GTranslate

 

Conceptual Gallery presenta: Marco Ceravolo

Conceptual Gallery presenta: Marco Ceravolohttp://www.okarte.it
Chiusura 05/08/2018
A pochi mesi dall’apertura della nuova sede milanese, Galleria Conceptual introduce una novità: si chiama Conceptual Projects, e presenterà nuovi artisti, ancora poco conosciuti ma già in possesso di curriculum che preludono ad un futuro promettente. Si tratta di una selezione di nuove proposte, che la galleria vuole intercalare alla scaletta di mostre di artisti già storicizzati che è solita presentare e che continuerà a proporre.
Via Goffredo Mameli 46, 20129 Milano mappa
Inaugurazione 26/06/2018
A pochi mesi dall’apertura della nuova sede milanese, Galleria Conceptual introduce una novità: si chiama Conceptual Projects, e presenterà nuovi artisti, ancora poco conosciuti ma già in possesso di curriculum che preludono ad un futuro promettente. Si tratta di una selezione di nuove proposte, che la galleria vuole intercalare alla scaletta di mostre di artisti già storicizzati che è solita presentare e che continuerà a proporre.

Il primo artista nell’ambito di Conceptual Projects è Marco Ceravolo, Bergamo 1966, che con un curriculum artistico che inizia già da bambino, oggi si fa rappresentante di un nuovo modo di intendere la pittura. La sua è una pittura-scultura, un approccio concettuale nei temi, ma concreto nella scelta e nella maniera della tecnica, nello spessore fisico delle opere e negli evidenti rimandi ad uno studio dello Spazialismo che parte dagli italiani anni Sessanta.
Si tratta di una concezione estremamente contemporanea di pittura, risultato di un articolato viaggio artistico che dura da una vita: a partire dall’Informalismo geometrico, passando per l’Anacronismo e il Surrealismo e rielaborando alcune idee chiave dell’arte Povera e Concettuale degli anni Settanta, approda oggi ad un astrattismo unico nel suo genere. 
Questa mostra esprime il coraggio di affrontare il concetto di pittura e la volontà, pura e concreta, di utilizzare il gesto pittorico, inserendosi appieno nella recente ondata di rivalutazione e di ripresa della pittura di cui molti artisti italiani e internazionali si stanno oggi rendendo protagonisti.
La compresenza di colori, ardita ed equilibrata, si riflette nelle due componenti principali dell’opera: la pittura e l’organza. L’organza vela i dipinti di un intellettualismo particolare, che nasce dall’importanza straordinaria che l’artista dà alla base teorica della sua opera, ma li rende allo stesso tempo materici, come se il quadro uscisse dal suo spazio fisico per invadere l’ambiente. Gli strati di colore spessi, texturizzati, pesanti e incisivi si stagliano sopra - o attraverso - leggerissimi e trasparenti strati di organza che, grazie all’aria che la muove o la luce che crea riflessi sulla superficie, dona un movimento quasi fisico all’opera, che ondeggia e interagisce con le emozioni dello spettatore. 
Uno studio della pittura con la pittura, quindi, contrario ad ogni minimalismo. Un’arte concettuale sì, ma non fredda e difficile, bensì emozionale e coinvolgente, portatrice di una percezione a metà fra spirituale e terreno, fra digitale e materico, fra virtuale e reale. Emozioni che si traducono in smalto gettato con forza sulla tela, smalto che è colore ma anche vero e proprio collante fra la tela e l’organza, emozione come collante delle sfumature e dei colori dell’esistenza.
Le opere esposte sono esempio di una pittura concreta dai risvolti concettuali, per costituire una premessa ad un nuovo tipo di Spazialismo.
 
Conceptual Gallery presenta: Marco CeravoloPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph