GTranslate

 

Vincenzo Ganci – Città fantasma

GanciCon “Città fantasma” si conclude, per quest’anno, la serie di mostre fotografiche di autori professionisti e non, provenienti da diverse parti d’Italia che, da qualche anno, Spaziogmarte, in linea con i propri obiettivi, seleziona e propone con lo scopo di farli conoscere al grande pubblico ed a chi si occupa di fotografia in modo professionale e competente. La mostra di Vincenzo Ganci parte, con il patrocinio del Comune di Monreale, di Poggioreale e dell’AIRF( Associazione Italiana Reporter Fotografi), sabato 29 ottobre e si concluderà il 12 novembre.

Il progetto fotografico è di un giovane giornalista siciliano di Monreale, una stupenda città che si ricorda soprattutto per la cattedrale di Santa Maria Nuova ed i suoi ricchi mosaici bizantini, per il Castellaccio, risultato d’ ingegnosa architettura arabo-normanna, con i suoi conci squadrati e l’aria severa tipica delle costruzioni militari e le numerose chiese. Tutti luoghi che, fotografati, avrebbero soddisfatto il gusto di qualsiasi turista amante del pittoresco. Nulla di tutto ciò. L’autore ci consegna, invece, immagini che documentano il lento scorrere del tempo su quello che una volta è stato un attivo borgo, situato vicino a Monreale, dalla struttura solida come i suoi muri, anche se oggi scrostati. 

Milano Via Luigi Settembrini, 60/P   29/10/2016 - 12/11/2016
Vincenzo Ganci - Città fantasma
SPAZIOGMARTE

 

E' una realtà che conserva il ricordo forte del passato, sì duro e carico di sacrifici per coloro che hanno vissuto lì, ma anche della floridezza di chi si nutriva di semplicità. Le fotografie che vengono presentate ci raccontano di un paese abbandonato che, sebbene a fatica, continua ad esistere ugualmente, nonostante l’uomo l’abbia pian piano dimenticato ed il tempo cerchi di annullarlo, con tutte le proprie forze. E' una parte di storia siciliana saldamente aggrappata alle proprie origini, a quelle rocce sulle quali l'uomo le ha dato vita che conserva, altera, tutta la propria identità. Non è la prima volta che Ganci si occupa di luoghi abbandonati della sua Sicilia. Fra i suoi primi progetti “Ruderi di Poggioreale” una raccolta di scatti esposti presso la Civica Galleria d’Arte Moderna “Giuseppe Sciortino” di Monreale.

Nella sua ricerca Vincenzo si sofferma, più che sulle vedute d’insieme, sui particolari perché l’intensità della nostalgia grava su di essi con peso maggiore riuscendo a restituirci la consapevolezza che ciò che è stato non potrà più ritornare. E' come se il ricordo, celato nelle architetture del paese, continuasse a dare respiro alle sue vie, anche se sopraffatte dagli sterpi e dalle erbacce; ai suoi muri che sfidano lo sguardo di chi li osserva sgretolarsi; alle sue finestre che, come occhi spalancati, si lasciano attraversare, ancora, dalla luce; ai suoi cortili sul cui selciato giacciono, sparsi e dimenticati, attrezzi di vita quotidiana; alle sue scale che conservano la cura e l'ingegno di chi le ha costruite e reggono ancora il passo della luce che scende dall'alto sfiorandole lievemente.

“L’amata si ama di più nella necessità dello smarrirsi........scatti che raccontano di una perdita......Visioni che si squarciano nel silenzio di qualcosa che non tornerà mai più...” (Raimondo Burgio). E' il racconto di una cultura forte e carica di storia ma è anche una dichiarazione d’amore per la propria terra e per le proprie origini. Vincenzo fa parte di quel tipo di fotografi che, come dice Gianni Berengo Gardin, “ prima pensa e poi casomai scatta”. Nulla è stato lasciato al caso. Prima cerca d’immaginare il soggetto e come deve risultare sulla pellicola. Osservazione e ricerca della luce più giusta per poter raccontare nel modo migliore un’emozione. La rielaborazione successiva è minima, giusto per regolare la scala dei grigi, la nitidezza ed il contrasto per evocare al meglio la sensazione di un tempo passato. La stampa, su carta satinata Kodak Endura, è stata realizzata in collaborazione con un laboratorio specializzato.

Pin It

Andrea Pellicani: Design, Arte e Sostenibilità

a cura di Francesca Bellola
Il design ha a che fare non solo con l'essere umano, ma con le sensazioni e le emozioni che rendono affascinante e seducente un progetto nella sua interezza. Le firme più autorevoli degli studi milanesi hanno conquistato il mondo grazie anche all'estetica, all'eleganza, alle forme assertive e alla giusta dose di passione ed alchimia nella scelta della qualità dei materiali. Andrea Pellicani, designer, progettista d'interni, nonché artista a tutto tondo si esprime pienamente in questo target innovativo e internazionale,

Leggi tutto...

Arturo Bosetti: la profondità della luce

a cura di Francesca Bellola
«Io non provo orgoglio per tutto ciò che come poeta ho prodotto [...] Sono invece orgoglioso del fatto che, nel mio secolo, sono stato l'unico che ha visto chiaro in questa difficile scienza del colore, e sono cosciente di essere superiore a molti saggi». Questa considerazione di Goethe, deriva dal suo saggio “La teoria dei colori” pubblicato nel 1910.

Arturo Bosetti, eclettico artista, con un passato di docente di Disegno e Storia dell'Arte, nonché restauratore, ha colto sin dagli inizi della sua carriera, l'importanza della luce dalla quale scaturiscono i colori.


Leggi tutto...

Puoi accedere su www.okarte.it con una tua password e dopo l'approvazione della registrazione puoi inserire nel sito articoli e foto. Cordiali saluti, Redazione OK ARTE

Ricordami

Questo sito rispetta la "Protezione dei dati personali GDPR - General Data Protection Regulation, Reg. UE 2016/679"

Chiese e dimore antiche

di Stefano Pariani
Ci siamo già occupati sulle pagine di questa rivista di chiese milanesi abbandonate o lasciate all'incuria dei tempi e si auspicava per [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Stefano Pariani
La storia dell'Ospedale Fatebenefratelli di Milano è fortemente legata a quella della sua città e affonda le radici nel Cinquecento, [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto

di Margherita Pavoni
Il luogo senz'altro più affascinante di Bergamo Alta è la piazza Vecchia con i suoi portici e la piazzetta della Basilica di Santa [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Milano: storia di una chiesetta dimenticata e imbrattata

di Stefano Pariani
Sono in molti a Milano a conoscere la Chiesa di Sant'Antonio da Padova, nelle adiacenze del Cimitero Monumentale, luogo che raccoglie [ ... ]

Chiese e Palazzi storiciLeggi tutto
Other Articles

Visita Pavia in 5 minuti

La Certosa di Milano