GTranslate

 

Giancarlo Cerri "I quadri dell'orbo"

artisti costruttori di pace
Chiusura 06/04/2019
Dodici anni fa, esattamente nel 2006, Giancarlo Cerri aveva dovuto smettere di dipingere, non riuscendo più a distinguere i colori…Oggi, invece, si è rimesso davanti a una tela, escogitando una modalità che ha trasformato la sua pittura
Largo Corsia dei Servi, 4, Milano mappa
Inaugurazione 19/03/2019
Arte e solidarietà. Si inaugurerà martedì 19 marzo 2019 al Centro Culturale di Milano in Largo Corsia dei Servi la mostra “I quadri dell’orbo” dedicata al pittore milanese Giancarlo Cerri, da oltre dieci anni ipovedente.
Curata da Stefano de Angelis e realizzata in collaborazione con CBM Italia Onlus, l’organizzazione umanitaria impegnata nella cura e prevenzione della cecità evitabile nei Paesi del Sud del mondo, l’esposizione presenta 21 opere, tutte delle stesse dimensioni (100x80) e realizzate nel 2017.
Ogni dipinto verrà messo in vendita a 1.000 euro, e il ricavato andrà a sostegno del programma di cura e prevenzione della retinopatia del prematuro in America Latina, dove CBM è presente in diversi Paesi come Bolivia, Paraguay e, dal 2019, in Guatemala, formando personale medico locale e fornendo strumenti per l’identificazione precoce e il trattamento della malattia.

Giancarlo Cerri, nato a Milano nel 1938, è tornato a dipingere dopo oltre dieci anni di inattività per la grave maculopatia che lo affligge dal 2004 e che non gli permetteva più di distinguere i colori. Nell’estate del 2017, invece, ha escogitato una nuova modalità di lavoro che gli ha permesso di tornare a vivere l’arte attivamente, sebbene costretto a trasformare la sua pittura col passaggio dai colori ad olio agli acrilici, di più rapida essicazione e maggiormente malleabili.

I nuovi lavori, realizzati per lo più d’estate quando la luce del giorno è molto forte e lo aiuta a “vedere” meglio le tonalità, sono stati “costruiti” usando una tecnica particolare: con l’aiuto di alcune carte di varie misure posizionate sulla tela bianca si creano degli spazi geometrici all’interno dei quali Cerri dipinge. Si tratta dunque di opere dipinte prima per “immaginazione compositiva”, attraverso una vera e propria “architettura” del quadro stesso, con colori acrilici usati in maniera cromaticamente timbrica.

Non più una pittura istintuale e di movimento, ma prevalentemente di composizione: opere astratte intense, sempre alla ricerca dell’essenziale, espressione di quello che l’artista stesso definisce “astrattismo concreto”, quadri costruiti prima nella mente, tuttavia capaci di evidenziare l’immutata attitudine di Giancarlo Cerri di leggere la società e le vibrazioni che quest’ultima trasmette, utilizzando al meglio il linguaggio espressivo che da sempre accompagna la sua vita: la pittura.

Il catalogo della mostra presenta un contributo critico di Stefano Crespi.
CBM è la più grande organizzazione umanitaria internazionale impegnata nella cura e prevenzione della cecità e disabilità evitabile nei Paesi del Sud del mondo. CBM Italia fa parte di CBM, organizzazione attiva dal 1908 composta da 10 associazioni nazionali (Australia, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Italia, Kenya, Nuova Zelanda, USA, Sud Africa e Svizzera) e che insieme sostengono progetti e interventi di tipo medico-sanitario, di sviluppo ed educativo. Dal 1989 CBM è partner dell’Organizzazione Mondiale della Sanità nella lotta contro la cecità prevenibile e la sordità. Lo scorso anno ha raggiunto oltre 35 milioni di persone attraverso 530 progetti in 54 Paesi di tutto il mondo.

Ufficio stampa mostra
Studio de Angelis, Milano | t. 02 45495191 | c. + 39 345 7190941
[email protected] | www.deangelispress.com

Ufficio stampa CBM Italia Onlus
Anita Fiaschetti | c. + 39 347 1661436 | [email protected] | www.cbmitalia.org
 
Giancarlo Cerri Partecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph