GTranslate

 

Da Degas a Picasso

picassoDa Degas a Picasso Una collezione nata da una donna visionaria Le Scuderie del Castello Visconteo di Pavia ospitano fino al 19 luglio 2015 i “Capolavori della Johannesburg Art Gallery. Da Degas a Picasso”. Le sessantasette opere in mostra (tra olii, acquerelli e grafiche), provengono dalla Johannesburg Art Gallery (JAG) voluta fortemente da Lady Florence Phillips, (1863-1940), moglie del magnate dell’industria mineraria Sir Lionel Phillips. La ricca signora, nata in Sud Africa, a sua volta collezionista, desiderava creare a Johannesburg un museo che non avesse nulla da invidiare a quelli europei. Le sue preferenze si manifestavano su autori inglesi e francesi del Settecento. L'incontro a Londra nel 1909 con Hugh Percy Lane, facoltoso mercante d'arte inglese nonché collezionista e fondatore della galleria d'arte moderna di Dublino, sarà determinante per la riuscita del progetto. Lane, infatti, le suggerisce nuovi acquisizioni più moderne per quel periodo, facendole scoprire la pittura degli impressionisti.

Purtroppo Lane non visse fino all’inaugurazione del museo nel 1915 perché morì annegato a bordo del transatlantico Rms Lusitania, affondato da un siluro tedesco al largo della costa di Cork, durante la Prima guerra mondiale. Successivamente, anche se in maniera graduale, la JAG si ampliò verso le avanguardie e gli artisti locali. La mostra di Pavia è ideata, prodotta, organizzata da ViDi in collaborazione con il Comune di Pavia e la JAG, con il patrocinio del Consolato Generale del Sudafrica di Milano e realizzata con la consulenza scientifica di Simona Bartolena. Il percorso espositivo inizia proprio con il ritratto di Lady Phillips a 46 anni, dipinto da Antonio Mancini e la scena anglosassone del XIX secolo rappresentata da Turner, Lawrence Alma-Tadema e Dante Gabriel Rossetti. Nella seconda sala si prosegue con la Francia, prima e dopo la stagione impressionista con i lavori di Millet, Courbet, Corot, Toulouse Lautrec e Degas con le “Due ballerine”. Tra le opere spiccano: Cezanne con i “Bagnanti”, ed uno splendido carboncino di Van Gogh raffigurante la testa di un orfano con un cilindro. Nella terza sezione varchiamo il Novecento con le incisioni di Picasso, fra cui risalta la “Testa di Arlecchino II” che venne ritenuta scandalosa dopo l'acquisizione del 1974, le grafiche di Warhol e Lichtenstein, un ritratto a matita di Modigliani, Bacon e tanti altri autori. La conclusione della mostra è originale perché permette di scoprire talenti sudafricani quali Irma Stern e George Pemba. La rassegna di Pavia rende omaggio alla storia di Lady Florence Phillips, una donna affascinante e visionaria che ha saputo dar vita ad un progetto concreto in un luogo lontano dalla cultura dell'arte.

Francesca Bellola

21 marzo – 19 luglio 2015

Scuderie del Castello Visconteo Pavia, viale XI febbraio 35 www.scuderiepavia.com

Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Read more ...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Read more ...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Remember Me

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano