GTranslate

 

Le strade dell’arte, come quelle della provvidenza, sono infinite

artisti costruttori di pace
di Ugo Perugini
Presentato il libro di Casimiro Porro “Per le strade dell’arte”. Percorsi e riflessioni di un protagonista tra mercato e istituzioni.
L’amore per le opere d’arte è un sentimento contraddittorio che, al pari di altri che coltiva l’uomo, si manifesta in molti modi: autentico bisogno culturale, desiderio di conoscere, semplice curiosità, spinta egoistica al possesso, opportunità di ostentazione e mondanità, finalità puramente economiche e speculative.
 
 
L’amore per le opere d’arte è un sentimento contraddittorio che, al pari di altri che coltiva l’uomo, si manifesta in molti modi: autentico bisogno culturale, desiderio di conoscere, semplice curiosità, spinta egoistica al possesso, opportunità di ostentazione e mondanità (per chi può permettersene l’acquisto), finalità puramente economiche e speculative.

O, più frequentemente, un mix variabile di tutte queste passioni messe insieme e in grado di coinvolgere un’infinita varietà di professioni o interessi: artisti naturalmente, ma anche collezionisti, galleristi, critici d’arte, studiosi, appassionati, responsabili delle istituzioni, affaristi, falsari, ecc. Sempre, in equilibrio precario tra esigenze culturali e pressioni di mercato.

Per fortuna, molto spesso le opere d’arte, anche a causa di circostanze esterne e talora imprevedibili, o grazie a, più o meno, generose donazioni da parte di privati, da oggetti esclusivi e per pochi “eletti”, approdano alle istituzioni pubbliche, ai musei, e tornano a disposizione del grande pubblico.

Ecco perché un libro come quello di Casimiro Porro - cofondatore insieme a Gian Marco Manusardi di Finarte, la prima casa d’aste italiana del Novecento - intitolato “Per le strade dell’arte”, edito da Skira Paperbacks, è prezioso. Perché è intrigante come un memoriale, reso vivo dalla feconda capacità affabulatoria dell’autore, ma anche perché rappresenta un prezioso documento sia per penetrare dietro le quinte di un mondo - quello dell’arte appunto - dove, accanto ad autentici appassionati, si muovono, spesso nell’ombra, figure piuttosto losche, sia per descrivere, attraverso aneddoti, retroscena sconosciuti, siparietti divertenti, personaggi dal carattere originale, un’epoca gloriosa, vista dagli occhi smaliziati di uno dei più importanti protagonisti del settore.

Il libro contiene anche sei capitoli dedicati a personaggi che Miro (così viene chiamato dagli amici Casimiro Porro) ha conosciuto e con i quali ha condiviso momenti importanti della sua vita, a cominciare da episodi della sua gioventù spensierata e decisamente bohémien, vissuti al Bar Jamaica, considerata la loro prima Università.

Gianfranco Ferroni, Giovanni Testori, Carlo Volpe, Federico Zeri, Giuliano Briganti e Paolo Volponi: di questi grandi artisti, Porro con levità e grazia sottolinea abilità, manie, bizzarrie, difetti, ma soprattutto la grande passione, che spesso sfiorava il fanatismo, nei confronti dell’arte.

Casimiro Porro racconta poi la sua uscita da Finarte e la fondazione della nuova società - che porta il suo nome, Porro & C. - che ha continuato l’attività d’asta e la curatela di numerosi cataloghi e libri d’arte, lasciando le pagine finali a un dialogo con quattro tra i suoi più grandi amici collezionisti: Mario Scaglia, Guido Rossi, Giuseppe Iannaccone e Francesco Micheli.

Il libro è preceduto da una bella prefazione di Gianpietro Borghini, che fu sindaco di Milano negli anni di “tangentopoli” e che ricorda il 1992 non come “annus horribilis”, come lo definì la Regina Elisabetta, ma come il più bello della sua vita. Il motivo fu l’opportunità offerta al Comune di realizzare due importanti acquisizioni: le opere d’arte della collezione Jucker e l’area ex Ansaldo, entrambe casualmente costate attorno ai 47 miliardi di lire, cifra che oggi potremmo definire modesta.

Borghini ricorda ancora l’emozione quando potè per la prima volta ammirare i 44 quadri della collezione della famiglia Juker, conservati nel caveau di Finarte: opere di artisti famosi da Picasso a Mondrian a Boccioni, che oggi rappresentano la spina dorsale del Museo del Novecento. E proprio un’opera di Boccioni, “Elasticità” del 1912, è riprodotta sulla copertina del libro di Porro.
Casimiro Porro, Per le strade dell’arte, Ricordi e riflessioni di un protagonista, tra mercato e istituzioni, 192 pagine, 58 colori, brossura, euro 25,00, Skira Editore Paperbacks.

 
Le strade dell’arte, come quelle della provvidenza, sono infinitePartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph