GTranslate

 

Arte Contemporanea dalla MIART alle Gallerie d’Italia

artisti costruttori di pace
di Ugo Perugini
Grazie alla Fondazione Fiera Milano, è stata organizzata, in collaborazione con Intesa San Paolo, la prima mostra di arte contemporanea presso la Sala delle Colonne in piazza Scala. In totale, 43 opere – delle 82 dell’intera collezione - che sarà possibile visitare dal 14 marzo al 7 maggio.
Piazza della Scala, 6 Milano mappa
Inaugurazione 14/03/2019
Grazie alla Fondazione Fiera Milano, è stata organizzata, in collaborazione con Intesa San Paolo, la prima mostra di arte contemporanea presso la Sala delle Colonne in piazza Scala. In totale, 43 opere – delle 82 dell’intera collezione - che sarà possibile visitare dal 14 marzo al 7 maggio.

E’ una operazione importante, a un mese dall’avvio della prossima edizione di MIART (4 aprile prossimo), che fa da volano a una fiera internazionale d’arte che è una fucina di proposte e linguaggi nuovi (dal film alla fotografia, dal disegno all’installazione) che portano alla luce idee, visioni, rappresentazioni, tra astrazione e figurazione, parole, gesti, spazio e architetture.

Bisogna riconoscere che fino a qualche anno fa sembrava impossibile che le Gallerie d’Italia potessero ospitare opere d’arte contemporanea ma, accanto alla mostra sul Romanticismo, quasi in conclusione, e alle altre esposizioni classiche già attive, questa non stona affatto. Anzi, dimostra che non c’è alcuna cesura tra arte classica e contemporanea.

Questa esposizione, al contrario, segnala la sensibilità di una istituzione come la Fondazione Fiera Milano i cui investimenti (ricordiamo che viene stanziato ogni anno un fondo di 100 mila euro per l’acquisto di opere, attraverso un processo di selezione che coinvolge importanti curatori museali europei) si concretizzano in mostre destinate al pubblico per far conoscere artisti contemporanei, che sono i produttori della cultura del presente. D’altra parte, è banale ricordare che i classici di oggi sono i stati contemporanei di ieri.
Superfluo segnalare anche come l’attività di Fiera Milano abbia una notevole ricaduta sul territorio, considerato che un euro di fatturato della Fiera è destinato a produrre un guadagno dieci volte superiore.

Certamente, per affrontare l’arte contemporanea occorre intelligenza, lungimiranza, coraggio, considerata la complessità dei linguaggi con i quali si presenta e i diversi medium che utilizza. Importante, quindi, che via sia una istituzione che dia enfasi a una Fiera che dura solo quattro giorni ma non si esaurisce in questo breve periodo di tempo e può essere messa a disposizione di chi vuole confrontarsi con una molteplicità di prospettive creative, visioni e voci diverse, provenienti da tutto il mondo.

Da sottolineare anche il progetto di allestimento di Andrea Anastasio, considerato che la sala messa a disposizione, la n° 16, sala delle colonne, presenta diversi problemi, oltre lo spazio ristretto e ostacolato dalle colonne. Problemi superati con originalità e intelligenza, tanto da creare un ambiente intimo in grado di valorizzare e proteggere le opere come una immaginaria e ospitale “domus aurea”.

Tra gli artisti presenti, si notano generazioni e approcci diversi, tanto per citarne alcuni: Dadamaino, Giuseppe Gabellone, Matt Mullican, Marisa Merz, Salvatore Arancio e TorbiØrn RØdland.
 
Arte Contemporanea dalla MIART alle Gallerie d’ItaliaPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph