno alla figura non troppo conosciuta, ma decisamente da rivalutare, di Camillo Boccaccino (1504/5-1546). L’allestimento del dialogo è stato curato da Francesca Debolini e Marco Tanzi.
Via Brera, 28 Milano mappa
Inaugurazione 29/03/2018
Le opere a Brera continuano a parlare tra loro e a parlarci. Certo, bisogna saperle ascoltare. Siamo al sesto dialogo che tratta degli amori, sacri e profani, e ruota attorno alla figura non troppo conosciuta, ma decisamente da rivalutare, di Camillo Boccaccino (1504/5-1546). L’allestimento del dialogo è stato curato da Francesca Debolini e Marco Tanzi.

Boccaccino e Procaccini

Questo dialogo è un confronto tra l’amore sacro (la Madonna e suo Figlio appena nato) e profano (Venere, la donna, con Amore rappresentato da un bambinello da lei nato che di lei si nutre). Ma tratteggiamo prima, brevemente, la storia dell’artista.
Cremonese, morto piuttosto giovane, Camillo Boccaccino, forse allievo di Tiziano, viene considerato un manierista fortemente influenzato dall'arte veneta e dai molti maestri italiani di quel periodo, dal Pordenone a Raffaello, dal Correggio al Parmigianino, fino a Giulio Romano.

Di Boccaccino non ci sono arrivate molte opere, quelle più importanti sono soprattutto le pale d’altare, come quella intitolata “Madonna col bambino in gloria con i Santi Bartolomeo, Giovanni Battista, Alberto da Trapani e Girolamo”, per la quale la grande critica d’arte Mina Gregori sottolineerà in un suo famoso saggio “il pregio dell’instabilità atmosferica prodotta dal colore deflagrante”. In effetti, nei suoi lavori gli elementi creativi che ha recepito dai suoi vari maestri, da lui rielaborati con sensibilità, concorrono a creare una miscela esplosiva davvero originale.

Questa è la prima opera che partecipa al dialogo allestito nella sala XV di Brera ed è posta sulla parete di fondo mentre le altre opere le stanno davanti e si tratta di altri due lavori di Boccaccino: una piccolissima opera (10,5 x 16 cm), intitolata “Amore che si specchia nello scudo”, proveniente da collezione privata, e “Venere e Amore”, opera che colpì la fantasia del Lomazzo, pittore e trattatista (fu autore del Trattato dell'arte de la pittura, scoltura et architettura), che già aveva definito questo artista “Acuto nel disegno e grandissimo coloritore”.
Paolo Lomazzo rimase così affascinato dall’opera, che ebbe l’occasione di ammirare di persona in una abitazione milanese, da realizzare nelle sue “Rime” un sonetto in suo onore che inizia così: “Venere bella al picciol figliol dona/la bianca poppa più che avorio e neve…”.

L’altra opera, che fa parte di questo dialogo è ancora una “Venere e Amore” e l’autore è Giulio Cesare Procaccini; datato 1615/20, è una risposta all’analogo soggetto del Boccaccino, che egli aveva eseguito, quasi ottant’anni prima, nel 1532/37.
Di questa opera non si può non ammirare la profonda sensualità che emana la figura di donna, e il particolare, non meno malizioso, della firma dell’Autore tra i peli dell’ascella della donna.

Il prossimo futuro di Brera

Dal 29 marzo riapriranno al pubblico i saloni napoleonici con uno straordinario allestimento che vede il rinnovamento di sette sale (VIII – IX – X – XI – XII – XIV – XV). Didascalie e luci esalteranno le opere del museo poste in una nuova collocazione e valorizzate dal colore delle pareti delle sale napoleoniche.
Inoltre, visto che spesso visitare un museo è stancante, si è pensato di realizzare nuove panche, progettate dal designer Giulio Cappellini, e degli sgabelli portatili, a uso gratuito, per consentire ai visitatori di sedersi e ammirare più comodamente le opere.

Insomma, sotto la guida del Direttore James M. Bradburne, si sta compiendo il progetto della nuova Brera, iniziato due anni fa, con l’obiettivo che il Museo rappresenti sempre di più il cuore pulsante e identitario della città e che i visitatori, che per i primi cinque dialoghi sono stati oltre 715 mila, siano messi in condizione di usufruire di un luogo accogliente e piacevole che favorisca sempre di più la comprensione dei capolavori esposti.
Skira Editore ha realizzato per l’occasione il volume “Attorno agli Amori. Camillo Boccaccino sacro e profano. Sesto dialogo”, 112 pagine, 49 colori, brossura, 17 €.

foto: CamilloBoccaccino, Madonna col bambino in gloria
Camillo Boccaccino, Venere e Amore
Camillo Boccaccino, Amore si specchia nello scudo
Giulio Cesare Procaccini, Venere e Amore

 
Camillo Boccaccino a Brera e gli amori sacri e profaniPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph