GTranslate

 

Cattedrali di carta

artisti costruttori di pace
Chiusura 08/11/2019
In occasione del venticinquesimo anniversario dall’inizio della carriera di Marcello Spada, la Galleria Art Gap è lieta di ospitare l’Artista per la mostra retrospettiva “cattedrali di carta” dal 26 ottobre all’8 novembre 2019.
Via di San Francesco a Ripa 105/a Roma mappa
Inaugurazione 26/10/2019
Acquarellista da sempre, Marcello Spada comincia la sua attività nel lontano 1994 con una prima esposizione collettiva nella Galleria di Luce Monachesi in via del Babbuino a Roma, cui fa seguito due anni dopo una seconda presso Il Triangolo Verde nello storico quartiere capitolino di campo de’ Fiori.
A questo inizio seguiranno numerose altre mostre, tra cui la sua prima personale in uno spazio pubblico che si tenne nel 1999 a Palazzo Bruschi di Tarquinia. Dopo aver esposto in varie città europee, tra cui Parigi, nel 2006 Spada è stato ospitato di nuovo a Palazzo Bruschi per una personale.
In questa mostra antologica, il titolo Cattedrali di carta evoca il rapporto carta-colore di Spada, il quale costruisce attraverso un preciso studio di pieni, vuoti e sfumature, palazzi immaginari e prospettive fantasiose con il solo uso dell’acquerello, tecnica che Marcello Spada padroneggia perfettamente da 25 anni. L’intimità della luce, che crea atmosfere suggestive nei suoi dipinti, riporta a Turner, e a un pathos lirico nell’uso dei bianchi, che creano luoghi non luoghi, con assenza di tempo e spazio, sui quali sovrastano le sue architetture che sembrano sospese in aria. Soltanto una grande padronanza del supporto della carta, opportunamente trattata, oltre a un sapiente gioco del colore, può rendere vive queste costruzioni architettoniche: come dei sogni, le cattedrali di carta nascono dalla mente di Spada in prospettive aeree e sfondo conclusivo di paesaggi, a volte naturalistici, a volte cittadini, spesso nebulosi e oserei dire spettrali, in un luogo sospeso della memoria da cui sorgono i ricordi. La conoscenza dello spazio geometrico che definisce queste cattedrali le rende credibili, imponenti in una rarefazione tutt’altro che reale, ma assolutamente in sintonia con le atmosfere che tanto caratterizzano i processi con cui la mente ricorda.
La presenza di soggetti umani è ridotta al limite, in alcune figurine ritratte per la strada, come se non fosse importante la presenza umana in una scenografia già così ricca. Le cattedrali dunque rimangono le vere protagoniste, anche nelle vie della città, anche in un fiume in mezzo alla natura, o in una bianca scalinata. È un richiamo alle rovine romane dei paesaggi settecenteschi o di alcuni capricci veneziani, che facevano dell’architettura motivo quasi decorativo, ma ecco in Spada diventano, al contrario, un elemento compositivo sostanziale anche se puro sfondo, e quindi conclusione e non inizio dell’opera. Le Cattedrali di carta rappresentano l’approdo attuale di un nuovo percorso artistico di Spada, punto di svolta nella sua esperienza pregressa, e delle sue sperimentazioni con materiali diversi come le resine, che vanno ad arricchire e materializzare i suoi acquerelli.
 
Cattedrali di cartaPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph