GTranslate

 

Thomas Lange | Mutsuo Hirano _ Spital

Thomas Lange | Mutsuo Hirano _ Spitalhttp://www.okarte.it
Chiusura 21/05/2018
Spital allo SMMAVE di Napoli
Via Fuori Porta San Gennaro 15, 80137 Napoli mappa
Inaugurazione 21/04/2018
THOMAS LANGE | MUTSUO HIRANO
Spital
a cura di Davide Sarchioni e Massimo Tartaglione
21 Aprile - 21 maggio 2018
SMMAVE Centro per l'Arte Contemporanea
Santa Maria della Misericordia ai Vergini
Via Fuori Porta S. Gennaro 15 - Napoli
Inaugurazione sabato 21 aprile, ore 18.30
_______________________________________________________________
SMMAVE Centro per l'Arte Contemporanea presenta Spital, il doppio progetto
di Thomas Lange e Mutsuo Hirano dedicato rispettivamente agli spazi della
Chiesa di Santa Maria della Misericordia ai Vergini e ai sottostanti ambienti
ipogei, con la cura di Davide Sarchioni e Massimo Tartaglione.
Da diversi anni Thomas Lange (Berlino, 1957) e Mutsuo Hirano (Hyogo, 1952)
collaborano a progetti di ripristino e di allestimento di importanti architetture
come chiese, scuole e abitazioni private attraverso interventi dal forte impatto
estetico ed emotivo, condividendo una personalissima idea di spazio fisico e
culturale in cui elementi architettonici, pittorici e plastici risultano
indissolubilmente legati tra loro.
Spital, termine tedesco traducibile con ospedale, evidenzia l'intenzione dei due
artisti di riflettere sulla storia del luogo, quando già nel XVI secolo i locali del
complesso di Santa Maria della Misericordia ai Vergini furono destinati ad
ospedale per accogliere sacerdoti, poveri e pellegrini o quando gli ambienti
sotterranei dell'antica chiesa vennero utilizzati per la sepoltura con funzione di
“terrasanta”.
A partire da tale riflessione, Lange e Hirano hanno realizzato due installazioni
distinte come parte di un unico e complesso itinerario visivo e spirituale,
articolato intorno ai concetti di vita-morte-rinascita, che procede per sequenze
e piani di lettura stratificati caricandosi di continue tensioni e molteplici
rimandi legati alla storia dell'arte, alla mitologia, all'attualità.
Thomas Lange rilegge gli spazi della chiesa della “Misericordiella” con una
grande installazione d'impianto teatrale ed altamente suggestiva che ne
enfatizza l'impaginazione barocca, esaltandone gli aspetti sacrali e vitalistici. La
pittura deborda nello spazio tridimensionale attraverso metri di tessuto dipinto
che, cadendo vertiginosamente dall'alto verso il basso ai lati della navata,
veicola il fluire di colori e motivi tratti liberamente dall'iconografia cristiana,
intrecciandosi fra le pieghe sinuose fino a risultare quasi indecifrabili. Al centro
della scena sono disposti con apparente casualità 15 Letti di ospedale,
elementari strutture in ferro ricoperte sommariamente da altrettanti lembi di
cotone/lenzuola su cui sono stati dipinti ritratti di amici e famigliari, quale
riferimento al problema dell'immigrazione clandestina e dell'accoglienza.
Chiude la sequenza l'immagine del volto di un Cristo dipinto su un'ampia rete
metallica che, avvolgendo l'altare maggiore, lo nasconde e lo rivela al tempo
stesso, innescando un corto circuito visivo che vuole insinuare l'idea di una
dimensione magica e mistica.
Negli ambienti ipogei, Mutsuo Hirano si è dedicato invece a costruire
un'affascinante visione interculturale dedicata al tema della morte e dell'
“accoglienza” nell'Aldilà, collocando numerosi e diversi busti di terracotta nelle
nicchie laterali un tempo utilizzate per esporre i corpi dei defunti. Si tratta di
figure sconosciute e dal sapore arcaico che esprimono misteriose simbologie e
rappresentano demoni/custodi modellati attingendo liberamente sia dal
bagaglio iconografico occidentale, sia ai segni e alle tradizioni della cultura
orientale, la cui anatomia suggerisce un lento processo di trasformazione e di
decomposizione della carne. La serie dei 50 teschi bianchi collocati in fondo,
non solo segnala il luogo della “terrasanta” ma, riallacciandosi ad una
significativa tradizione popolare, rende omaggio alle anime dei defunti
accogliendo l'idea della rinascita legata alla Resurrezione. Hirano intende però
esprimere il concetto di "rinascita" anche attraverso un approccio animista a
cui è dedicata la stanza attigua, dove grandi parallelepipedi di terracotta simili
a lapidi piantate nel terreno, nascondono volti simbolici la cui epidermide si rifà
ad elementi naturali, quali pietre porose, cortecce degli alberi e foglie.
Tra la vita e la morte, tra l'“adiquà” dell'esistenza umana e l'”aldilà”
dell'essenza spirituale Lange concepisce una “Porta del paradiso”, vecchie
porte di lamiera di ferro sulle quali l'artista ha dipinto un romantico
ricongiungimento tra Orfeo e Euridice. Hirano risponde con la visione trionfante
di un Profeta dorato abbigliato con un sontuoso e coloratissimo Kimono nuziale.
 
Thomas Lange | Mutsuo Hirano _ SpitalPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph