GTranslate

 

Un viaggio in Armenia

Armenia"Un viaggio in Armenia”, di Luigi Vigliotti, è il titolo della mostra fotografica che Spaziogmarte inaugura sabato 15 ottobre alle ore 16,00.

Il progetto raccoglie una serie di fotografie scattate in più anni e durante differenti viaggi nei territori al confine fra la Turchia, Caucaso ed Iran e, nella sua interezza, s'intitola “Ricordi d’Armenia”. Vigliotti è un geologo che vive a Bologna e che ama, nei suoi viaggi, spingersi alla scoperta anche di luoghi poco accessibili, varcando aree lontane dai percorsi turistici, a volte quasi dimenticate dal tempo seppure ancora presenti con proprie popolazioni e culture.

Affrontare disagi ed imprevisti, sul suo percorso gli ha permesso di sperimentare sensazioni più profonde ed intime come solo “un viaggio nel tempo” può offrire. Viaggiando sull’altopiano anatolito, ha ripercorso itinerari dell’antica Via della Seta, entrando in contatto con culture dove, in passato, la cristianità ha lasciato chiese e i monasteri dei quali oggi spesso non restano che macerie ammassate, muri scrostati ed affreschi esposti alla luce intensa del sole. Nella sua presentazione, il progetto si discosta da ciò che, solitamente, ci si può aspettare di vedere visitando una mostra di fotografia. Luigi parla di rivisitazione di un sogno che ha, poi, voluto “......ritrascrivere attraverso le immagini”.

 Le fotografie, infatti, ricordano molto gli schizzi, che gli esploratori tracciavano, con mano rapida e sicura, aggiungendo piccoli tocchi di acquerello, sui loro taccuini di viaggio. La manipolazione delle immagini, che è stata eseguita, in un secondo momento, di per sé, non è una novità nella storia della fotografia. Basti pensare alle manipolazioni che già a metà dell’Ottocento, Oscar Gustave Rejlander, realizzò creando “fotografie composte”, oppure ad Alvin Langdon Coburn con il suo vortografo, ai rayogrammi di Man Ray fino ad arrivare ai nostri giorni con l’uso di photoshopLangdon Coburn, stesso, scrisse, precorrendo i tempi e facendo riferimento a questa pratica:” Per quale motivo anche l’artista della fotocamera non dovrebbe tagliare i ponti con convenzioni ormai logore...e rivendicare la libertà d’espressione di cui ogni arte ha bisogno per mantenersi viva?” Questa scelta ancora oggi crea pareri discordanti ponendo spesso in vivace contrapposizione gli estimatori della fotografia analogica pura con chi preferisce utilizzare i propri scatti fotografici come base, punto di partenza, per creare mondi virtuali e realtà inesistenti. Luigi è ricorso ad una tecnica, non tecnologica, composta essenzialmente da tre diversi passaggi.

Ha prima realizzato le sue fotografie, con una macchina fotografica analogica, su diapositive 35mm. In un secondo momento, ha rifotografato le immagini ottenute, con una Polaroid, per poi trasporre l’emulsione della gelatina fotografica della pellicola su carta umida per acquerello o legno, questo, per creare un effetto”patina del tempo” che le rendesse più vicine al passato che al presente.

La mostra si concluderà sabato 22 ottobre.

Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano