GTranslate

 

A Torino dal Musée D'Orsay Dopo Degas e Renoir, arriva Monet

di Ugo Perugini

Inaugurazione 02/10/2015  - Chiusura 31/01/2016 Torino, via Magenta, 31 mappa

monetQuaranta capolavori di Monet, uno dei più amati pittori impressionisti francesi, cinque mai esposti, saranno visitabili alla GAM di Torino fino al 31 gennaio 2016. Si tratta della più grande mostra fuori dai confini francesi di questo pittore. La precedente retrospettiva sull’artista a Parigi del 2010 ha avuto oltre due milioni di visitatori. Quindi, si attende anche per questa esposizione un grande successo di pubblico, visto che già risultano prenotati oltre 700 gruppi di visitatori (con una media di 25 persone ogni gruppo). Il Direttore del Museo D’Orsay, Guy Cogeval, al quale verrà assegnata una laurea honoris causa presso l’Accademia Albertina, ha anche anticipato che nel solco della sua politica di far viaggiare le collezioni del suo museo nel mondo, prossimamente a Torino arriverà anche Manet.

monet

mappa 02/10/2015 31/01/2016 Torino, via Magenta, 31
Una Mostra del genere necessita di notevoli contributi anche privati. A parte il Gruppo Skira che produce la rassegna in collaborazione con la GAM, tra gli sponsor occorre citare il Gruppo Unipol, FCA Fiat 500 e come media partner La Stampa e Il Secolo XIX. Torino punta sull’arte perché crede che la cultura costituisca di per sé un modello di sviluppo e una leva per la qualità della vita sia in termini sociali che economici.

La Mostra descrive i momenti salienti del percorso artistico di Monet. A cominciare dalla famosa opera “Déjeuner sur l’herbe” (per la prima volta in prestito) che rappresenta un passaggio cruciale per l’approdo all’impressionismo (1865-66). Poi, per citarne qualcuno, “La Pie” (1868-1879) con quella “pittura chiara”, quasi abbacinante, che fu rifiutata dalla giuria del Salon; gli studi sulla vibrazione dell’acqua alla luce nei lavori ad Argenteuil (1872); l’interno di un appartamento con un bimbo in penombra (Un coin d’apartement, 1875); la via Montorgueil a Parigi, dove si celebra la festa della pace e del lavoro, con le bandiere che garriscono al vento e la folla animata e entusiasta (1878), fino alla ragazza con il parasole (1886) e la cattedrale di Rouen nelle due versioni con tempo grigio e in pieno sole (1892-1893); per finire con il Parlamento di Londra, immerso nella nebbia che il sole fatica a penetrare (1904).

monetMeno tecniche e teorie e più istinto”. Se volessimo definire in poche parole l’impressionismo questi sarebbero termini molto calzanti. Altra affermazione che forse potrebbe portare chiarezza alla definizione di questo movimento è: i pittori “perseguono unicamente un effetto di impressione, lasciando la ricerca dell’espressione agli amanti della linea”. Altro elemento per capire questo tipo di pittura è la ricerca da parte di questi artisti, Monet in testa, di una certa atemporalità, un assoluto, “la poesia eterna del mondo, in ciò che ha di più affascinante e spontaneo”.

Il lavoro di Monet presuppone una operazione di astrazione, di annullamento del sé, del proprio modo di interpretare razionalmente la natura, che contempli un forte coinvolgimento dal punto di vista emotivo allo scopo di cogliere la verità che possono trasmettere i colori, la luce, nelle sue infinite variazioni (quanto vicine alle variazioni di umore che abbiamo anche noi?). Di qui, la sua pennellata che si fa libera, senza intralci o pregiudizi tecnici. Cosa che all’inizio gli viene rinfacciata aspramente dalla critica. Ma che poi gli sarà riconosciuta come caratteristica propria: si parla, a questo riguardo, di “realismo emotivo”.

Una bella frase di Monet che racchiude la sua poetica: “Sono costretto a continue trasformazioni perché tutto cresce e rinverdisce. Insomma, a forza di trasformazioni, io seguo la natura senza poterla afferrare, e poi questo fiume che scende, risale, un giorno verde, poi giallo, oggi pomeriggio asciutto e domani sarà un torrente.”

Il soggetto, il “motivo” – lo dice lo stesso Monet – conta poco. Conta la ricerca degli effetti di luce e le loro variazioni durante le ore del giorno. Pensiamo alla serie, come le “Ninfee”, peraltro anch’essa oggetto di critiche da parte di chi ha voluto assimilare questi lavori a poco più che un “gioco d’artifizio”, senza tenere conto, invece, della capacità dell’artista di cogliere il rapporto sottile e coinvolgente tra luce e colore. Cezànne affermava, per dare senso all’operazione di astrazione del suo amico pittore: “Monet non è che un occhio, ma che occhio!”. E Guy de Maupassant lo definiva un vero “cacciatore di impressioni”.

Questi sono tutti elementi che tornano utili per chi vuole avvicinarsi a Claude Monet e cercare di capirlo un po’ più a fondo. Davanti ai suoi quadri occorre fermarsi. Il nostro occhio deve rotolare sulle campiture di colore lasciandosi a sua volta impressionare. Bisogna, insomma, cercare di ripetere all’inverso l’operazione che ha compiuto l’artista: sentire i colori con gli occhi, con il cuore, cogliere il piacere ancestrale di certi gialli (che qualcuno ha definito “burro fresco”), passando dai colori “pesanti” come nell’imprevedibile “Gli scogli di Belle-Ile, la costa selvaggia”, alle tenui sfumature delle opere di Argenteuil, alle biancheggianti piume dei Tacchini, ai paesaggi di neve, scoprendo, se siamo accorti, quando il bianco vira verso il blu e ci restituisce un brivido sottile per la schiena.

Galleria Civica di Arte Moderna e Contemporanea

Torino, via Magenta, 31

Orari: lunedì chiuso; da martedì a domenica. 10,00-19,30.

www.mostramonet.it

A Torino dal Musée D'Orsay  Dopo Degas e Renoir, arriva Monet
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph