GTranslate

 

POESIA: "IL GIOVANE MENDICANTE" (DEDICATA A TUTTI GLI ARTISTI DI STRADA) R.Z.

      "IL GIOVANE MUSICANTE"

 

(Poesia dedicata a tutti gli artisti di strada del mondo intero e che meriterebbero onori e gloria per il loro talento e per la vita difficile che conducono con dignità e onore)

Roberto Zaoner Sinatra)

Nei sotterranei di questa metro che mi

aiuta a vivere con la musica e parole che

m’invento, nascono note sconosciute

e armoniose, e trovo il mio ardore

artistico.

 

 Mi stavo formando nelle scuole d’arte

coreutiche della mia città, ma la danza

non era per me. Non è stata una mandragora

a infondermi virtù vocali e musicali in una

notte di plenilunio.

 

 Solo, con la chitarra, un’armonica e un

mazzuolo che col pedale faccio battere

contro una grancassa, ormai logora, e che

mi porto sempre dietro, col sudore in fronte,

qualcuno si ferma ad ascoltarmi.

 

 

E poi, di corsa, riprende il suo cammino verso

luoghi che non conosco. Non di frequente sento

il suono dolce e debole di monete che qualche

buon cuore lascia cadere sul mio cappello di

feltro logorato, e che mi aiuta a sopravvivere.

 

 

E poi, la notte riprendo il mio materasso

impolverato e sudicio da quel ponte di ferro

che attraversa il fiume di questa immensa città,

per un riposo meritato.

 

 

Le luci dell’alba si stagliano sui ponti fluviali

e riflessi di raggi di sole disturbano le mie

palpebre ancora chiuse e stanche, e confusamente

mi desto. Mi richiamano al dovere ed io mi devo

riprendere se voglio vivere d’arte.

 

 

Adagio questo mio materasso in un anfratto

di questo tratto di riva ormai a me caro e

riprendo il mio cammino consapevole di

un altro giorno per vivere di musica.

 

 

Il pop e lo swing sono la mia realtà e mi

accarezzano l’anima, e il country mi entra

nel cuor mio solitario. Non mi trovo più

perduto in questa metropoli di gente

sempre indaffarata e pensierosa, che va

incontro al quotidiano senza vivere.

 

 

Non assaporano il presente a gioire delle piccole

cose, e mi pare di buttare il mio canto e la mia

musica nell’aria calda e umida di lunghi

sotterranei di questa stazione brulicante di gente

distratta per tutto ciò che le sta attorno.

 

 

Chi non ha fretta s’intrattiene un po’ ad ascoltarmi

e sorride, e io ne sono lieto. I miei cari avrebbero

voluto un futuro migliore per me, e io mi sento quasi

in colpa e penso a loro e alle loro aspettative bruciate

dai miei giorni senza futuro.

 

 

E non so cosa fare per cancellare i loro tristi e dolorosi

pensieri d’amore per me. Ma devo pensare anche a me.

Non è un’avventura. E’ la mia vita. Non chiedo né cerco

plausi, né successo, che mi toglierebbero dalla strada.

Mi sento vero.

 

 

E ogni giorno è un dolce sollievo che mi rinfranca e

mi vibra nelle vene. La mia vita è questa. La mia libertà

è questa. Essere e rimanere io è la mia grande ambizione.

Qui ho trovato la felicità e canto: “let it be”.

 

10/06/2018.

Roberto Zaoner

Pin It

Le interviste del Direttore

“Baci rubati, Covid 19”, l'arte di Galliani
A cura di Francesca Bellola

Il pittore di fama internazionale si racconta: l'infanzia,...

Read more ...
Luca Pignatelli: «Sempre di corsa, non sappiamo più cos'è l'attesa»
di Francesca Bellola

L'artista: nei miei dipinti c'è lo scorrere del tempo. In queste giornate...


Read more ...
Carta: la vera magia, realizzare i sogni

L'illusionista conosciuto a livello internazionale: «Dopo Ghost sto lavorando agli effetti...


Read more ...
Arnaldo Pomodoro: la mia vita fra Milano, bar Giamaica e Usa

pomodorodi Francesca Bellola

«Ho capito ben presto che la strada della pittura non mi era congeniale,...


Read more ...
Ugo Nespolo, «fuori dal coro» innamorato di Milano

nespolo

 di Francesca Bellola

 Le riflessioni dell'artista dopo che Palazzo Reale gli ha dedicato una...


Read more ...
Giovanni Allevi: «Quando facevo il cameriere alla Scala...»

allevi

di Francesca Bellola

Talentuoso e brillante, empatico e carismatico. Giovanni Allevi, uno dei...


Read more ...
Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it

Francesca Bellola Francesca Bellola, giornalista e direttore editoriale del portale OkArte.it, di cui ha diretto...


Read more ...
Michelangelo Pistoletto: «La mia Mela in Centrale opera aperta al mondo»

pistolettodi Francesca Bellola,

Recentemente la "Mela Reintegrata" è installata definitivamente nella...


Read more ...
Il mondo come lo vorrei Il fotografo Giovanni Gastel tra esordi teatrali e poesia

gastel

di Francesca Bellola

«Da zio Luchino Visconti ho imparato il metodo»

Ha ritratto le donne più...


Read more ...
Mario Lavezzi: un viaggio di musica e parole
lavezzidi Francesca Bellola

Definire la sua attività è riduttivo, è - infatti - compositore,...

Read more ...

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano