GTranslate

 

KIND, i provocatori collage di Demetrio Di Grado in mostra dal 29 settembre alla galleria Sudestasi Contemporanea

artisti costruttori di pace
Chiusura 20/10/2018
Demetrio Di Grado ridà una funzione espressiva a materiali di scarto, tra influenze rétro, rimandi alla pop art e richiami all'arte povera.
via Torrenuova 93, Ragusa mappa
Inaugurazione 29/09/2018
Ragusa - Carte ingiallite scampate al macero, ritagli di giornali e riviste incollate su lamiere, tavole e cartoni smontano e rimontano in un ordine apparentemente casuale la rappresentazione della società in cui viviamo. Facendo emergere insensatezze e contraddizioni. Nascono così i collage analogici di Demetrio Di Grado, artista palermitano di origine ma calatino di adozione, che dal 29 settembre al 20 ottobre esporrà nei locali della Galleria Sudestasi contemporanea, in via Torrenuova 93 a Ragusa Ibla (vernissage sabato 29, ore 19). "Kind" è il titolo della mostra, allestita in collaborazione con Zeitgeist Project e a cura di Francesco Piazza.

Nei suoi collage, Demetrio Di Grado ridà una funzione espressiva a materiali di scarto, tra influenze rétro, rimandi alla pop art e richiami all'arte povera. I protagonisti di questo "gioco" espressivo di destrutturazione, giustapposizioni e sovrapposizioni della realtà sono immagini di bimbi riccioluti e signore sorridenti ritagliate dalle réclame di riviste patinate anni degli anni Sessanta, parole scontornate da vecchi giornali scampati al macero, pagine ingiallite di diari e memorie private dalla fitta calligrafia, fotografie di album ritrovati nelle soffitte, carte colorate da regalo sopravvissute al proprio tempo. L'artista li accosta in una composizione "casuale" con parole e frasi dal forte impatto sociale ed emotivo, creando un effetto dirompente sulle coscienze.

«In Kind - scrive il curatore Francesco Piazza nel testo che accompagna la mostra - il collage analogico di Di Grado compie un salto indietro nel tempo. Recupera il valore manuale e operoso dell'arte povera, per comporre immaginarie quinte sceniche di quel teatro che è la vita. Egli ferma il tempo e afferma il suo personale messaggio di denuncia, monolitico e stentoreo, coprendo gli occhi dei personaggi calati in questo tempo sospeso e trasformandoli in superfici su cui "scrivere". Forte di questo codice interpretativo ed espressivo, decide di consegnare ai bambini i pensieri più importanti, (quali migliori messaggeri?). Perché in loro esiste una serietà che noi adulti perdiamo col tempo e che ci costringe a essere più concreti, ed una compostezza che non ti immagini in esseri così apparentemente fragili e indifesi». Attraverso i bambini - continua il curatore - Di Grado afferma quindi «concetti intensi della vita sociale ma con la forza e la leggerezza dell'infanzia».

La mostra osserverà i seguenti orari di apertura: dal martedì al venerdì dalle ore 17,00 alle 20,00; sabato e domenica dalle ore 10,30 alle 13,00 e dalle ore 17,00 alle 20,00 (visitabile anche in altri orari dietro appuntamento).


Info e contatti
Sudestasi Contemporanea
via Torrenuova 93, 97100 Ragusa
www.sudestasicontemporanea.com
Info: 340 4061833 (Ciro)
[email protected]
 
KIND, i provocatori collage di Demetrio Di Grado in mostra dal 29 settembre alla galleria Sudestasi ContemporaneaPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Le interviste del Direttore

Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Leggi tutto...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Leggi tutto...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Leggi tutto...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Leggi tutto...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Leggi tutto...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Leggi tutto...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Leggi tutto...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Leggi tutto...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Leggi tutto...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

BELLATORES TRAILER - Teatro Aleph