http://www.okarte.it
Inaugurazione Fino al 30 settembre, dal venerdì alla domenica dalle ore 14.00 alle ore 23.00, sarà possibile accedere gratuitamente a 5 mostre, a una bookroom e all'orto planetario. City After the City vuole essere un’estensione all’urbanistica e al territorio del tema Design After Design con il quale le diverse manifestazioni della XXI Triennale si propongono di presentare i cambiamenti riguardanti l’idea stessa di progettualità all’inizio del nuovo millennio.  - Chiusura 30/09/2016
Viale Alemagna, 6 Milano mappaCity After the City.  Progetto Triennale
27/04/2016
mappa Fino al 30 settembre, dal venerdì alla domenica dalle ore 14.00 alle ore 23.00, sarà possibile accedere gratuitamente a 5 mostre, a una bookroom e all'orto planetario. City After the City vuole essere un’estensione all’urbanistica e al territorio del tema Design After Design con il quale le diverse manifestazioni della XXI Triennale si propongono di presentare i cambiamenti riguardanti l’idea stessa di progettualità all’inizio del nuovo millennio. 30/09/2016 Viale Alemagna, 6 Milano
Fino al 30 settembre, dal venerdì alla domenica dalle ore 14.00 alle ore 23.00, sarà possibile accedere gratuitamente a 5 mostre, a una bookroom e all'orto planetario. City After the City vuole essere un’estensione all’urbanistica e al territorio del tema Design After Design con il quale le diverse manifestazioni della XXI Triennale si propongono di presentare i cambiamenti riguardanti l’idea stessa di progettualità all’inizio del nuovo millennio. Il termine “after” ha un doppio significato e può valere per “dopo”, ossia come idea della progettualità in quanto fatto posteriore o susseguente al novecento, oppure per “nonostante”, ossia come progettualità che si fa largo, in via antagonista, a dispetto del persistere di condizioni ascrivibili al secolo precedente. In ogni caso il titolo della Triennale trasmette la suggestione di uno sguardo rivolto a un’attualità da interpretare come un futuro già presente, come in certi romanzi di fantascienza dove si mostra l’affresco di un futuro non lontano che sembra estremizzare il nostro presente.

Da maggio a settembre del 2016 la Triennale mette in mostra nel sito dell’Ex Area Expo Milano 2015 i fermenti presenti in molte città e diffusi ormai in scala planetaria che sembrano a tutti gli effetti rappresentare i sintomi di una tendenza
all’oltrepassamento del modello urbano esistente.
Il racconto delle pulsioni presenti nella città contemporanea articolato nella sequenza delle cinque mostre – il tema narrativo principale riguardante i sintomi
dell’oltrepassamento della città attuale – si svolge perciò impiegando dispositivi multisensoriali e spaziali che tentano di immergere i fruitori in una sorta di “realtà aumentata”. Nello svolgere l’idea del superamento si è voluto mettere alla prova la nostra cultura moderna analizzandola con gli stessi principi e procedure con cui l’antropologia ha tradizionalmente studiato le “altre” culture per cui i diversi soggetti delle mostre sono sviluppati con una certa disinvoltura, organizzando una miscela di elementi eterogenei posti in associazione tra loro. Sono questi elementi ibridi prodotti dalla scomposizione delle varie discipline convenzionali che determinano anche i modi espositivi, sono da queste materie ibride, non classificate, che nascono le proiezioni dei grandi video che raccontano l’aspirazione della città a sconfinare con la natura oltre la tradizione che ha portato alla invenzione del parco urbano.

Nella stessa miscela di elementi eterogenei posti in associazione tra loro troviamo la presenza dei miti della stanzialità da cui proviene il tipico carattere degli oggetti di design nomade pensati per assecondare le aspirazioni giovanili verso un abitare espanso e diffuso ma (anche) confortevole. Una miscela esplosiva è poi quella della mostra dedicata alla Street art, sintomo del superamento dell’arte pubblica, sorta di grande collage di immagini provenienti da ogni parte del mondo. Lo spostamento dal tableau alla table, dal quadro da cavalletto al tavolo da lavoro è sviluppato nelle parti in cui si opera sul piano orizzontale di tavoli da cavalletto veri e propri, direttamente sul pavimento, ecc., con un procedimento ispirato ai sistemi dell’antropologia. E questo avviene sia quando una miscela di elementi eterogenei è disposta sui tavoli di una libreria sia su quelli destinati a mostrare la mappa variegata dei movimenti degli orti urbani. Anche la gigantesca installazione video con l’imponente distesa d’immagini sul pavimento, fantasmi d’intere popolazioni in viaggio, affiancate dalle celebri rappresentazioni di Delacroix o Géricault, diventa un saggio visuale sospeso tra la rappresentazione del dramma, la riflessione politico filosofica e il gioco delle forme.

Le due grandi proiezioni delle pareti di fondo di City After the City presentano due “affreschi” composti da immagini di nuvole e di orizzonti, le prime scelte dall’opera fotografica di Giovanni Chiaramonte, le seconde dall’opera di Joel Meyerowitz. Le immagini, il cui movimento “largo” è accompagnato dalle musiche composte da Carlo Boccadoro, costituiscono il mutevole e sospeso orizzonte visivo delle mostre. Anche nello spazio urbano reale lo spostamento simbolico dal tableau alla table operato dall’agricoltura urbana, non più paesaggio da apprezzare come un quadro ma miscela di ambienti eterogenei posti in associazione tra loro per fruttificare – orti appunto – resta un soggetto controverso per le correnti estetizzanti del paesaggismo con il loro modo tutto pittorico di valutare il paesaggio. È questa anche la sfida dell’Orto Planetario, un altro atlante, un’importante appendice “esotica” delle mostre City After the City disposta nel parterre che riunisce i due padiglioni e che vorrebbe rappresentare il fantasma di una tradizione che unisce il bello e l’utile.

http://www.triennale.org/
Foto: City aftert the City_Expanded Housing_© Gianluca Di Ioia - La TriennaleCity After the City.  Progetto Triennale

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Carezza Violenta

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

galleria fotografica

Ci sono luoghi, a volte nemmeno [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto