GTranslate

 

Archipelagos al Maon di Rende

Sabato 24 novembre 2018 – ore 18:00 ARCHIPÈLAGOS SPAZI CONTIGUI DEL CONTEMPORANEO a cura di Bruno Corà e Tonino Sicoli NICOLA CARRINO - FRANCESCO LO SAVIO – ACHILLE PACE - GIANFRANCO PARDI GIUSEPPE SPAGNULO – GIUSEPPE UNCINI

Sabato 24 novembre alle ore 18 si inaugurerà al MAON, Museo d’arte dell’Otto e Novecento di Rende/Cs, la mostra “ARCHIPÈLAGOS. Spazi contigui del contemporaneo”, con sei artisti italiani importanti della seconda metà del XX secolo: Nicola Carrino, Francesco Lo Savio, Achille Pace, Gianfranco Pardi, Giuseppe Spagnulo e Giuseppe Uncini.

La rassegna è curata da Bruno Corà e Tonino Sicoli e resterà aperta al pubblico fino al 2 febbraio 2018 La storia dell'arte del Secondo Novecento, dopo la stagione delle avanguardie recenti legate alla ricerca astratta, minimalista e poverista, ha prodotto alla fine del secondo millennio una linea di ricerca trasversale, che ha avuto nella sottovalutazione dell'avanguardia stessa il suo momento critico e nello stesso tempo complesso.

Con il ritorno ad una visione artisticamente eclettica sia sul piano dei linguaggi usati che delle tecniche e tecnologie, si sono attivati in maniera trasversale processi ed esiti estremamente problematici. Si può a ragion veduta parlare di una disseminazione pulviscolare progressiva, che ha frantumato le grandi correnti a favore di una fioritura di fenomeni correlati ma autonomi, con una identità non più assimilabile a filoni e modelli, che sono rimasti per lo più appannaggio di una cultura sempre più di massa. Le logiche del mercato pur dilaganti, determinati successi e consensi presso il collezionismo non sono riusciti a vanificare l’idealità e la tensione intellettuale di tanti artisti, che pur avendo sfiorato gli ultimi movimenti e gruppi, di fatto hanno costituito una sorta di arcipelago di “isole poetiche”, vicine ma staccate, contigue ma con una loro identità forte basata su apporti personali, esperienze, sperimentazioni e interazioni anche geografiche, legate ad una mobilità ed ad una possibilità di comunicazione sempre più accentuata, portatrice di inediti intrecci.

Se gli anni Sessanta e Settanta hanno visto le ultime vivacità movimentiste, ci sono stati, tuttavia, artisti più in luce ed altri rimasti più nell’ombra, alcuni che hanno sfiorato l'idea di gruppo o ne hanno fatto parte per poco tempo, altri che hanno mantenuto, invece, un “isolamento” proficuo sul piano della ricerca e del rigore, sul piano della professionalità e sul loro ruolo relazionale e di influenti intellettuali formatori anche di nuove generazioni. Isole portatrici di pensiero e di spunti (che hanno lasciato maggiori tracce di quelle degli artisti più facilmente accolti dal mercato), fautori di scambi e di influenze pur dentro una mappatura variegata e piena di canali, separazioni, vicinanze, lontananze, dialettiche e contrasti. Figure artistiche come quella di Francesco Lo Savio (Roma, 1935 - Marsiglia, 1963), scultore della luce scomparso prematuramente; alcuni esponenti del gruppo Forma Uno: come Giuseppe Uncini (Fabriano, 1929 – Trevi, 2008) con i suoi “cementi armati”, Nicola Carrino (Taranto, 1932 – Roma, 2018), con i suoi moduli costruttivi, o il segnico Achille Pace (Termoli, 1923); lo strutturalista concettuale Gianfranco Pardi (Milano, 1933 - 2012); l’astrattista plastico Giuseppe Spagnulo (Grottaglie, 1936 – 2016). Tutti hanno costituito un arcipelago morfologico e poetico in cui l’immagine è stata azzerata in una ricerca astratta apparentemente semplice ma intrinsecamente complessa.

Spazi installati con strutture dai materiali più antichi e moderni, site specific, installazioni varie hanno creato un cortocircuito fra il naturale e l'artificiale in una matericità rivisitata e reinventata alla luce di un atteggiamento sempre più rizomatico. I legami fra i generi hanno portano ad un linguaggio dell'arte sempre più integrato, interattivo, secante. Verso un'identità multipla e aperta a tutto. Lo spazio è un luogo concettuale e fisico, che si anima di un pensiero visivo e di una struttura totalizzante. La separazione lessicale lascia il campo ad un coinvolgimento comunicativo ed espressivo coincidente, con ricadute semantiche e corrispondenze.

Questi artisti hanno dato spazio ad una linearità e ad un'essenzialità della forma, per indirizzare la ricerca verso soluzioni contaminate e incontri semiotici, segni dialettici, andando oltre le differenze originarie per dar luogo ad una genesi morfologica multi-genere. Scultura, pittura e architettura generano un'arte costruttiva, modulare, strutturale, analitica ma tendente alla sintesi, in un superamento dialogico fra geometrie e organicità, fra bidimensionalità e tridimensionalità, tracciati e schemi, regolarità e materia. Forme elementari disegnate, piegate, spezzate, ricomposte. Il pieno valorizza il vuoto e lo coinvolge nel senso oggettuale, aprendo la composizione al concetto, all'idea, in una purezza contaminata, esito di un ingegno poliedrico. L’evento rientra nelle Mostre Annuali del Centro Capizzano – MAON e fra i progetti PEC 2014- 2020 della Regione Calabria. È organizzato dal Centro “A. Capizzano” di Rende, col patrocinio del Comune di Rende, in intesa, fra gli altri, con Matera Capitale Europea della cultura 2019. Centro “A. Capizzano” / MAON - Museo d'Arte dell’Otto e Novecento Via de Bartolo, 1, Palazzo Vitari - 87036 Rende (Cs) 392 7748505 Apertura da Martedì a Sabato, di mattina su appuntamento / 16:00-19:00. Chiuso i festivi e il lunedì.

Pin It

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Carezza Violenta

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano

Chiese e dimore antiche

Genova: l'incanto di un presepe in marmo del '400

di Stefano Pariani
In periodi di festività come questo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Il fascino senza tempo dei Giardini della Guastalla

di Stefano Pariani  Nei giorni d'estate come questi, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani Non di rado il termine “stupore” [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Correva l'anno 1487 quando, secondo [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

Simbolo dell'epoca comunale e della [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

C'è una fervida creatività che [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

L'immagine del treno e della sua [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

La storia di Milano – le pagine [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani

galleria fotografica La chiamavano [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

redatto da Stefano Pariani: Appena fuori dall'abitato [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

galleria fotografica

Ci sono luoghi, a volte nemmeno [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto