GTranslate

 

Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani
guastalla Nei giorni d'estate come questi, trovare una piccola oasi di riposo nel caos e nella calura cittadina pare quasi una benedizione. Milano, è cosa risaputa, spesso nasconde meraviglie all'interno di cortili o in angoli poco visibili ai più: rientrano in questa “categoria di nicchia” i giardini della Guastalla, affacciati su via Francesco Sforza, di fronte all'Università Statale e compresi tra l'Ospedale Maggiore e Palazzo Sormani.
 

Il parco meno esteso della città, ma uno dei più antichi, affonda le sue radici nel Cinquecento, quando Paola Lodovica Torelli, Contessa di Guastalla (Reggio Emilia), dopo una prematura vedovanza e una serie di disgrazie famigliari, vende il suo feudo ai Gonzaga per una cifra considerevole e si trasferisce a Milano. E' il 1539 e Lodovica, avvicinatasi da tempo alla religione, si prodiga attivamente in opere di beneficienza nella città lombarda, dove già qualche anno prima aveva promosso la costruzione di edifici per ex-prostitute e per religiose non legate alla regola di clausura, le Angeliche.
 
Nel 1557 fonda il Collegio delle Guastalline per l'educazione di fanciulle nobili ma decadute, che senza altri mezzi sarebbero finite sulla strada o sarebbero incappate in matrimoni di convenienza. Qui le giovani avrebbero potuto trovare un luogo per la loro educazione, istruzione e, raggiunti i 21 anni, per avere una dote che sarebbe servita per il matrimonio o per intraprendere liberamente la vita religiosa.
 
La Contessa, risoluta nelle sue decisioni tanto quanto nel trattare con le più alte personalità dell'epoca, muore nel 1569 e tale è l'impronta che ha lasciato a Milano che la città le ha dedicato via della Guastalla, l’omonima piazzetta, via della Signora e i più pittoreschi giardini cittadini, i “Giardini della Guastalla”. Essi sono voluti proprio da Lodovica per il suo collegio, concepiti come giardini all'italiana dalla geometria e simmetria perfette, con tanto di laghetto con pesci, alimentato dall'acqua del Naviglio che scorre proprio lì accanto, nell'attuale via Francesco Sforza.
Le attività del Collegio proseguono dopo la morte della sua fondatrice, mentre il giardino cambia col tempo la sua fisionomia. Nel 1937 il Comune di Milano acquista l'intera area ed espropria il palazzo del Collegio, che viene trasferito a Monza, dove tuttora ha sede, mentre il giardino, grazie ad una nuova recinzione, può essere visto da tutti dall'esterno.
 
Quello che ammiriamo oggi è un giardino con circa 180 alberi, tra cui secolari aceri, ippocastani, carpini e faggi “monumentali”, quasi delle sculture in legno, immersi in un contesto davvero piacevole. Anzitutto ad accogliere chi entra da via Francesco Sforza c'è una peschiera barocca seicentesca, circondata da un'elegante balaustra perimetrale in granito bianco, che sostituisce il laghetto originario, sotterrato per motivi igienici. Circondata da fiori, la vasca è ancora abitata da vivaci pesci rossi.
 
Altri elementi architettonici sono l'edicola della Maddalena e il tempietto neoclassico. L'edicola, seicentesca come la peschiera, ospita al suo interno una finta grotta con un gruppo in terracotta policroma che rappresenta la Maddalena assistita da angeli dai panneggi svolazzanti, evidentemente un richiamo alla vita virtuosa per le fanciulle del collegio, come quella della Maddalena, ritiratasi a vivere nel deserto una vita ascetica dopo la morte di Gesù. Il tempietto è invece opera più tarda dell'architetto neoclassico Luigi Cagnola, ha forme semplici e pure, e dietro le sue colonne ioniche è ospitata la statua di una ninfa, oggi purtroppo acefala e qua e là sfregiata. Il tutto conferisce un senso di sacralità e di serenità fuori dal flusso del tempo.
 
La Contessa diceva: «Le fanciulle sono come le viti novelle, che se si appoggiano a pali ritti crescono ritte, se a torti, vengono torte e difettose». Per questo motivo anche il giardino, col suo equilibrio e la sua simmetria, contribuiva all'educazione delle giovani. Un fascino che ha attraversato i secoli, se ancora oggi questo angolo della città vede visitatori e semplici passanti trascorrere momenti di relax e di stacco dal daffare di tutti i giorni.
Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Leggi tutto...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

Chiusura 16/07/2020 di Stefano Pariani
Molti milanesi la ricordano ancora come la “gesetta di lusert”, la chiesetta delle lucertole, un edificio [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph