GTranslate

 

Bellotto e Canaletto - Lo stupore e la luce Imperdibile a Milano: 100 opere dei due geni della pittura vedutista

di Clara Bartolini

SalaSi, imperdibile per una straniero la visita a Milano, ormai una delle mete più ambite in Italia. Sarà stata L'Expo, sarà il recupero di tanti luoghi come la restaurata Darsena con i suoi Navigli, sarà il Teatro alla Scala con i suoi rinnovati progetti anche per bambini e famiglie. Sarà la voglia di ritornare ad essere la capitale d'Europa in fatto d'arte, ma davvero da vedere e da ascoltare non mancano i grandi spettacoli e le grandi mostre.

 

L'ultima in programma, tra le tante, presso Gallerie d'Italia di Intesa San Paolo in piazza della Scala, la ricchissima mostra "Bellotto e Canaletto, lo stupore e la luce" che aprirà i battenti il 25 novembre. Ci eravamo abituati alle sorprese di Progetto Cultura, tanto sostenuto dal Presidente Emerito di Intesa Giovanni Bazoli (non dimentichiamo la grande mostra sui capolavori di Hayez)ma, questa nuova mostra, rivela il sempre maggiore impegno culturale che la banca ha messo in campo. La curatrice Bozena Anna Kowalczyk, davvero tra le più preparate su questi due geni della pittura vedutista del 700, è riuscita ad ottenere, con il massimo supporto economico di Intesa, opere provenienti da i più importanti musei del mondo e, un terzo delle opere, in particolare quelle provenienti dalla Royal Collection inglese, non sono mai state esposte in Italia prima d'ora.

I milanesi e i turisti avranno di che lustrarsi gli occhi. La mostra è stata coordinata da Gianfranco Brunelli e si avvale di opere provenienti dal Metropolitan di New York, Dal Paul Getty Museum di Los Angeles, dal Thyssen Bonemisza di Madrid, dall'Hermitage di San Pietroburgo, dalla National Gallery of Victoria di Melbourne, da Alte Meister di Dresda, dal Castello Reale di Varsavia oltre che dal Museo Correr di Venezia,dallo Sforzesco di Milano, dal Museo di Capodimonte a Napoli, senza citarli tutti.

I due pittori veneziani hanno davvero illuminato il “700 con le loro vedute. Come ci racconta la curatrice "Canaletto, grande innovatore, ha rotto con il passato apportando nei suoi quadri la prospettiva e la luce; il nipote Bellotto, non da meno, il realismo e la monumentalità". Dei due famosi veneziani si hanno molte informazioni, in particolare che il Bellotto ha vissuto sei mesi a Milano nel 1744 e ha realizzato opere per politici e grandi famiglie, desiderose di fregiarsi, nelle loro collezioni, di dipinti di un pittore già famoso fin da giovane. Milano ne va fiera. Delle opere parleremo nel dettaglio prossimamente, per ora possiamo confermare: davvero una mostra imperdibile.

Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano