GTranslate

 

George Braque. La nascita del Cubismo, capolavori grafici

braqueChiusura 20/11/2018
Braque, fondatore del movimento cubista insieme a Pablo Picasso, affianca per tutta la sua carriera a dipinti e sculture, la creazione di opere grafiche: incisioni, litografie, acqueforti, acquetinte, xilografie e illustrazioni, che rispecchiano fase per fase quelle che sono le tendenze, gli stili, il linguaggio abbracciati nel corso del tempo.
via Santa Marta, 6 Milano mappa
Inaugurazione 10/10/2018
Il grande maestro Georges Braque è in mostra presso la Galleria Deodato Arte a Milano in via Santa Marta 6, dal 10 ottobre al 20 novembre, con un’esposizione dal titolo “Georges Braque. La nascita del Cubismo, capolavori grafici”.

Braque, fondatore del movimento cubista insieme a Pablo Picasso, affianca per tutta la sua carriera a dipinti e sculture, la creazione di opere grafiche: incisioni, litografie, acqueforti, acquetinte, xilografie e illustrazioni, che rispecchiano fase per fase quelle che sono le tendenze, gli stili, il linguaggio abbracciati nel corso del tempo. Di conseguenza, inizialmente influenzato dai Fauves, la sua arte evolve verso la radicale semplificazione della forma e dello spazio per arrivare ad una realtà completamente sintetizzata, alla destrutturazione dell’immagine, alla decostruzione della prospettiva, espressioni tipiche del Cubismo, con una costante attenzione rivolta all’elemento geometrico, ai rapporti coloristici e tonali.

In mostra le oltre 30 importanti opere grafiche originali consentono di ammirare la potenza dell’evoluzione artistica e la peculiarità creativa del capostipite del Cubismo.
I capolavori esposti sono di grande interesse e fortemente caratteristici per sintesi, poesia e per il legame con la realtà come si osserva nella litografia Théière grise (1947) e nelle preziose incisioni Nature morte aux huitres (1950) e Nature morte aux citrons (1960); tutte opere in cui è ricorrente la natura morta, tema molto caro all’artista francese. È proprio nel secondo dopoguerra che Braque si riaccosta a un’interpretazione della natura più realistica, intrisa di aspetti legati al cubismo e si osserva quindi come uccelli, fiori e paesaggi diventino temi frequenti, come testimonia l’incisione ad acquatinta Oiseau et son ombre III (1961).
Nel percorso espositivo si ammirano inoltre splendidi lavori in bianco e nero, ne sono un esempio le litografie Les pommes e (1953) Le ciel gris II (1959) che lasciano spazio a forme originali pure, nelle quali il segno assume maggior rilievo.

La mostra sottolinea il consolidato rapporto di amicizia tra Braque e Pablo Picasso tramite l’esposizione di un disegno e di alcune opere grafiche originali del periodo cubista realizzate dal maestro spagnolo. A seguito dell’avvento del Cubismo, termine utilizzato per la prima volta da Louis Vauxcelles nel 1908 in un articolo sul quotidiano francese “Gil Blas”, i due artisti intraprendono insieme un duraturo cammino di ricerca, di collaborazione, di confronto e dialogo.

Foto: Georges Braque, Nature morte aux citrons,1960, incisione, cm 47x57
 
George Braque. La nascita del Cubismo, capolavori graficiPartecipa al gruppo facebook OK ARTE - Artisti Costruttori di Pace
 
Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano